Business Model Canvas: lo strumento per avere da subito le idee chiare su un'idea imprenditoriale

Novanta per cento

Questa la percentuale, secondo le statistiche, delle Start up che falliscono che entro i primi anni di avvio dell’idea imprenditoriale.

Giovani (ma non solo) che si mettono in gioco e tentano di crearsi un lavoro in risposta alla crisi economica che ha travolto il nostro Paese, che si mettono alla ricerca di investitori che credono nella loro idea, normative che cercano di incoraggiare in ogni modo l’avvio di nuove imprese… ma poi?

Cosa si cela dietro tanti insuccessi?

Purtroppo (o per fortuna) il modo di fare impresa – soprattutto in Italia – è radicalmente cambiato negli ultimi anni.

I mercati sono molto più complessi, i consumatori – grazie all’accesso a mezzi di informazione solo fino a qualche anno fa impensati – più informati e quindi più esigenti, la concorrenza sempre più variegata, complessa e agguerrita.

Da una parte è necessario avere un approccio più complesso ed analitico, dall’altra l’idea imprenditoriale deve essere anche semplice da attuare e da condividere, sia con il team di collaboratori, che con i partner ed eventualmente con i finanziatori.

Cosa fare allora?

In questo articolo parlerò del Business Model Canvas, un utilissimo strumento che permette di coniugare entrambe le esigenze.

Il Business Model Canvas è uno strumento di progettazione e rappresentazione grafica di un’idea imprenditoriale (il termine inglese Canvas sta per tela) che appunto, grazie alla suddivisione grafica in nove blocchi tematici, consente di rappresentare visivamente il modo in cui un’azienda crea, distribuisce e cattura valore.

Il suo ideatore è Alexander Osterwalder, ricercatore svizzero presso l’Università di Losanna e noto per i suoi studi sul Business Modeling.

Osterwalder è oggi autore, consulente e imprenditore, e ha sviluppato nei tardi anni duemila il Business Model Canvas, nato dalla collaborazione con altri 470 consulenti aziendali e strategici di tutto il mondo, che lo utilizzano oggi per aiutare imprese e consulenti a strutturare da subito un’idea di business concreta e realizzabile.

 

COME SI UTILIZZA IL BUSINESS MODEL CANVAS

Il Business Model Canvas è un modello composto da nove blocchi tematici che rappresentano altrettanti elementi costitutivi di un moderno sistema aziendale, la cui disposizione sulla “tela” non è causale.

Partendo da destra, si trovano i quattro “pilastri” su cui poggia la proposta dell’azienda e come essa si propone nei confronti del mercato di riferimento: Clienti (segmenti), Relazione con i clienti, Canali distributivi e Ricavi. A sinistra, invece, troviamo i quattro pilastri fondamentali dell’organizzazione interna: Risorse chiave, Attività chiave, Partner chiave e Struttura dei costi.

L’anello di congiunzione ideale tra organizzazione interna e atteggiamento nei confronti del mercato è il blocco centrale, il Valore offerto, dal quale bisogna partire per strutturare – passo dopo passo – l’intera idea di Business.

L’utilizzo del modello è molto semplice; è possibile scaricarlo da internet gratuitamente, stamparlo (possibilmente in dimensioni molto grandi, anche A0), armarsi di gomma e matita o meglio di post-it, e cominciare a compilare i singoli riquadri, seguendo il seguente ordine di compilazione.

CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE – 12 pagine – NEL PDF QUI SOTTO==>

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it