Prestazione come diritto d'autore o collaborazione ai testi?

In considerazione della prassi negoziale diffusa nell’industria dell’informazione e dell’intrattenimento, concernente l’acquisizione dell’elaborazione delle news e dei palinsesti editoriali, è utile esaminare i risvolti, prima giuridici e poi fiscali, derivanti dalla formazione di contratti aventi ad oggetto la scrittura di testi per redazioni giornalistiche o trasmissioni televisive.
Identificazione del diritto d’autore
Innanzitutto, oggetto del diritto d’autore sono le opere dell’ingegno di carattere creativo (non l’idea in sé, ma l’estrinsecazione di una idea nuova, originale e creativa, ovvero la sua rappresentazione “materiale” quale espressione del lavoro intellettuale dell’uomo)1. La richiesta originalità dell’opera attiene alla forma dell’esposizione e non al contenuto esposto sicché anche contenuti già di dominio pubblico possono costituire oggetto di opera tutelabile quando siano espresse in una forma che rechi l’impronta originale di una elaborazione personale dell’autore (ad esempio un catalogo può essere oggetto di protezione ai sensi della legge sul diritto d’autore se l’esposizione presenta elementi apprezzabili di creatività).
In linea generale, ai sensi degli artt.7, 38 e 42 della legge 633/1941, per le opere collettive, a cui appartengono riviste e giornali, il diritto morale di autore spetta al direttore, creatore dell’opera complessiva2.
Il diritto patrimoniale di utilizzazione economica appartiene all’editore mentre è di pertinenza del collaboratore il diritto di utilizzare la propria opera su altre riviste o giornali3.
Dal punto di vista giuridico, e di conseguenza sotto l’aspetto tributario, il fatto che il diritto d’autore maturi a titolo originario in capo all’editore non preclude che la remunerazione conseguita dal collaboratore non sia configurabile come compenso per la cessione di opera dell’ingegno.
Infatti, ove la collaborazione editoriale sia resa in contesto negoziale diverso dal rapporto di lavoro dipendente4, l’insorgenza del diritto d’autore in capo all’editore non comporta necessariamente che la prestazione del collaboratore non sia suscettibile di tutela come opera dell’ingegno.
Soccorre, al riguardo, sia la giurisprudenza che la prassi dell’Amministrazione finanziaria.
In particolare, è stata riconosciuta natura di corrispettivo per la cessione del diritto d’autore:
→ alla partecipazione dell’«esperto» (ad esempio, il professore universita-rio) alla realizzazione, con propri scritti, di opera editoriale (Cfr. il Consiglio di Stato, Sez. VI, Sentenza n.77 del 21-01-1993);
→ all’ideazione dell’intitolazione e del contenuto di rubrica giornalistica (Cfr. Corte di Cassazione Sez. I civile, sentenza n.2702 del 14/7/1976);
→ alla collaborazione a testa giornalistica che si sostanzia nell’effettivo concorso dell’elaborazione creativa del redattore alla formazione dell’opera collettiva che, come si è visto, è il prodotto editoriale.
Elemento della creatività e mera collaborazione professionale
In relazione alla configurazione giuridica del rapporto negoziale intercorrente tra il collaboratore e l’editore, e del conseguente riflesso sul piano fiscale, l’Amministrazione finanziaria5 ha evidenziato che occorre distinguere tra la “redazione di articoli” e la collaborazione che si sostanzia, ad esempio, nella mera correzione delle bozze e nella fornitura di notizie, qualificandosi la prima attività come cessione di diritto d’autore (ai sensi dell’art.53, comma 2, lettera b), del DPR 917/86) e la seconda, invece, prestazione d’opera a carattere coordinato e continuativo portatrice di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it