La costituzione online della SRL e della SRLS

L’Unione Europea è intervenuta imponendo che gli Stati membri inseriscano, entro il prossimo 1° agosto 2021, nella propria normativa nazionale, delle regole che consentano, in alternativa a quella attuale, la costituzione online delle SRL e della SRLS.

costituzione online della SRL e della SRLS Le direttive dell’Unione Europea: premessa

Prima di scendere nel vivo della questione relativa alla costituzione online di srl e srls, soffermiamoci sul funzionamento delle direttive comunitarie.

E’ opportuno rammentare quale sia l’effetto di una Direttiva della Unione Europea sulla legislazione degli Stati membri e, di conseguenza, sull’Italia.

Ebbene, la Direttiva ha come intento quello di obbligare gli Stati membri a legiferare, secondo proprie modalità, al fine di recepire, nella propria legislazione, gli obiettivi che la stessa Direttiva vuole perseguire.

Naturalmente, il legislatore nazionale si servirà di propri strumenti giuridici e, quindi, in propria libertà e secondo la normativa nazionale, al fine di porre la propria legislazione in sintonia con le disposizioni comunitarie.

E’ utile, inoltre, tener presente che, differentemente dalla Direttiva di cui sopra, il Regolamento è, al contrario, un provvedimento legislativo europeo che viene integralmente “assorbito” nella legislazione nazionale.

Per concludere, la Direttiva, pur essendo un atto vincolante, deve essere dapprima recepita nella legislazione nazionale con una normativa nazionale per raggiungere un certo risultato, laddove il Regolamento entra direttamente nella legislazione nazionale per essere direttamente applicata dalla comunità locale.

 

Costituzione di srl: la procedura attuale

La costituzione di una SRL, attualmente, richiede, come unica strada percorribile, la presenza fisica dei soci (la procura, che taluno può rilasciare ad altra persona, conferma l’esigenza della presenza fisica) presso lo studio notarile, perché il notaio[1] (per la redazione dell’atto pubblico) predisponga lo statuto, anche sulla base dei desiderata dei clienti e, in particolare, modulandolo, in ragione tra l’altro dell’oggetto sociale, dell’attribuzione dell’amministrazione ad un solo soggetto ovvero ad un consiglio di amministrazione (normalmente, si preferisce considerare ambedue le ipotesi per rendere lo statuto autosufficiente nel caso di mutamento di scelta da parte della società) e inserendo, nello stesso, tutti gli elementi richiesti dall’art. 2463 c.c..

Il capitale, se inferiore a € 10.000, con un minimo di € 1, deve essere versato in danaro per intero alle persone cui è affidata l’amministrazione.

A questo tipo di società, con contratto o con atto unilaterale, possono partecipare persone fisiche e/o persone giuridiche.

Per la SRLS, il successivo art. 2463-bis c.c. consente la partecipazione di sole persone fisiche, con contratto o con atto unilaterale, dispone che l’atto costitutivo, da redigere per atto pubblico, deve essere redatto secondo il modello standard approvato con decreto interministeriale (D.M. 23 giugno 2012, n. 138), con capitale sociale di almeno € 1 e, comunque, inferiore a € 10.000, prevede, inoltre, che detto capitale deve essere versato integralmente all’atto della costituzione nelle mani dell’organo amministrativo.

E’ utile riportare l’art. 10, della Direttiva dell’Unione Europea 14/06/2017, n. 2017/1132/UE, che dispone la forma dell’atto pubblico quando si tratta di costituire o modificare l’atto costitutivo e lo statuto di una società:

“In tutti gli Stati membri la cui legislazione non preveda, all’atto della costituzione, un controllo preventivo amministrativo o giudiziario, l’atto costitutivo e lo statuto della società e le loro modifiche devono rivestire la forma di atto pubblico”.

 

La procedura alternativa e le definizioni

Entro il 1° agosto 2021, a seguito delle modifiche apportate, ad opera della Direttiva UE del 20 giugno 2019/1151, alla precedente Direttiva dell’Unione Europea del 14 giugno 2017, n. 2017/1132/UE (di seguito “Direttiva”, mentre, se non precisato, gli articoli indicati di seguito afferiscono alla stessa Direttiva), gli Stati membri devono modificare la propria normativa nazionale (nel caso del nostro Paese, il Diritto…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it