A proposito di detrazione IVA: una confusione non necessaria

L’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate espressa con la circolare n. 1/2018 collide con le disposizioni interne che disciplinano la detrazione IVA in relazione alle liquidazioni periodiche (Decreto 100/1998), le quali prevedono il diritto a detrarre l’IVA relativamente agli acquisti effettuati con riferimento ad un determinato periodo infrannuale (mese o trimestre) alla duplice condizione della registrazione e al possesso della fattura che devono essere verificate entro il termine del giorno 16 del mese successivo a quello di riferimento (ovvero del giorno 16 del secondo mese successivo a trimestre di riferimento).

L’interpretazione della circolare 1/2018, risulta non in linea anche con la direttiva UE 112/2006 la quale subordina l’esercizio della detrazione al possesso della fattura, condizione però che deve essere verificata entro il termine delle operazioni di liquidazione e non entro il termine di riferimento della stessa liquidazione.

L’Agenzia delle Entrate è andata oltre e ha fornito un’interpretazione delle nuove norme in materia di detrazione dicendo ciò che le norme (interne e Unionali) non dicono.

*****

L’agenzia delle Entrate con la circolare 1/2018 sostiene che la detrazione IVA è un diritto che sorge dal momento in cui la relativa imposta è esigibile ma può essere esercitato solamente dal momento in cui risultino verificate due condizioni:

  • Esigibilità dell’IVA relativamente all’operazione;
  • Possesso (ricezione) della fattura.

Pertanto il contribuente potrà esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA (già esigibile) unicamente dal momento in cui ha ricevuto la fattura di acquisto.

Ne deriva che, in riferimento alle operazioni di acquisto del mese di gennaio 2018, il contribuente potrà esercitare il diritto alla detrazione con riferimento allo stesso mese solamente se ha ricevuto le fatture entro il giorno del 31 gennaio 2018.

Le fatture di acquisto di gennaio ricevute successivamente a tale data consentono la detrazione a decorrere e con riferimento al mese di ricezione.

Evidente che tale interpretazione collide con le disposizioni interne previste dal Decreto 100/1998 che disciplina la detrazione IVA esercitabile in relazione alle liquidazioni periodiche (mensili o trimestrali) e, secondo lo scrivente, anche con le norme Unionali.

 

La circolare 1/2018

Secondo l’Agenzia delle Entrate l’applicazione dei principi Unionali determina che il momento da cui decorre il termine per l’esercizio della detrazione deve essere individuato nel momento in cui in capo al cessionario o committente si verifica la duplice condizione:

a – Sostanziale dell’avvenuta esigibilità dell’IVA;

b – Formale del possesso di una valida fattura o di documento equipollente.

Tale criterio, che evidentemente ha portata generale e non potrà essere applicato unicamente alle fatture a cavallo di anno, se applicato alle liquidazioni periodiche implica che l’IVA della fattura ricevuta a febbraio ma relativa al mese di gennaio non è detraibile con riferimento alla liquidazione del mese di gennaio. La detrazione potrà essere esercitata a decorrere dalle liquidazioni del mese di febbraio.

Tale criterio collide con le disposizioni di cui al DPR 100/1998 art. 1.

 

IL DPR 100/1998 – liquidazioni e versamenti IVA periodici

L’art. 1 del DPR 100/1998 prevede che:

Entro il giorno 16 di ciascun mese, il contribuente, determina la differenza tra l’ammontare complessivo dell’imposta sul valore aggiunto esigibile nel mese precedente, risultante dalle annotazioni eseguite o da eseguire nei registri relativi alle fatture emesse o ai corrispettivi delle operazioni imponibili, e quello dell’imposta, risultante dalle annotazioni eseguite, nei registri relativi ai beni ed ai servizi acquistati, sulla base dei documenti di acquisto di cui è in possesso e per i quali il diritto alla detrazione viene esercitato nello stesso mese ai sensi dell’articolo 19 del DPR 633/72.

Tale…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it