Gli studi di settore e i parametri non sono applicabili ai giovani professionisti

Il filone della produzione giurisprudenziale relativa agli studi di settore o ai parametri presuntivi è sicuramente tra i più lunghi del panorama fiscale.
E ciò, soprattutto, per “merito” delle sentenze favorevoli al contribuente.
Tuttavia, le sentenze da cui trae spunto il seguente approfondimento meritano menzione particolare in quanto fanno delle affermazioni molto interessanti, ed infrequenti, anche se pienamente condivisibili, che possono senz’altro costituire valido elemento su cui basare i ricorsi avverso i relativi avvisi di accertamento.
Il caso era quello di un professionista, che negli anni oggetto di accertamento svolgeva il secondo e il terzo anno di attività, e che aveva dichiarato compensi non congrui rispetto a quelli derivanti dall’applicazione dei parametri.
Ricevuto l’avviso di convocazione per il …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it