Riscossione dei tributi: il pignoramento presso terzi

Premessa
La legge di Stabilità per il 20131, modificando la disciplina del pignoramento presso terzi di cui all’art. 543 c.p.c. e seguenti, ha semplificato l’attività istruttoria e decisoria di tale procedimento e ha reso palese l’intenzione del legislatore di rendere residuale la necessità dell’instaurazione del giudizio di merito sull’esistenza del credito pignorato.
 
Tale (nuova) snellezza riduce le distanze, in termini di praticità, tra il pignoramento presso terzi disegnato dal codice di procedura civile e quello analogo , riservato all’agente della riscossione e perciò definito “esattoriale”, ex art.72-bis del DPR n. 602/73; quest’ultimo strumento prevede che l’atto di pignoramento presso terzi possa contenere, in luogo della citazione di cui all’art. 543, c. 2, c.p.c., l’ordine al …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it