La mancata esibizione documentale è rilevabile d'ufficio

Con la sentenza n. 7232 del 10 aprile 2015 (ud. 15 dicembre 2014) la Corte di Cassazione ha confermato che “i documenti prodotti dal contribuente nel giudizio tributario in cui si controverta sull’IVA, dei quali abbia in precedenza rifiutato l’esibizione all’amministrazione finanziaria, non possono essere presi in considerazione ai fini del decidere, anche in assenza di una eccezione in tal senso dell’amministratore resistente”. Il citato precedente (Cass. n. 13511/08) a cui si è successivamente adeguata la giurisprudenza della Corte (7269/09; 7270/09; 28271/13) rileva che il dettato normativo (art. 52, c. 5, D.P.R. n. 633/72) è operabile “anche in assenza di corrispondente tempestiva eccezione da parte dell’Ufficio, giacchè la perentorietà della formulazione della norma ….. induce ad escludere che la sancita preclusione sia rilevabile solo ad …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it