Operazioni fuori campo ed applicazione dell’IVA: rischio di detrazione del tributo

di Nicola Forte

Pubblicato il 9 novembre 2020

La Cassazione si esprime sulla detrazione IVA in caso di errata applicazione o di applicazione di tributo non dovuto, appoggiandone l’esclusione. Ma la questione ha dato origine a pareri contrastanti in giurisprudenza…

La Cassazione sulla detrazione IVA in caso di erronea applicazione del tributo

operazioni fuori campo iva detrazioneLa Corte di Cassazione ha interpretato restrittivamente la disposizione che, introdotta dalla L n. 205/2017, consente la detrazione dell’Iva da parte del cessionario, nell’ipotesi in cui il contribuente abbia commesso un errore e il tributo non avrebbe dovuto essere applicato.

Secondo la Suprema Corte, che si è pronunciata con la sentenza n. 24289 depositata il 3 novembre scorso, la disposizione è applicabile unicamente qualora l’errore abbia interessato l’applicazione di un’aliquota superiore a quella corretta.

Se si segue l’interpretazione restrittiva proposta, non è possibile considerare in detrazione l’Iva qualora il contribuente abbia ritenuto imponibile un’operazione che nella realtà è non imponibile, esente o fuori campo Iva.

Sullo stesso argomento abbiamo pubblicato anche "Operazioni fuori campo IVA ed erronea applicazione del tributo"

 

La legge n. 205/2017

La legge n. 205/