Dal Ministero del Lavoro le regole per l’apprendistato di primo livello

di Antonella Madia

Pubblicato il 13 ottobre 2022

Il Ministero del Lavoro fornisce alcuni chiarimenti relativamente alla gestione dell'apprendistato di primo livello, alla luce delle specifiche fornite da parte dell’Europa, che mette al centro del rilancio del lavoro la formazione in azienda e la formazione in aula, allo scopo di garantire una compatibilità tra il mondo dell'istruzione e quello lavorativo.
Con la Circolare in questione, il Ministero fornisce linee guida e indirizzi per poter utilizzare al meglio tale utile strumento contrattuale.

Il Decreto Legislativo n. 81/2015, così come il Decreto Interministeriale del 12 ottobre 2015, si occupano dell'apprendistato di primo livello, fornendo istruzioni per la sua specifica gestione. Il Ministero del Lavoro ritorna su tale argomento, anche in considerazione delle recenti raccomandazioni del Consiglio dell'Unione Europea, che affidano all'apprendistato di primo livello il ruolo strategico di rafforzamento dei sistemi di alternanza scuola-lavoro secondo un approccio “work-based”, ed evitando conseguentemente il “mismatch” (mancato allineamento) tra domanda e offerta di lavoro.

 

Le norme sull’apprendistato e le “interferenze” europee

apprendistato di primo livelloLa Circolare n. 12/2022 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha l'obiettivo di fornire chiarimenti interpretativi relativamente alle disposizioni di cui al Decreto Legislativo n. 81/2015 e del Decreto Ministeriale 12 ottobre 2015, in particolar modo approfondendo alcuni aspetti dell'istituto dell'apprendistato di primo livello, anche tenendo conto delle recenti raccomandazioni del Consiglio dell'Unione Europea, che assegna all'apprendistato un ruolo strategico in termini di sistemi di alternanza scuola-lavoro.

In particolare, la Raccomandazione del 15 Marzo 2018 relativa al quadro europeo per apprendistati efficaci e di qualità, individua 14 criteri fondamentali che gli Stati membri e i portatori di interessi dovrebbero utilizzare per sviluppare apprendistati efficaci e di qualità, sia per garantire lo sviluppo delle competenze sia per