Credito di imposta ricerca e sviluppo: chiarimenti dalle Entrate in caso di operazioni straordinarie

di Federico Gavioli

Pubblicato il 30 maggio 2018

I riflessi delle diverse operazioni di riorganizzazione aziendale sull'applicazione del credito di imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo; in particolare vengono indicati i principi di carattere generale sulla base dei quali sono fornite, per ciascuna operazione straordinaria (principalmente, fusioni, scissioni e conferimenti di azienda o di rami aziendali), specifiche e motivate regole di calcolo del credito di imposta

Con un documento di prassi l’Agenzia delle Entrate tratta in modo organico le questioni concernenti i riflessi delle diverse operazioni di riorganizzazione aziendale sull'applicazione del credito di imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo; in particolare, con il presente documento di prassi vengono indicati i principi di carattere generale sulla base dei quali sono fornite, per ciascuna operazione straordinaria (principalmente, fusioni, scissioni e conferimenti di azienda o di rami aziendali), specifiche e motivate regole di calcolo del credito di imposta.

---

Con la circolare n. 10/E, del 16 maggio 2018, l’Agenzia delle Entrate d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico