Credito d’imposta in busta paga per i lavoratori dipendenti - 80 euro: per i lavoratori senza sostituto d’imposta possibile richiederlo nella dichiarazione dei redditi del prossimo anno

L’articolo 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 24.04.2014) rubricato alla “Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati” riconosce un credito d’imposta ai titolari di reddito di lavoro dipendente (e di taluni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente) la cui imposta lorda, determinata su detti redditi, risulta maggiore delle detrazioni da lavoro dipendente previste per legge. Da un punto di vista prettamente numerico, per il periodo d’imposta in corso (2014), l’importo del credito in parola ammonta ad € 640 per i possessori di reddito complessivo non superiore ad € 24.000: in caso di superamento del predetto limite di € 24.000 e fino al raggiungimento di un livello di reddito complessivo di € 26.000, il credito in parola è riconosciuto, invece, in misura decrescente, fino ad azzerarsi, al raggiungimento della suddetta soglia di € 26.000. In quest’ultima ipotesi, il credito spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di € 26.000, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di € 2.000.

 

In merito alla fruizione del credito d’imposta in argomento si espressa, a pochi giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del suddetto decreto, l’Agenzia delle Entrate (C.M. del 28.4.2014 n. 8) fornendo importanti precisazioni al riguardo.

Preliminarmente viene ribadito che, per avere diritto alla fruizione del bonus, occorre che il sostituto d’imposta verifichi la sussistenza dei seguenti presupposti fondamentali:

  • la presenza di redditi da lavoro dipendenti e/o assimilati a quelli di lavoro dipendente (esclusi in ogni caso i redditi da pensione);
  • la sussistenza di un’imposta a debito dopo aver apportato, ai redditi da lavoro dipendente o assimilati, le sole detrazioni per lavoro dipendente (escluse, quindi, le altre detrazioni diverse quali, ad esempio, le detrazioni per carichi di famiglia);
  • la titolarità di un reddito complessivo (al netto del reddito dell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle relative pertinenze) minore o uguale ad € 26.000.

 

Dalla analisi dei suddetti presupposti emerge che il bonus in argomento non è applicabile ai c.d. “contribuenti incapienti”, in quanto è necessario che l’IRPEF lorda calcolata sui redditi da lavoro dipendente o assimilati sia di importo superiore a quello della detrazione spettante per lavoro dipendente (comma 1 dell’art. 13 del TUIR) escluse, come detto, le altre detrazioni d’imposta. In pratica, sono esclusi dal bonus in esame, i lavoratori dipendenti o assimilati con un reddito complessivo fino ad € 8.145.

 

La circolare dell’Agenzia delle Entrate fornisce importanti indicazioni ai sostituti d’imposta per agevolare la corresponsione del suddetto credito fiscale ai lavoratori interessati. In particolare, viene precisato che i sostituti di imposta devono determinare la spettanza del credito (e il relativo importo) sulla base dei dati reddituali a loro disposizione (reddito previsionale, ammontare delle detrazioni riferiti alle somme e valori che il sostituto corrisponderà durante l’anno, altri dati di cui i sostituti d’imposta entrano in possesso per effetto di comunicazioni del lavoratore). Non viene imposto al sostituto di richiedere, invece, a ciascun dipendente, l’ammontare degli altri redditi posseduti (diversi da quelli da lavoro dipendente e assimilato) utili per la quantificazione del reddito complessivo, ai fini del calcolo del credito d’imposta. Ciò comporterà che, in presenza di altri redditi del lavoratore (non comunicati al sostituto), il credito fruito potrebbe essere chiesto “indietro”, se il reddito complessivo del dipendente dovesse eccedere la soglia limite, pari ad € 26.000, per la fruizione del beneficio. Infatti, nella circolare in commento viene precisato che i contribuenti che non hanno i presupposti per il riconoscimento del beneficio, perché titolari di un reddito complessivo superiore ad € 26.000 (comprensivo del reddito da lavoro…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it