Ferie non godute: attenzione a quelle da fruire entro il 30 giugno

di Antonella Madia

Pubblicato il 14 maggio 2018

Si avvicina il 30 giugno, termine entro il quale i datori di lavoro dovranno aver permesso ai propri dipendenti la fruizione completa delle ferie maturate nell’anno 2016. In particolare, allo scopo di garantire un opportuno e razionale turnover dei dipendenti ma nel contempo di ottemperare all’obbligo di legge, è necessario un controllo sulla situazione individuale di ciascun lavoratore fin da ora, anche allo scopo di evitare di incorrere in sanzioni

Si avvicina il 30 giugno, termine entro il quale i datori di lavoro dovranno aver permesso ai propri dipendenti la fruizione completa delle ferie non godute, maturate nell’anno 2016. In particolare, allo scopo di garantire un opportuno e razionale turnover dei dipendenti ma nel contempo di ottemperare all’obbligo di legge, è necessario un controllo sulla situazione individuale di ciascun lavoratore fin da ora, anche allo scopo di evitare di incorrere in sanzioni.

Gestione del piano ferie aziendale

Sembra abbastanza lontano ancora il momento in cui i datori di lavoro dovranno occuparsi di tutte le questioni riguardanti le ferie, ma questo è esattamente il momento opportuno per gestire:

  • piano ferie estivo;
  • controllo delle ferie non fruite degli anni pregressi;

in modo da non trovarsi poi nelle condizioni di difficile turnover tra i dipendenti, ovvero ancora nella possibilità di incorrere in sanzioni derivanti dalla mancata fruizione da parte dei dipendenti delle ferie stabilite per legge ovvero dal contratto applicato.

Le diverse tip