I campioni di scarpe donati non sono spese deducibili – Diario Quotidiano del 7 dicembre 2021

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 7 dicembre 2021

Nel DQ del 7 Dicembre 2021:
1) Al 33,3180% la percentuale del credito d’imposta spettante per l’anno 2021 alle fondazioni bancarie
2) Definizione agevolata delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni: ulteriore provvedimento delle Entrate
3) Forniture di gas metano: chiarimenti delle Entrate sulle agevolazioni
4) Modifiche in materia di specifiche tecniche e di riordino della disciplina sullo sportello unico della attività produttive (SUAP) in G.U.
5) Fnc Commercialisti: disponibile la check list aggiornata
6) Italia-Svizzera: verso la ratifica l’accordo 2020 per i frontalieri
NOTIZIA IN EVIDENZA 7) I campioni di scarpe donati non sono spese deducibili
8) Cessione crediti in edilizia: il ruolo del CdL e la procedura per la comunicazione
9) Entrate tributarie: nei primi dieci mesi dell’anno gettito pari a 377,8 miliardi di euro
10) Diffuse le FAQ sul Green pass “rafforzato”

I campioni di scarpe donati non sono spese deducibili

Il criterio secondo cui determinati costi possono essere considerati di rappresentanza e di pubblicità deve essere ricercato nella diversità, anche strategica, degli obiettivi perseguiti con l’omaggio.

Lo precisa l’Ufficio stampa dell’Agenzia delle entrate, notiziario telematico del 6 dicembre 2021, a commento dell’ordinanza n. 29124 del 20 ottobre 2021, emessa dalla Corte di cassazione.

Le spese relative alla distribuzione gratuita a potenziali clienti di campioni di “calzature non in gomma” prodotte da una società non costituiscono spese di rappresentanza e non sono deducibili dal reddito né quando, per pratica commerciale, sono seguite da un ordinativo vero e proprio della merce e il loro prezzo si aggiunge a quello delle altre né quando, per mancato gradimento dei campioni, non segue l’o