Studi settore: la segnalazione delle anomalie - attenzione alle trappole!

durante l’estate il Fisco ha inviato ai contribuenti le comunicazioni riguardanti i casi di anomalie da studi di settore relative al triennio 2011-2013, al fine di fornire possibili chiarimenti ed eventualmente ravvedersi prima di ulteriori controlli: analisi delle risposte ed opzioni per il contribuente

Premessa

Come noto, la Legge di Stabilità 2015, Legge n.190-2014, ha introdotto una specifica forma di collaborazione tra contribuente ed Agenzia Entrate (compliance fiscale e ravvedimento operoso), stabilendo che la stessa Agenzia metta a disposizione del contribuente (o del suo intermediario) “gli elementi e le informazioni in suo possesso acquisiti direttamente o pervenuti da terzi, relativi anche ai ricavi e compensi, ai redditi, al volume d’affari e al valore della produzione”, nonché a deduzioni/detrazioni d’imposta

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it