L’accesso all’abitazione di fatto

di Enzo Di Giacomo

Pubblicato il 20 maggio 2013

al fisco è negato l'accesso all'abitazione "di fatto" del contribuente (ad esempio l'abitazione della convivente) se sprovvisto delle necessarie autorizzazioni

L’accesso per ispezioni e verifiche può avvenire soltanto nel luogo autorizzato dal magistrato ma non può avvenire nell’abitazione della convivente.

La Suprema Corte, con la sent. 22 febbraio 2013, n. 4498, ha ritenuto che in tema di ispezioni o verifiche da parte dell’ufficio finanziario o della GdiF l’autorizzazione all’accesso ex art. 52 Dpr n. 633/72 legittima solo lo specifico accesso autorizzato e non negli altri luoghi dove c’è l’abitazione di fatto.

 

L’art. 52 Dpr n. 633/72 disciplina le ispezioni e le verifiche in tema di imposta sul valore aggiunto, prevedendo l'accesso di dipendenti dell’A.F. o della G