Malattia insorta all’estero: cosa fare per la conservazione dell’indennità?

Malattia insorta all’estero: cosa fare per la conservazione dell’indennità?Con una guida informativa pubblicata il 3 dicembre scorso, l’INPS ha riepilogato gli adempimenti che il lavoratore deve porre in essere al fine di conservare il diritto all’indennità di malattia qualora l’evento morboso insorga al di fuori dei confini italiani. La tutela si diversifica in base al luogo in cui l’evento di malattia si è verificato, in quanto è possibile, in tal senso, distinguere tre fattispecie: malattia insorta in un paese estero appartenente all’Unione Europea, in un paese extra UE che abbia stipulato accordi o convenzioni bilaterali di sicurezza sociale con l’Italia, ovvero in un paese extra UE che non abbia stipulato accordi o convenzioni bilaterali di sicurezza sociale con l’Italia. Con il presente contributo si illustra nel dettaglio cosa devono fare i lavoratori aventi diritto alla tutela previdenziale che soggiornano temporaneamente fuori dall’Italia e vengono colpiti da un evento di malattia.

Le casistiche

Non capita di rado che un lavoratore, durante un soggiorno all’estero per lavoro, venga colpito da un evento di malattia. Cosa bisogna fare in tali casi per conservare l’indennità di malattia? A fornire utili chiarimenti in merito è intervenuto l’INPS con un guida pubblicata sul proprio portale telematico, fornendo ai lavoratori tutte le indicazioni e distinguendo i seguenti tre casi:

  1. malattia insorta in un paese estero appartenente all’Unione Europea;
  2. malattia insorta in un paese extra UE che abbia stipulato accordi o convenzioni bilaterali di sicurezza sociale con l’Italia;
  3. malattia insorta in un paese extra UE che non abbia stipulato accordi o convenzioni bilaterali di sicurezza sociale con l’Italia.

La guida infine ricorda ai lavoratori cosa fare nel caso in cui intendano recarsi all’estero durante la malattia, per non perdere il diritto alla tutela previdenziale.

Conservazione indennità di malattia

Innanzitutto l’INPS chiarisce che il lavoratore che viene compito improvvisamente da un evento di malattia all’estero, conserva la normale retribuzione. Infatti, se si tratta di un lavoratore avente diritto alla tutela previdenziale della malattia da parte dell’INPS, l’indennità economica viene erogata al pari di un lavoratore in malattia in Italia.

Per poter essere indennizzati è necessario tuttavia produrre idonea documentazione. Quindi, occorre presentare adeguata certificazione medica contenente tutti i dati ritenuti essenziali ai sensi della normativa italiana, quali:

  • intestazione;
  • dati anagrafici del lavoratore;
  • prognosi;
  • diagnosi di incapacità al lavoro;
  • indirizzo di reperibilità;
  • data di redazione;
  • timbro;
  • e firma del medico.

È bene ricordare in tali casi che, anche se il lavoratore si trova fisicamente all’estero, è comunque tenuto a rispettare le fasce orarie di reperibilità per le visite mediche di controllo, atte a verificare l’effettivo stato di incapacità lavorativa. Si ricorda a tal proposito che i lavoratori – sia del settore privato che pubblico – sono tenuti a rispettare le fasce orarie di reperibilità durante la malattia. In altri termini, devono farsi trovare in casa in determinati orari prestabiliti dalla legge affinché il medico accerti la sussistenza dell’evento morboso.

In caso di settore pubblico, l’orario da rispettare è il seguente:

  • mattina: ore 10.00 – 12.00;
  • pomeriggio: 17.00 – 19.00.

Per quanto riguarda i lavoratori del settore privato invece le fasce orarie da rispettare sono le seguenti:

  • mattina: ore 09.00 – 13.00;
  • pomeriggio: 15.00 – 18.00.

Malattia insorta in un paese UE

Se si ci trova all’estero e la malattia insorge in un Paese dell’Unione Europea, i Regolamenti comunitari (Regolamento n. 883 del 2004 ed il Regolamento di applicazione n. 987 del 2009) prevedono che venga applicata la legislazione del Paese dove risiede l’Istituzione competente, ossia quella presso la quale è assicurato il lavoratore.

Ecco cosa bisogna fare se si ci…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it