La rinuncia ai crediti del socio amministratore

di Roberto Mazzanti

Pubblicato il 3 luglio 2015



in caso di rinuncia ai crediti maturati dal socio amministratore per anticipazioni effettuate nel corso dell'incarico, quale è la procedura corretta e quali le scritture contabili?

Quesito:

Gent. mo Rag. Roberto Mazzanti, avrei bisogno di un suo autorevole parere.

Abbiamo una Srl nostra cliente dove il socio-amministratore ha provveduto a pagare utenze della società per circa 10.000 euro e non ha percepito note spese documentate per altrettanti 10.000 euro, a causa di mancanza di liquidità della società.

Si chiede se è corretto contabilizzare dette operazioni nei debiti diversi e se, in caso di rinuncia dell’amministratore a riscuotere dette somme, è possibile fare un verbale di assemblea ordinaria di rinuncia a detti crediti e patrimonializzarli tra i finanziamenti a fondo perduto.



Risposta:

Per quanto riguarda l’esposizione contabile, direi che è corretta l’impostazione ipotizzata, non trattandosi di debiti verso soci per versamenti ancora dovuti, inerenti il capitale sociale, e non si tratta di debiti verso fornitori, che derivano dall’attività tipica della società.

 

Per quanto concerne invece il trattamento patrimoniale del credito del socio-amministratore verso la società, va detto che la rinuncia mediante atto assembleare potrebbe essere assoggettabile ad imposta di registro 3%, tassazione che si potrebbe evitare mediante la formale rinuncia del socio/amministratore e la conseguente accettazione da parte della società, scambiate per corrispondenza.

L’assemblea in effetti non è necessaria per attestare la rinuncia, anche perchè chi rinuncia non è la società ma il suo creditore; ai soci si può dare una corretta informazione in occasione dell’assemblea di bilancio o meglio ancora mediante uno scambio di corrispondenza, o anche facendogli sottoscrivere per presa visione la lettera con cui il socio/amministratore esprime la rinuncia al suo credito.



Abbiamo a disposizione un ottimo facsimile per la rinuncia dei finanziamenti di soci e amministratori



3 luglio 2015

Roberto Mazzanti