La corretta motivazione dell’avviso di accertamento

di Enzo Di Giacomo

Pubblicato il 15 maggio 2014

l’avviso di accertamento deve considerarsi motivato quando consente al giudice di delimitare le ragioni dell’ufficio finanziario nella successiva fase contenziosa e al contribuente di comprendere le ragioni della maggiore pretesa ai fini del diritto di difesa

L’avviso di accertamento deve considerarsi motivato quando consente al giudice di delimitare le ragioni dell’ufficio finanziario nella successiva fase contenziosa e al contribuente di comprendere le ragioni della maggiore pretesa ai fini del diritto di difesa.

L’interessante principio è contenuto nella sent. n. 217/2014 della CTR di Roma da cui emerge che il giudizio tributario è un giudizio di impugnazione dell’atto per cui è diretto all’accertamento sostanziale del rapporto e il giudice deve fermarsi alla pronuncia di annullamento dichiarando l’invalidazione dell’atto.

Esiste un obbligo generale di motivazione degli atti amministrativi applicabile anche alle cartelle di pagamento. La motivazione consiste n