La mancata pubblicazione degli incarichi: profili di responsabilità erariale o disciplinare?

quali sono i profili di responsabilità se l’ente locale omette l’obbligo di pubblicazione degli incarichi conferiti?

L’obbligo della pubblicazione degli incarichi è stata oggetto di recente di alcune sentenze della Corte dei Conti, con effetti non sempre tra loro coincidenti. Per la Corte dei Conti, sezione Giurisdizionale della Campania, nella sentenza n.958 in data 16 luglio 2013, la mancata pubblicazione degli incarichi non erano da considerarsi produttivi di danni erariali. In tale sentenza la conclusione dei giudici contabili era stata la seguente: L’omessa pubblicazione degli incarichi rilevano, per espressa precisione della legge, quale violazione ai doveri di ufficio e , come tali, da sanzionare a livello disciplinare ed accertata a seguito delle attività istruttorie proprie del procedimento disciplinare con le garanzie dallo stesso previste di difesa da parte del responsabile che è stato causa della mancata pubblicazione. Solo a seguito della procedura del procedimento disciplinare, in caso di violazione da parte del dirigente ai propri doveri di ufficio, subentra le attività collaterali ed accessorie che consistono nel pagamento della sanzione pecuniaria pari agli importi corrisposti ai professionisti di cui ne è stata omessa la pubblicazione. A tale conclusione i giudici contabili campani erano pervenuti analizzando l’abrogazione dell’art. 1, comma 127, legge n. 662/1996 ad opera dell’art. 53, comma 1, lett. b), del d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 5 aprile 2013), il cui art. 15 prevede, per il caso di omessa pubblicazione di incarichi di consulenza, la responsabilità del dirigente accertata, però, all’esito del procedimento disciplinare, alla quale consegue il pagamento della sanzione quantificata in misura pari alla somma corrisposta e fatto salvo il risarcimento del danno ai sensi dell’art. 30 del d.lgs. n. 104/2010.

LA POSIZIONE DEI GIUDICI CONTABILI LAZIALI

Di avviso diverso è invece la sentenza n.424 del 15 maggio 2014 della Corte dei Conti, sezione giurisdizionale del Lazio. Secondo i giudici contabili laziali è la stessa legge che prescrive, all’art. 53, commi 14 e 15, del d.lgs. n. 165/2001, che gli incarichi, senza il preventivo adempimento di pubblicità, non possono essere conferiti, e tale disposizione ha natura di norma di ordine pubblico, posta a tutela della trasparenza e correttezza dell’azione amministrativa, oltreché presidio al legittimo impiego di somme di pertinenza pubblica. Come tale, gli incarichi conferiti (e i correlati contratti e impegni finanziari) per quello che qui rileva sono affetti da nullità, secondo il principio generale rappresentato dalla disposizione ex artt. 1343 e 1418 c.c. (v. Corte Cost. n. 290/2001). In altri termini, si è in presenza della violazione di cui all’art.53, comma 15, del d.lgs. n. 165/2001, secondo cui le Amministrazioni debbono comunicare, ogni anno, al Dipartimento della Funzione Pubblica, l’elenco degli incarichi retribuiti affidati nell’anno precedente ai propri dipendenti o, con cadenza semestrale, ad estranei. Ora, la mancata comunicazione, comporta l’impossibilità di conferire nuovi incarichi sino all’adempimento e la possibilità di irrogare la sanzione di cui al comma 9 del medesimo articolo del d.lgs. n. 165/2001. L’omessa comunicazione relativa agli incarichi conferiti a dipendenti e privati, rende illeciti quelli conferiti negli anni successivi, anche in virtù del fatto che l’omissione non avrebbe reso possibili i necessari controlli.

LA RECENTE SENTENZA DEI GIUDICI CALABRESI

Di nuovo sull’argomento della mancata comunicazione degli incarichi, si pone la recente sentenza n.192 del 10/07/2014 della Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per la Regione Calabria. Secondo il giudici contabili la violazione della pubblicazione degli incarichi implica quale fatto costitutivo della responsabilità erariale non nella omessa comunicazione o pubblicazione bensì nell’aver proceduto, da parte del dirigente preposto, alla liquidazione  del corrispettivo in caso di omessa pubblicazione ( “le amministrazioni che si avvalgano di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it