Il consulente risarcisce i danni se non esegue l’incarico

Nell’ambito del rapporto professionale riveste una particolare importanza la dimensione della responsabilità contrattuale, attesa la delicatezza dell’incarico affidato dal cliente al commercialista o fiscalista di fiducia.
A questo proposito è opportuno ricordare, da subito, che l’articolo 1176 del Codice Civile dispone che nell’adempiere l’obbligazione il debitore deve usare la diligenza del buon padre di famiglia. Inoltre, nell’adempimento delle obbligazioni inerenti all’esercizio di un’attività professionale, la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell’attività esercitata.
Un’importante chiave di lettura delle disposizioni testé riportate – in particolare per quanto attiene alle figure professionali del settore fiscale – è stata fornita dalla Cassazione, con la sentenza 10189 del 9 maggio 2014. La Seconda Sezione Civile si è occupata del caso di un contribuente che aveva adito le vie legali nei confronti del suo commercialista, colpevole – a suo dire – di non aver appellato una sentenza della Commissione tributaria provinciale, cagionando così i danni derivanti dall’impossibilità di agire giudizialmente nel grado successivo e di aderire al condono di cui alla legge 413/1991.
Al di là del caso specifico, la pronuncia assume una valenza fondamentale per tutti quei casi in cui il professionista sia a chiamato ad agire attivamente per conto del cliente, come nell’ipotesi di proposizione di ricorso tributario, o comunque debba stabilire con l’assistito una strategia che potrebbe anche consistere nel non porre in essere alcuna azione.
Ciò che rileva, allora, come confermato dalla Cassazione nella parte motiva della sentenza in commento, è il consenso informato del cliente. In particolare, il professionista deve porre il cliente in grado di decidere consapevolmente, sulla base della valutazione ponderata di tutti gli elementi favorevoli e contrari della situazione dedotta in rapporto ragionevolmente prevedibili, se affrontare o meno i rischi, di varia natura a seconda della attività richiesta la professionista, ai quali questa lo esponga o possa eventualmente esporlo.
Secondo la Cassazione, quanto sopra indicato assume ancora maggior peso con riguardo a quegli elementi ragionevolmente prevedibili (quali, ad esempio, quelli riguardanti le possibilità connesse alla pendenza della controversia tributaria per effetto della proposizione di gravame).
Nel caso di specie, tuttavia, la Corte territoriale non aveva, con compiuta, adeguata e logica motivazione, dato conto della verifica dei presupposti di fatto, per come risultanti dalle emergenze istruttorie, giustificanti il predetto e pur corretto assunto solo astrattamente affermato.
In sostanza, per la Cassazione, ai fini del risarcimento del danno richiesto dal cliente al professionista, i giudici di merito avrebbero dovuto verificare che effettivamente risultasse agli atti la sussistenza di un incarico dato dal cliente al consulente affinché quest’ultimo procedesse all’impugnazione della sentenza di primo grado. Infatti, l’esistenza o meno di tale incarico conferiscono diversa valenza al citato onere professionale di informazione. Tant’è che quest’ultimo – quale fonte di responsabilità risarcitoria – sarebbe escluso nell’ipotesi – che invero avrebbero dovuto verificare i giudici di merito – di manifestazione ostativa o di mancato conferimento dell’incarico professionale de quo.
È appena il caso di aggiungere che in passato la Suprema Corte si era già occupata di risarcimenti danni richiesti dai clienti ai propri consulenti. In particolare, con la sentenza 8860/2011, gli Ermellini hanno esaminato il caso di un commercialista incaricato della compilazione delle denunce dei redditi del cliente, che aveva …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it