La derivazione semplice, la derivazione rafforzata e quella rovesciata

Analizziamo il principio di derivazione, cioè quel principio che richiede l’imputazione a conto economico di costi e ricavi per essere considerati rilevanti a livello fiscale.
L’analisi di questo principio è importante tutte le volte che si lavora al bilancio d’esercizio. In questo articolo puntiamo il mouse sul bilancio delle microimprese e sulle problematiche specifiche che generano il principio di derivazione.

derivazione sempliceIl principio di derivazione semplice è tratto dagli artt. 83, comma 1, e 109, comma 4, del D.P.R. del 22 dicembre 1986, n. 917.

Con essa, si intende quel percorso tecnico del componente positivo o negativo, perché lo stesso possa avere, attraverso l’imputazione al conto economico, rilevanza fiscale.

In altri termini, il componente positivo (ricavo) o negativo (costo) è riconosciuto ai fini fiscali, dopo essere stato imputato al conto economico.

Questa è la regola a cui si devono attenere le microimprese di cui all’art. 2435-ter c.c. (i successivi riferimenti alle norme consentono, a chi voglia approfondire gli argomenti, di poter risalire agevolmente a questi ultimi).

 

Le microimprese

Quali sono le microimprese?

Come anticipato, l’art. 2435-ter c.c. stabilisce le condizioni perchè l’impresa possa essere considerata micro-impresa e usufruire di talune agevolazioni nella redazione del bilancio.

Ebbene, sono considerate micro-imprese le società che non abbiano emesso titoli negoziati in mercati regolamentati e che, nel primo esercizio, o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti:

  1. totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 175.000 euro;
     
  2. ricavi delle vendite e delle prestazioni: 350.000 euro;
     
  3. dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 5 unità.

Quando le società, per il secondo esercizio consecutivo, abbiano superato due dei predetti limiti, devono redigere il bilancio, a seconda dei casi, in forma abbreviata o in forma ordinaria.

Gli schemi di bilancio e i criteri di valutazione delle micro-imprese sono determinati secondo le regole previste dall’art. 2435-bis c.c..

In particolare, le micro-imprese sono esonerate dalla redazione:

  1. del rendiconto finanziario, di cui all’art. 2425-ter c.c.;

     

  2. della nota integrativa, a condizione che, in calce allo stato patrimoniale, risultino le seguenti informazioni [si veda l’art. 2427 c.c., comma 1, nn. 9) e 16)]:
    • “l’importo complessivo degli impegni, delle garanzie e delle passività potenziali non risultanti dallo stato patrimoniale, con indicazione della natura delle garanzie reali prestate; gli impegni esistenti in materia di trattamento di quiescenza e simili, nonché gli impegni assunti nei confronti di imprese controllate, collegate, nonché controllanti e imprese sottoposte al controllo di quest’ultime sono distintamente indicati”;
       
    • “l’ammontare dei compensi, delle anticipazioni e dei crediti concessi agli spettanti, agli amministratori ed ai sindaci, cumulativamente per ciascuna categoria, precisando il tasso d’interesse, le principali condizioni e gli importi eventualmente rimborsati, cancellati o oggetto di rinuncia,nonché gli impegni assunti per loro conto per effetto di garanzie di qualsiasi tipo prestate, precisando il totale per ciascuna categoria”;
       
  3. della relazione sulla gestione, quando in calce allo stato patrimoniale risultino le seguenti informazioni [si veda l’art. 2428, nn. 3) e 4)]:

     

    • “il numero e il valore nominale sia delle azioni proprie sia delle azioni o quote di società controllanti possedute dalla società, anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona, con l’indicazione della parte di capitale corrispondente;
       
    • il numero e il valore nominale sia delle azioni proprie sia delle azioni o quote di società controllanti acquistate o alienate dalla società, nel corso dell’esercizio, anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona, con l’indicazione della corrispondente parte di capitale, dei corrispettivi e dei motivi degli acquisti e delle alienazioni”.

 

Il principio di derivazione rafforzata

Il principio di derivazione rafforzata evidenzia, o meglio, dispone la prevalenza dei criteri civilistici rispetto a quelli fiscali.

Giova ricordare che il D.M. 1° aprile 2009, n. 48, del Ministero dell’Economia e delle finanze (“Regolamento…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it