Professionisti iscritti ad albi e prestazioni occasionali: quando i compensi sono soggetti ad IVA?

Liberi professionisti iscritti a ordini, collegi e ruoli, un tempo categorie considerate privilegiate, oggi fanno i conti con l’incertezza del presente e un futuro nebuloso. Categorie messe a dura prova dalla crisi economica si trovano costrette a fronteggiare la diminuzione del fatturato esplorando nuove opportunità lavorative molto spesso estranee all’esercizio dell’arte o della professione. Va quindi verificata, in via interpretativa, l’eventuale l’imponibilità Iva dei compensi percepiti da professionisti iscritti in albi per le prestazioni occasionali rese.
 
Riferimento normativo
Regola
Il comma primo dell’art. 5, del D.P.R. 26.10.1972, n. 633, precisa che per esercizio di arti e professioni si intende l’esercizio per professione abituale, ancorché non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo da …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it