Se il professionista ha troppe spese paga IRAP

il libero professionista (ad esempio un revisore) che presenta un elevato ammontare di spese sostenute (ammortamenti, spese relative ad immobili, altre spese documentate) in dichiarazione dei redditi è soggetto ad IRAP in quanto da tali spese si deduce l’esistenza di autonoma organizzazione

Con la sentenza n. 8638 del 29 aprile 2015 (ud. 13 febbraio 2015) la Corte di Cassazione torna ad occuparsi di Irap professionisti, in presenza di spese elevate.

Il processo

Il contribuente, esercente la professione di revisore contabile, impugnava il silenzio-rifiuto dell’Agenzia delle Entrate sull’istanza di rimborso delle somme versate a titolo di Irap per gli anni dal 1998 al 2004.

La CTP di Parma, respingeva l’istanza di rimborso. La CTR dell’Emilia-Romagna, sez. staccata di Parma, in parziale riforma della sentenza della CTP, accoglieva il ricorso del contribuente limitatamente alle annualità 2003 e 2004.

La CTR, in particolare, con riferimento all’annualità sopra indicate, rilevava che il contribuente non si era avvalso di dipendenti e collaboratori stabili, mentre le dotazioni di mezzi quali risultanti dal registro beni ammortizzabili ricomprendeva beni certamente non inerenti all’attività professionale svolta e che quindi erano inidonei ad attestare la sussistenza di quella “autonoma organizzazione” che è presupposto dell’Irap.

Il ricorso delle Entrate

Per la cassazione di detta sentenza ha proposto ricorso l’Agenzia delle Entrate, deducendo l’omessa e contraddittoria motivazione su un fatto decisivo della controversia in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, rilevando che la CTR ha omesso ogni valutazione sull’incidenza e rilevanza dei dati risultanti dalle dichiarazioni dei redditi del contribuente, avuto riguardo in particolare ai costi esposti nel quadro RE, costituenti indici di attività autonomamente organizzata.

Lamenta al riguardo che la CTR si è limitata ad “affermazioni generiche, ritenendo irrilevanti le spese relative a lavori di ristrutturazione, vari elementi di arredo, di rappresentanza, tappeti e quadri, nonostante lo stesso contribuente avesse affermato, nell’atto di appello, che tali spese si riferivano a locali usati per studio professionale”.

La sentenza

Rilevano i massimi giudici che è ormai orientamento consolidato della Corte di Cassazione, che il tributo Irap è dovuto quando sussiste il requisito dell’organizzazione autonoma dell’attività (v., ex plurimis, Cass. 16 febbraio 2007, n. 3680). “In particolare si precisa che l’autorganizzazione del professionista, intesa come autonomia ed indipendenza nell’esercizio della attività rispetto ai terzi, è sì un elemento essenziale per la sottoposizione all’imposta, ma non è sufficiente, essendo altresì necessario un elemento organizzativo esterno, basato sull’esistenza di beni strumentali, ricorso a lavoro altrui ed apporto di capitale anche in via tra loro alternativa. L’esistenza di un’autonoma organizzazione, che costituisce il presupposto per l’assoggettamento ad imposizione dei soggetti esercenti arti o professioni indicati nel D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 49, comma 1, postula che l’attività abituale del professionista si avvalga di una organizzazione dotata di un minimo di autonomia che potenzi ed accresca l’attività produttiva. Non è, invece, necessario che la struttura organizzata sia in grado di funzionare in assenza del titolare, nè assume alcun rilievo, ai fini della esclusione di tale presupposto, la circostanza che l’apporto del titolare sia insostituibile per ragioni giuridiche o perchè la clientela si rivolga alla struttura in considerazione delle sue particolari capacità (v. Cass. n. 5001 del 2007; Cass. n. 3677/2007)”.

 

Nel caso di specie, la sentenza impugnata ha rilevato la mancanza di inerenza del complesso di voci di spesa sostenute dal contribuente, quali desumibili dal Quadro RE della dichiarazione dei redditi relativa agli anni 2003 e 2004, per quote di ammortamento (13.791,00 Euro nell’anno 2003 e 17.570,00 Euro nell’anno 2004), spese relative ad immobili (24.055 Euro nell’anno 2003 e 28.725,00 Euro per l’anno 2004), ed altre spese documentate.

Tali spese, in gran parte relative a lavori di ristrutturazione e di arredo dello studio professionale del contribuente, al contrario, osserva la Corte, “devono…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it