Il doppio termine per la richiesta di rimborso dell'I.V.A. indebitamente versata

La Corte di Giustizia CE nella causa C-427/10, sentenza del 15 dicembre 2011, ha sottolineato come il fatto dell’esistenza, nella normativa italiana di due termini di decadenza in materia di richiesta di rimborso dell’IVA indebitamente applicata, non fa decadere il principio di effettività proprio delle disposizioni comunitarie, sempre che sia possibile accedervi immediatamente. In caso contrario, gli Stati membri devono rimuovere tutti gli impedimenti che potrebbero ledere, appunto, il principio di effettività.
Dunque, secondo i giudici europei un ordinamento nazionale può prevedere la possibilità di agire per la ripetizione di un indebito attraverso modalità e davanti ad organi giudiziari diversi (in vero, si precisa, appunto, che il committente entro il termine di 10 anni di decadenza può ricorrere alla magistratura ordinaria, …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it