Lavoratore extra UE: i familiari non residenti hanno diritto agli ANF?

di Antonella Madia

Pubblicato il 9 dicembre 2020

Cosa succede se il lavoratore extra UE fa richiesta di assegni al nucleo familiare per i propri familiari non residenti nel territorio italiano? La risposta finora è stata semplice: ai familiari di detto lavoratore non spettano gli ANF.
La questione, a fronte della Direttiva Europea sul permesso unico di lavoro, è stata però portata di fronte alla Corte di Giustizia UE.

ANF familiari non residenti del lavoratore extra UE: premessa

lavoratore extra ue anf familiari non residentiDi recente è stata portata di fronte alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea una questione riguardante la sicurezza sociale nei confronti dei lavoratori, che riguarda le leggi applicate nello Stato Italiano. In particolar modo, la Corte si è trovata a decidere sulla questione riguardante gli assegni al nucleo familiare (ANF), è ancora più nel dettaglio, se gli ANF spettano al lavoratore extra UE quando i suoi familiari non sono residenti nello Stato membro nel quale tale soggetto lavora.

Se vuoi approfondire:  "ANF: a regime la nuova modalità di compilazione del flusso Uniemens"

 

La disciplina italiana in materia di ANF e la norma sui familiari non residenti

La disciplina in materia di assegni al nucleo familiare, disciplinata dal D.L. 69/1988, convertito con Legge n. 153/1988, prevede con l'art. 2 l’introduzione dell’assegno al nucleo familiare (ANF), che riguarda ciascun lavoratore in maniera differente sulla base non solo dei componenti del nucleo familiare ma anche del reddito del nucleo stesso.

La questione specificamente