Successioni transfrontaliere: come dare esecuzione ad un testamento redatto in America

L’articolo tratta il caso relativo alle modalità operative per dare esecuzione ad un testamento redatto in America da parte di Cittadino Americano o da parte di Cittadino Italiano.

 

Le successioni transfrontaliere tra Italia e America

 

successioni transfrontaliere e testamento americanoLa problematica delle successioni transfrontaliere tra Italia e Stati Uniti è una problematica particolarmente complessa ed attuale, dato che il numero di soggetti coinvolti in casistiche del genere è via via crescente.

Il caso che tratteremo qui è relativo alle modalità operative per dare esecuzione ad un testamento redatto in America da parte di Cittadino Americano o da parte di Cittadino Italiano.

 

Iniziamo col dire che la legislazione americana in materia di successione testamentaria è molto diversa rispetto a quella italiana; è pertanto importante conoscere bene tali differenze onde evitare difficoltà in fase di esecuzione testamentaria.

Suddividiamo poi il nostro caso di studio in due sottocasi.

 

Sottocaso 1: Cittadinanza del testatore sia americana che italiana

 

  • Beni ereditari situati in: America
  • Testamento redatto in: America
  • Cittadinanza del testatore: americana e italiana

 

Esempio:

Il Sig. Mario Rossi è nato in Italia ed è dunque Cittadino Italiano ma si è poi trasferito in America dove ha acquisito la Cittadinanza Americana. Egli ha fatto testamento a San Francisco e poi è ritornato in Italia, dove attualmente risiede.

 

Il Sig. Rossi del nostro esempio rientra nel Sottocaso 1, in quanto è sufficiente essere Cittadini Americani per rientrare in questa casistica: non ha importanza, cioè, che il testatore abbia anche un’altra Cittadinanza, nella fattispecie, quella Italiana. Vediamone ora le modalità di esecuzione.

Secondo le leggi Americane, qualora il de cuius abbia redatto testamento (last will), quest’ultimo sarà sottoposto ad un procedimento di autenticazione che si svolge con la supervisione del tribunale Americano. Questo procedimento di autenticazione si definisce probate.

Ogni Stato Americano conduce questo importante procedimento secondo regole diverse, contenute nei rispettivi Probate code.

Sarà pertanto estremamente importante individuare lo Stato in cui fu redatto il testamento Americano, dato che il probate sarà regolamentato dalle leggi di quello Stato.

 

Il probate è un procedimento che ha i seguenti scopi:

  1. verificare la validità del testamento;
     
  2. individuare i beni del de cuius, sia in quanto a loro valore sia in quanto a loro collocazione attuale;
     
  3. designare un esecutore testamentario;
     
  4. individuare (e soddisfare) eventuali creditori del de cuius;
     
  5. adempiere alle obbligazioni tributarie;
     
  6. distribuire il patrimonio rimanente tra gli eredi designati.

 

Operativamente parlando, il probate comporta la necessità di incaricare un professionista (il più delle volte sarà un Avvocato Americano) per la gestione del medesimo.

 

Sottocaso 2: Solo cittadinanza italiana

 

  • Beni ereditari situati in: America
  • Testamento redatto in: America
  • Cittadinanza di colui che fa testamento: solamente italiana

 

La caratteristica saliente di questo secondo sottocaso è il fatto che il testatore ha solamente la Cittadinanza Italiana.

Se il de cuius ha redatto il testamento in America pur non essendo Cittadino Americano, per poter validamente condurre il probate, e quindi procedere alla divisione degli assets, è necessario che il testamento sia previamente pubblicato in Italia.

La problematica della pubblicazione di un testamento Americano in Italia è una delle più spinose e complesse e vediamo di spiegarla per sommi capi.

Queste sono le fasi salienti:

 

  1. Apposizione dell’apostilla.

L’apostilla è una certificazione rilasciata dalle autorità competenti del paese straniero, in questo caso gli Stati Uniti. La certificazione è volta ad attestare l’autenticità del documento (nel nostro caso, il testamento) e la qualità legale dell’Autorità rilasciante.

 

  1. Traduzione giurata.

Il testamento così validato con l’apostilla deve essere tradotto in lingua Italiana mediante una traduzione giurata, in modo che anche nella traduzione il testamento…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it