Il minicondono sulle cartelle esattoriali

di Ignazio Buscema

Pubblicato il 10 gennaio 2014

la Legge di stabilità prevede la possibilità di saldare i debiti con Equitalia al netto degli interessi maturati sulla cartella: ecco la procedura per avvalersi di tale mini condono

La Legge di Stabilità 2014 (legge 27 dicembre 2013, n. 147) permette di usufruire per le cartelle di Equitalia di uno sconto sugli interessi di mora e quelli di ritardata iscrizione a ruolo. La sanatoria consiste in uno sconto che sarà applicato soltanto sugli interessi sia di mora che di ritardata iscrizione a ruolo. I primi si applicano quando il contribuente ritarda il pagamento di somme iscritte a ruolo; in particolare se il pagamento non è stato effettuato nei successivi 60 giorni dalla notifica della cartella. Gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo, invece, si applicano dalla scadenza del termine di presentazione della dichiarazione e fino alla data di consegna all’agente dei ruoli nei quali tali somme sono iscritte a ruolo.

Giova precisare che nessuno sgravio riguarda le sanzioni né l’aggio della riscossione percepito da Equitalia e dagli altri concessionari per l’attività svolta.

L'art. 1, cc. 618-624, della legge di Stabilità prevede la possibilità di "condonare" le cartelle Equitalia, limitatamente a quelle relative a crediti, anche degli enti locali, posti in riscossione coattiva entro il 31 ottobre 2013, e con la sola eccezione delle posizioni debitorie in essere con la Corte dei Conti.Relativamente ai ruoli emessi fino al 31 ottobre 2013 i debitori possono estinguere il debito senza corrispondere interessi e con il pagamento: di una somma pari all'intero importo originariamente iscritto a ruolo, ovvero a quello residuo con esclusione degli interessi per ritardata is