Comunicazione dati IVA: le operazioni non soggette all’imposta

Col provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 15.1.2014 è stato approvato il nuovo modello (e le relative istruzioni) che i contribuenti titolari di partita IVA (salvo alcune eccezioni) dovranno utilizzare per presentare la comunicazione dati IVA 2014, prevista dall’art. 8-bis del DPR 22.7.98 n. 322 (introdotto dall’art. 9 del DPR 7.12.2001 n. 435). Nello specifico, la disposizione in esame ha stabilito, in luogo delle dichiarazioni IVA periodiche, la presentazione della comunicazione riepilogativa dei dati IVA, da effettuarsi entro il mese di febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento: qualora il termine di presentazione della comunicazione dovesse scadere di sabato o in giorni festivi, lo stesso è prorogato al primo giorno feriale successivo.
 
La comunicazione in parola non è equiparata ad una dichiarazione fiscale, ma ha solamente uno scopo statistico ad uso comunitario: la comunicazione dati IVA è finalizzata, infatti, alla determinazione del calcolo delle risorse che ciascuno Stato membro è tenuto a destinare al bilancio comunitario (Direttiva CE 112/2006).
Il modello di comunicazione annuale dati IVA deve essere presentato esclusivamente per via telematica: è esclusa, pertanto, ogni altra modalità di presentazione. Sono esonerati dalla presentazione della comunicazione in commento, tra l’altro, i contribuenti che presentano la dichiarazione IVA annuale nel mese di febbraio, al fine di poter utilizzare in compensazione il credito Iva annuale del 2013, per la parte che eccede il limite di € 5.000, senza attendere la presentazione della dichiarazione Unificata prevista, invece, per il prossimo 30 settembre 2014. Di conseguenza, anche quest’anno, tutti i contribuenti possono anticipare la presentazione della dichiarazione IVA annuale, in forma autonoma, entro il 28 febbraio 2014, evitando così di dover effettuare anche la comunicazione dati IVA. Tale possibilità è riconosciuta, oltre che ai soggetti IVA che nella dichiarazione evidenziano un credito, anche a quelli che evidenziano un conguaglio annuale a debito o a saldo zero. Tuttavia, per i contribuenti a debito Iva e che presenteranno la dichiarazione Iva in forma autonoma, vige l’obbligo di versare il saldo risultante dal mod. IVA 2014 relativo al 2013 entro il prossimo 17.3.2014 (poiché il 16.3.2014 cade di domenica), perdendo di fatto la possibilità di effettuare i versamenti IVA in base alle scadenze previste dal modello UNICO.
 
L’aggiornamento delle istruzioni per la compilazione della dichiarazione dati IVA si è reso necessario poiché, a decorrere dallo scorso periodo d’imposta, è stato introdotto l’obbligo di emissione della fattura per le operazioni di cui alle lettere a e b del comma 6-bis, articolo 21, D.P.R. 633/1972 quando non sono soggette all’imposta per carenza del presupposto territoriale, a norma degli articoli da 7 a 7-septies del D.P.R. n. 633 del 1972. Le predette operazioni devono essere comprese nel rigo CD1 che, peraltro, accoglie l’ammontare complessivo, al netto dell’IVA, delle operazioni attive (cessioni di beni e prestazioni di servizi) effettuate all’interno del territorio dello stato, ma non solo. Devono essere indicate, infatti, nel rigo in esame, anche le operazioni attive intracomunitarie e di esportazione, effettuate nel periodo di riferimento, comprese quelle ad esigibilità differita, annotate nel registro delle fatture emesse (o in quello dei corrispettivi): sono escluse dall’indicazione nel rigo in esame, invece, le operazioni attive esenti per le quali il contribuente si sia avvalso della dispensa dagli adempimenti di cui all’art. 36-bis.
 
Il totale delle operazioni passive deve essere esposto nel rigo CD2, il quale si compone di 5 campi nei quali devono essere indicate le medesime categorie di operazioni contenute…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it