Il Fisco può negare la detrazione dell’IVA in caso di fattura “incompleta” nel rispetto della neutralità dell’imposta?

 

Introduzione.

La Corte di Giustizia europea è recentemente intervenuta, con la sentenza dell’8 maggio 2013, nella causa n. 271/12, a seguito di domanda di pronuncia pregiudiziale sollevata da un giudice belga, nell’ambito di una controversia in merito al rifiuto da parte dell’Amministrazione finanziaria di concedere alla società ricorrente il diritto di detrazione dell’IVA per le prestazioni di servizi forniti all’interno di un gruppo societario1.
La domanda di pronuncia pregiudiziale verte, in buona sostanza, sulla corretta interpretazione della sesta direttiva 77/388/CEE del Consiglio, del 17 maggio 1977, in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative al sistema comune di imposta sul valore aggiunto.
 

La normativa comunitaria.

Come detto, la questione verte sulla corretta interpretazione della direttiva n. 388 del 17 maggio 1977, sull’armonizzazione del sistema IVA.
Innanzitutto, l’articolo 2, punto 1, della sesta direttiva assoggetta all’IVA le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, effettuate a titolo oneroso all’interno del paese da un soggetto passivo che agisce in quanto tale.
Orbene, ai sensi dell’articolo 10, si considera fatto generatore dell’imposta “il fatto per il quale si realizzano le condizioni di legge necessarie per l’esigibilità dell’imposta” da parte dell’Erario nei confronti del debitore, per il pagamento dell’imposta, all’atto della cessione di beni o della prestazione di servizi.
Ad ogni buon fine si segnala che la coincidenza tra momento generatore dell’imposta e quello relativo alla sua esigibilità non è comune in tutti i comparti dell’imposizione indiretta, come ad esempio con riguardo alle Accise ed altre imposizioni indirette sulla produzione e sui consumi, ai sensi dell’articolo 2 del Testo Unico Accise2; per i prodotti sottoposti ad accisa, infatti, l’obbligazione tributaria sorge al momento della loro fabbricazione, compresa l’estrazione dal sottosuolo qualora l’accisa sia applicabile, ovvero della loro importazione ma diviene è esigibile all’atto della immissione in consumo del prodotto nel territorio dello Stato3.
Tornando all’Iva, ai sensi degli articoli 17 e 18 della Direttiva, Il diritto alla detrazione:

nasce quando l’imposta detraibile diventa esigibile;

è consentita nella misura in cui beni e servizi sono impiegati ai fini di sue operazioni soggette ad imposta4.

Il soggetto passivo:

è autorizzato a detrarre dall’imposta, di cui è debitore, quella assolta all’interno del paese per le merci che gli sono o gli saranno fornite e per i servizi che gli sono o gli saranno prestati da un altro soggetto passivo;

esegue la detrazione sottraendo dall’importo totale dell’imposta sul valore aggiunto, dovuta per un dato periodo fiscale, l’ammontare dell’imposta per la quale, nello stesso periodo, è sorto e può essere esercitato il diritto alla detrazione stessa.

Il successivo articolo 22 prevede, inoltre, che ogni soggetto passivo deve:

dichiarare l’inizio, il cambiamento e la cessazione della propria attività;

tenere una contabilità che sia sufficientemente particolareggiata da consentire l’applicazione dell’imposta sul valore aggiunto ed i relativi controlli da parte dell’amministrazione fiscale;

emettere una fattura, o altro documento equivalente, per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi che effettua per conto di un altro soggetto passivo o di un ente che non è soggetto passivo, indicando, distintamente, il prezzo al netto dell’imposta corrispondente per ogni aliquota diversa, nonché, se del caso, l’esenzione.

Gli Stati membri possono, poi, stabilire…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it