Utilizzabilità delle dichiarazioni di terzi nel processo tributario

La Cass. civ. Sez. V – con ordinanza (ud. 05-10-2017) del 25-10-2017, n. 25291 – è tornata a pronunciarsi sulla questione della valenza delle dichiarazioni di terzi nel processo tributario, disciplinato – come noto – dal D.Lgs. n. 546/1992.
Nello specifico la Suprema Corte – nel riprendere l’oramai consolidato orientamento giurisprudenziale – ribadisce che le dichiarazioni rese da terzi e riportate in seno al processo verbale di constatazione dagli organi ispettivi per poi essere poste a fondamento, unitamente ad altri elementi, del successivo avviso di accertamento per il recupero di maggiore imposta, sono pienamente utilizzabili nel contenzioso tributario, pur caratterizzato dal divieto di prova testimoniale (art. 7 del D.Lgs. n. 546/1992), quali indizi a supporto della pretesa dell’ufficio (cfr C. cost. sent. n. 18/2000; Cass. nn. 9402/2007, 14774/2000; Cass. nn. 16993…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it