Esonero contributivo NEET prorogato per il 2019

Esonero contributivo NEET prorogato per il 2019Il Decreto n. 581/2018 dell’ANPAL proroga anche per il 2019 l’esonero contributivo a favore delle aziende che assumono NEET ossia soggetti giovani che non sono coinvolti in progetti lavorativi o di studio. Per godere dell’incentivo ci sono regole e iter particolari, ma i benefici per i datori di lavoro possono essere davvero vantaggiosi.

Incentivo Neet prorogato per il 2019

È stato recentemente pubblicato il Decreto ANPAL n. 581 del 28 dicembre 2018, con il quale l’Agenzia Nazionale per le politiche attive del lavoro ha prorogato la misura Incentivo Occupazione NEET” a valere sul programma operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani”, il quale sarà ora utilizzabile anche per le assunzioni effettuate tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2019 con una dotazione finanziaria di 60 milioni; esso potrà essere fruito dai datori di lavoro entro il 28 febbraio 2021. Al fine di comprendere le caratteristiche del bonus, prorogato anche per l’anno appena iniziato, si riepilogano brevemente le regole per godere dell’Incentivo Occupazione Neet.

Chi può accedere

Si comincia col dire che le regole per accedere all’Incentivo Occupazione Neet sono contenute nei Decreti Direttoriali nn. 3/2018 e 83/2018 dell’ANPAL, ai quali è seguito un documento di prassi Inps – Circolare n. 48/2018 – con le specifiche istruzioni.

Primariamente si segnala che l’Incentivo Occupazione Neet è riconoscibile per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nei limiti delle risorse stanziate (purché sussistano i presupposti legittimanti) di giovani tra 16 e 29 anni di età che non siano inseriti in un percorso di studio o formazione e che siano iscritti al Programma Garanzia Giovani; infatti l’espressione “Neet” significa proprio “Not engaged in Education, Employment or Training” ossia non inseriti in un percorso di studi o formazione (purché, se compresi tra 16 e 18 anni, abbiano assolto al diritto-dovere dell’istruzione e formazione).

Possono accedere al beneficio i datori di lavoro privati (anche non imprenditori) che senza esservi tenuti, assumono giovani aderenti al programma Garanzia Giovani; su tale punto è bene soffermarsi brevemente: infatti al fine di poter godere in maniera legittima dell’incentivo, è necessario che l’assunzione in questione non rappresenti l’assolvimento di un obbligo di legge ex art. 31, comma 1, lettera a), D.Lgs. n. 150/2015 (es. collocamento obbligatorio).

Le tipologie contrattuali

Risultano incentivabili:

  • le assunzioni a tempo indeterminato, sia a tempo pieno che a tempo parziale;
  • le assunzioni a tempo indeterminato a scopo di somministrazione. In questo caso l’incentivo spetta sia per la somministrazione a tempo determinato che per quella a tempo indeterminato, compresi anche gli eventuali periodi in cui il lavoratore rimane in attesa di assegnazione;
  • i rapporti di apprendistato professionalizzante.

Non è invece possibile godere dell’incentivo:

  • per instaurare rapporti di lavoro domestico;
  • per instaurare rapporti di lavoro intermittente;
  • per l’ipotesi di prestazioni di lavoro occasionale;
  • per i contratti di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore;
  • per i contratti di apprendistato di alta formazione e ricerca;
  • per le trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti a termine (in quanto nell’ipotesi della trasformazione il giovane non avrebbe il requisito fondante il beneficio, ossia la condizione di Neet).

L’incentivo può essere riconosciuto per un solo rapporto di lavoro in favore dello stesso lavoratore, per cui dopo una prima concessione non è possibile rilasciare nuove autorizzazioni per assunzioni effettuate dallo stesso o da altro datore di lavoro.

Le condizioni per la fruizione

Per godere dell’incentivo è comunque necessario rispettare le condizioni previste dall’articolo 1, commi 1175 e 1176 della L. n. 296/2006,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it