Canone RAI speciale: nel quadro RS anche i dati dei contribuenti che hanno sottoscritto per la prima volta l'abbonamento TV nel corso del presente anno 2014

Come noto, a norma degli articoli 1 e 27 del Regio Decreto-Legge 246 del 21 febbraio 1938 e dell’articolo 16 della legge 488 del 23 dicembre 1999, sono tenuti al pagamento del canone RAI speciale tutti icontribuenti esercenti attività d’impresa (ditte individuali e società) – esclusi, quindi, i lavoratori autonomi – che detengono, in esercizi pubblici o in locali aperti al pubblico, uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio o radio televisive. Quanto alla tipologia di apparecchi per i quali risulta dovuto il Canone RAI “speciale”, la formulazione sopra riportata (apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio o radio televisive) ha sollevato, nel recente passato, numerose perplessità per il fatto che, con le attuali tecnologie, sono molti gli strumenti utilizzati nell’ambito dell’impresa, in grado di ricevere trasmissioni radio. A fare chiarezza al riguardo, si si sono espresse la RAI con il comunicato stampa del 21 febbraio 2012 e successivamente il Ministero dello Sviluppo Economico, con la nota 22 febbraio 2012 m. 12991. Nel primo documento in rassegna, la RAI ha chiarito che non è dovuto il pagamento del canone speciale per il “mero possesso del personal computer collegato alla rete, i tablet e gli smartphone”. Con la nota del ministero dello sviluppo economico, quest’ultimo ha meglio precisato, invece, che, i personal computer sono esclusi dall’obbligo di pagamento del canone speciale RAI, a meno che non siano dotati di un apposito sintonizzatore TV.
Per verificare il regolare pagamento del canone di abbonamento, il legislatore (art. 17 del D.L. n. 201/2011 convertito nella Legge 214/2011) ha previsto che “le imprese e le società nella relativa dichiarazione dei redditi, devono indicare il numero di abbonamento speciale alla radio o alla televisione, la categoria di appartenenza ai fini dell’applicazione della tariffa di abbonamento rediotelevisivo speciale, nonché gli altri elementi che saranno eventualmente indicati nel provvedimenti di approvazione del modello per la dichiarazione dei redditi, ai fini della verifica del pagamento del canone di abbonamento radiotelevisivo speciale”. In buona sostanza, a decorrere dal modello dichiarativo del 2012 (redditi 2011), vige l’obbligo per le imprese e le società di indicare nella propria dichiarazione dei redditi il numero di abbonamento speciale alla radio o alla televisione ed altri elementi informativi, ai fini della verifica del pagamento del canone in questione. Per quanto concerne la prossima dichiarazione dei redditi, nel Frontespizio del modello UNICO 2014 PF è presente la sezione “Canone RAI imprese”, attraverso la quale i soggetti esercenti attività d’impresa potranno indicare la detenzione, ovvero la non detenzione di apparecchi atti (o adattabili) alla ricezione di trasmissioni radio o radio televisive per i quali è dovuto il canone RAI “speciale”. In tale casella, infatti, è richiesta l’indicazione di uno dei seguenti codici:

cod. 1 Detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio, in esercizi/locali aperti al pubblico ovvero, utilizzati a scopo di lucro
cod. 2 Detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio televisive, in esercizi/locali aperti al pubblico ovvero, utilizzati a scopo di lucro
cod. 3 Non detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio televisive, in esercizi/locali aperti al pubblico ovvero, utilizzati a scopo di lucro

 
Soltanto in caso di detenzione di apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni radio o radio televisive (codice 1 o 2), il contribuente dovrà compilare l’apposita sezione del quadro RS, avendo cura di compilare un rigo per ogni singolo abbonamento alla Rai…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it