Un particolare caso di revocazione della sentenza di appello

Principio
La parte, la quale lamenti che il giudice d’appello abbia dichiarato inammissibile il gravame, sull’erroneo presupposto che il deposito della sentenza di primo grado fosse avvenuto in una determinata data, ha l’onere di impugnare la sentenza con la revocazione ordinaria e non col ricorso per cassazione, trattandosi, appunto, di una falsa percezione della realtà ovvero una svista obiettivamente e immediatamente rilevabile, la quale abbia portato ad affermare o supporre l’esistenza di un fatto decisivo, incontestabilmente escluso dagli atti e documenti, ovvero l’inesistenza di un fatto decisivo, che dagli atti o documenti stessi risulti positivamente accertato, e che in nessun modo coinvolga l’attività valutativa del giudice di situazioni processuali esattamente percepite nella loro oggettività. Tale assunto è stato precisato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 17393 del 26 agosto 2016 .
Vicenda
I giudici d’appello hanno dichiarato inammissibile il gravame del contribuente, in quanto proposto, in data “10.03.2014”, oltre il termine semestrale, fissato dall’art. 327 c.p.c., come riformulato post novella 169/2009 (trattandosi di giudizio instaurato successivamente al 4/07/2009), che scadeva “il 16/06/2013” in quanto la data di deposito della decisione di primo grado, non effettivamente indicata nella sentenza, risultava comunque dalla comunicazione, ad opera della segreteria della C.T.P., al contribuente, nella quale veniva riportato “oltre alla data di deposito della stessa (19 dicembre 2012) anche il dispositivo della sentenza stessa”. Il contribuente, con il ricorso in cassazione, ha lamentato, con unico motivo, la violazione o falsa applicazione di norma di diritto, ex art. 360 n. 3 c.p.c., avendo la C.T.R. ingiustamente dichiarato inammissibile l’appello, per decorso del termine semestrale di legge, errando nel fare riferimento, ai fini dell’individuazione del dies a quo di decorrenza del termine, quale data di deposito della sentenza di primo grado, al giorno “19 dicembre 2012”, che rappresentava la data dell’udienza nella quale la causa era stata trattenuta in decisione, mentre la data di deposito, non indicata nella sentenza ma riportata nella comunicazione da parte della Segreteria della C.T.P., era quella del “26/11/2013”.
Pronuncia
Gli Ermellini, con la pronuncia citata, hanno dichiarato inammissibile il ricorso in cassazione del contribuente sulla base delle seguenti articolate argomentazioni. La C.T.R. non è incorsa in alcuna violazione di norma di diritto. Nella specie, a fronte della mancata indicazione della data sulla sentenza di primo grado, la C.T.R. ha preso in esame il biglietto di segreteria, contenente l’avviso di deposito, dalla quale risultava chiaramente come data di emissione della decisione il “19/12/2012” e come data di deposito della stessa “il 26/11/2013”. La C.T.R. ha invece affermato che, in detta comunicazione di cancelleria, era indicata quale “data di deposito” della sentenza, quella del “19 dicembre 2012”. Il vizio denunciato involge dunque un errore di fatto, rilevante ai sensi dell’art. 395, n. 4, c.p.c., quello sulla data di deposito della sentenza impugnata di primo grado, individuata in un giorno diverso da quello risultante dalla comunicazione della Segreteria della C.T.P., allegata agli atti di causa, così da determinare l’inammissibilità dell’impugnazione per tardività.
Trattasi invero di un errore percettivo circa la esistenza di un fatto (la data del 19/12/2012, quale data di deposito della sentenza di primo grado e di decorrenza del termine di impugnazione, in luogo del giorno 26/11/2013), che, ove esattamente percepito, avrebbe determinato una diversa valutazione della situazione processuale. E’ esperibile il ricorso per revocazione avverso la pronuncia che sia incorsa in errore percettivo e decisivo in relazione al documento esistente in atti ed attestante la presunta tardività dell’impugnazione in rapporto alla pubblicazione …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it