Armonizzazione contabile avanti piano

La commissione parlamentare per il Federalismo fiscale nella seduta dello scorso 9 luglio 2014 ha espresso parere positivo all’unanimità sullo schema di D.Lgs. recante le disposizioni integrative e correttive del D.Lgs. 23 giugno 2011 n. 118, in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi.
La Commissione conferma l’impianto del disegno di riforma, che sta attualmente conoscendo il suo terzo anno di sperimentazione, scongiurando (forse) eventuali rinvii dei termini richiesti da più parti per l’effettivo esordio a regime dei nuovi principi contabili.
La Commissione ha comunque tenuto presente i dubbi posti sulla necessità di un avvio più “morbido” dell’armonizzazione, prevedendo che i circa 7.600 Comuni che finora non avevano partecipato alla sperimentazione gli enti locali, anche se dovranno da subito adottare il principio contabile della competenza finanziaria potenziata ed effettuare il riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi risultanti al 1° gennaio 2015, provvedendo ad adottare parte del nuovo principio di programmazione, potranno allegare al bilancio annuale di previsione la relazione previsionale e programmatica da redigere secondo i vecchi schemi.
Gli enti in questione nel corso del 2015 dovranno adottare, in parallelo, sia gli schemi di bilancio e di rendiconto previgenti (secondo il D.P.R. n. 194/1996) ai quali resta assegnata la funzione autorizzatoria, sia i nuovi schemi di bilancio per missioni e programmi, a soli fini conoscitivi. Le variazioni seguiranno il sistema previgente, fatta salva la disciplina del fondo pluriennale vincolato e del riaccertamento straordinario dei residui.
Dal 2016 invece il principi e gli strumenti dell’armonizzazione dovranno essere pienamente integrati dagli enti, con i nuovi schemi di bilancio e rendiconto che acquisiranno finalità autorizzatoria…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it