Compensi amministratori in assenza di delibera assembleare

Con la sentenza n. 17673 del 19 luglio 2013 (ud. 13 marzo 2013) la Corte di Cassazione ha negato la deducibilità del compenso agli amministratori, in assenza di delibera dei soci, o di specifica indicazione statutaria.
La sentenza
La Corte richiama e fa proprie precedenti pronunce, in forza delle quali, con  riferimento  alla  determinazione  della  misura  del compenso degli amministratori di società di  capitali,  ai  sensi  dell’art.2389 c.c., comma 1, (nel testo vigente prima delle modifiche,  non  decisive sul punto, di cui al D.Lgs. n. 6 del 2003), ha affermato  che  “qualora  non sia  stabilita  nello  statuto,  è   necessaria   una   esplicita   delibera assembleare, che non può considerarsi implicita in  quella  di  approvazione del bilancio, attesa: la natura imperativa e inderogabile  della  previsione normativa, discendente dall’essere la  disciplina  del  funzionamento  delle società dettata, anche,  nell’interesse  pubblico  al  regolare  svolgimento dell’attività economica, oltre  che  dalla  previsione  come  delitto  della percezione di compensi non previamente deliberati dall’assemblea (art.  2630 c.c., comma 2, abrogato dal D.Lgs. n. 61 del  2002,  art.  1);  la  distinta previsione delle delibera di  approvazione  del  bilancio  e  di  quella  di determinazione dei compensi  (art.  2364  c.c.,  nn.  1  e  3);  la  mancata liberazione degli airministratorì dalla responsabilità di gestione, nel caso di approvazione del bilancio (art. 2434 c.c.); il  diretto  contrasto  delle delibere tacite ed implicite con le regole di formazione della volontà della società (art. 2393 c.c.,  comma  2).  Conseguentemente,  l’approvazione  del bilancio contenente la posta relativa ai compensi degli amministratori non è idonea a configurare la specifica delibera richiesta  dall’art.  2389  cit., salvo che un’assemblea  convocata  solo  per  l’approvazione  del  bilancio, essendo  totalitaria,  non  abbia  espressamente  discusso  e  approvato  la proposta di determinazione dei compensi degli  amministratori”  (Cass.  sez. un., 29 agosto 2008, n. 21933; si veda, inoltre, Cass. n. 28243 del 2005).
 
Breve nota
La disciplina  dettata  dall’art.  2389  c.c.  deve  ritenersi  di carattere imperativo ed inderogabile la cui violazione determina la sanzione della nullità senza  possibilità  di  convalida,  laddove  non  espressamente stabilito dalla legge.  L’attribuzione  e  la determinazione  dei  compensi  da corrispondere agli amministratori di  società  devono  essere  contenute  in apposita  deliberazione  adottata  da  parte  dell’assemblea  dei  soci.  La deliberazione di  approvazione  del  bilancio  d’esercizio  non  è  pertanto suscettibile di costituire espressione implicita di simile volontà da  parte dell’organo assembleare.
Sono questi i principi che si ricavano dalla lettura della sentenza in commento, che richiama il precedente giurisprudenziale della stessa Corte di Cassazione a SS.UU. n.21933/2008.
L’intervento della Corte di Cassazione a SS.UU. appare decisivo per dirimere la questione che vedeva due posizioni contrapposte:

da una parte –  sentenza n. 3774 del 1995 -, coloro che…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it