Perdite su crediti deducibili anche senza prove – Diario Quotidiano del 27 Ottobre 2022

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 27 ottobre 2022

Nel DQ del 27 Ottobre 2022:
1) Autodichiarazione sugli aiuti Covid: semplificata la compilazione del modello
2) Perdite integrali su crediti deducibili senza le prove
3) Agevolazione “prima casa”: rinuncia al diritto di abitazione, tassazione dell’atto di rinuncia
4) Art-Bonus non ammissibile sui lavori di realizzazione del teatro
5) Iscrizione nell’elenco dei revisori dei conti degli enti locali: presentazione di nuove domande
6) Commercialisti: evasione fiscale causata anche dalla complessità delle norme
7) Bonus librerie: slitta al 7 novembre 2022 la scadenza per l’invio delle domande
8) Cu 2022 dati non rilevanti: invio online entro fine ottobre
9) Rivalutazione definitiva delle pensioni per l’anno 2022
10) INPS: rilasciata una versione utilizzabile dagli Enti di Patronato denominata CoPI

Perdite integrali su crediti deducibili senza le prove

Gli accantonamenti per perdite presunte (integrali) su crediti: non sono assimilabili alle perdite effettivamente realizzate, pertanto non servono gli elementi certi e precisi a dimostrazione della inesigibilità.

Interessante sentenza della Cassazione, Sez. 5, n. 29117 del 6 ottobre 2022.

Le perdite su crediti in bilancio

La redazione del bilancio delle società di capitali deve rispondere ai criteri di chiarezza, veridicità e correttezza (art. 2423, comma 2, cod. civ.) e, in particolare, i crediti devono essere iscritti secondo il valore presumibile di realizzazione (art. 2426 n. 8 cod. civ.); norma sostanzialmente identica a quest’ultima è l’art. 20, comma 4, d.lgs. 27 gennaio 1992, n. 87, che disciplin