Sentenze fiscali: sospensione ammessa

L’esecuzione della sentenza della Commissione tributaria regionale può essere sospesa qualora sia presentata istanza di parte e se dall’esecuzione possa derivare un danno grave e irreparabile, anche nel caso in cui sia stato già proposto ricorso per cassazione.
Quanto sopra è contenuto nella sent. n. 109 depositata il 24 aprile 2012 della Corte Costituzionale che ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 49, c. 1, del D.Lgs. n. 546 del 1992 (il quale prevede che alle sentenze di appello si applicano le disposizioni civilistiche fatto salvo l’art. 337 C.p.c. in tema di sospensione dell’esecuzione della sentenza e dei processi) in riferimento agli artt. 3, 24, 111 e 113 Cost..
 
Sospensione dell’esecuzione: principio civilistico
Il legislatore disciplina l’istituto della sospensione dell’esecuzione nell’ambito del ricorso per cassazione all’art. 373 C.p.c., prevedendo che il ricorso stesso non sospende l’esecuzione della sentenza, anche se il giudice che ha pronunciato la sentenza impugnata può, su istanza di parte (da presentare al giudice di pace o al tribunale) qualora dall’esecuzione possa derivare grave e irreparabile danno, disporre con ordinanza non impugnabile che l’esecuzione sia sospesa o che sia prestata congrua cauzione (artt. 119, 177 n. 2, 623 c.p.c.).
Circa l’applicazione dell’istituto della sospensione (art. 373 C.p.c.) anche al giudizio tributario si devono registrare difformi orientamenti giurisprudenziali a cui hanno trovato una soluzione varie pronunce della Corte di Cassazione (cfr. sent. n. 217/2010). La giurisprudenza di merito dal canto suo ha affermato che al giudice di appello non è consentito la sospensione dell’esecutività della sentenza di secondo grado in pendenza del ricorso per cassazione, secondo quanto statuito dalla sentenza n. 165 del 2000 (CTR Lazio 24 novembre 2011). Appaiono contestabili la «diretta» applicazione dell’art. 373 c.p.c. e gli asseriti connotati della necessità dell’esecuzione coattiva in atto, di una irreparabilità del danno insuscettibile in assoluto di ristorabilità per equivalente, dell’irrilevanza del «fumus boni iuris», dovendosi escludere, altresì, che il deposito del ricorso per cassazione costituisca condizione di ammissibilità dell’istanza. (CTR Lazio ord. 13 gennaio 2010).
 
Sospensione in ambito tributario
La tutela cautelare costituisce un elemento processuale di equilibrio tra le parti in causa, assurgendo a strumento di compensazione, in sede processuale, dello squilibrio tra contribuente e fisco a seguito dell’emanazione dell’atto impositivo. La tutela cautelare si contraddistingue per la esecutività, essendo connotata dalla strumentalità e dalla provvisorietà. La prima consiste nel fatto che la misura cautelare è preordinata ad assicurare o garantire gli effetti sattisfattivi della decisione di merito, mentre la seconda consiste nel fatto che il provvedimento cautelare è destinato a venire meno con la sentenza di merito. Nel processo tributario l’azione cautelare può proporsi solo nel corso della causa in via incidentale e, pertanto, in funzione di essa, mentre non è possibile nel sistema processuale tributario una tutela cautelare preventiva avverso gli atti. L’art. 47 elenca le condizioni che devono ricorrere affinché la Commissione tributaria provinciale possa emettere il provvedimento di sospensione, che consistono nel fumus boni juris e nel periculum in mora. Il primo è da intendere come la ragionevole ammissibilità o fondatezza apparente del ricorso ricavabile da una cognizione sommaria delle censure. Il periculum in mora è il fondato timore che nelle more del processo il contribuente possa subire un ulteriore e diverso…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it