Il problema dei documenti acquisiti irritualmente

1. Premessa.
La Corte di Cassazione, con la sentenza 29 maggio 2013, n. 13319, ha espresso un principio di estremo interesse con riguardo ai concetti di inutilizzabilità dei documenti irritualmente acquisiti nel corso del procedimento amministrativo di accertamento tributario e di invalidità dell’atto finale ad esso collegato.
In linea generale, il Supremo Collegio ha affermato che l’inosservanza di norme procedurali poste a tutela di specifici diritti dei cittadini comporta ex lege l’impossibilità di avvalersi dei dati di cui si è in tal modo venuti a conoscenza, ma quanto precede non incide automaticamente sull’atto finale qualora il provvedimento sia supportato da distinti elementi di fatto e di diritto.
Pertanto, il provvedimento è da ritenersi nullo solo nel caso in cui sia totalmente fondato su documentazione acquisita…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it