Quali termini per l’approvazione di aliquote e tariffe?

di Roberto Pasquini

Pubblicato il 8 aprile 2014

un tema estremamente rilevante per gli operatori che seguono gli enti locali è quello che riguarda il termine per l’adozione dei regolamenti tributari e per l’approvazione di tariffe ed aliquote d’imposta (a cura Dott.ssa Cinzia Farinelli)

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria, con la sua sentenza 366/2014, ha affrontato un tema rilevante per gli operatori degli enti locali, e cioe’ il termine per l’adozione dei regolamenti tributari e per l’ approvazione di tariffe ed aliquote d’ imposta.

Nella fattispecie il Comune coinvolto nel contenzioso, disponeva l’ incremento delle aliquote IMU in data 2 dicembre 2013, per l’anno 2013, in sede di approvazione del bilancio di previsione e della relazione previsionale e programmatica, quando il termine per l’ approvazione dei bilanci era stato fissato da norme statali nel 30 novembre dello stesso anno.

Ora, gli operatori delle ragionerie, sono giornalmente afflitti da un carosello di norme, termini, proroghe e interpretazioni di varia natura, ma in ordine alla procedura di approvazione del bilancio e degli atti tributari occorre comunque la massima attenzione.

La norma di riferimento è contenuta nell’art. 1 c. 169 della Legge 296/2006: “Gli enti locali deliberano le tariffe e le aliquote relative ai tributi di loro competenza entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione. Dette deliberazioni, anche se approvate successivamente all'inizio dell'esercizio purchè entro il termine innanzi indicato, hanno effetto dal 1°  gennaio dell'anno di riferimento. In caso di mancata approvazione entro il suddetto termine, le tariffe e le aliquote si intendono prorogate di anno in anno”.

Risulta evidente la natura perentoria del termine suindicato, per evidenti ragioni di coerenza ordinamentale e di certezza