Si ampliano le opzioni per il processo di Cassazione

di Enzo Di Giacomo

Pubblicato il 16 aprile 2014

a seguito delle modifiche al codice di procedura civile, l’impugnazione delle sentenze di appello per Cassazione è possibile anche in caso di omesso esame di un fatto storico da parte dei giudici di merito

L’impugnazione delle sentenze di appello in cassazione è possibile anche in caso di omesso esame di un fatto storico, essendo applicabile al processo tributario il decreto dello sviluppo (DL n. 83/2012).

L’importante principio è contenuto nella sentenza n. 8053/2014 delle sezioni unite della Corte di Cassazione, da cui emerge che le nuove regole introdotte in materia civile dal decreto legge n. 83/2012 valgono anche per il giudizio tributario.

L’art. 360, n. 5, c.p.c., come riformulato dall’art. 54 del d.l. n. 83/2012, conv. dalla l n. 134/2012, ha previsto, quale specifico vizio denunciabile per cassazione, l’omesso esame di un “fatto storico”, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che sia stato discusso tra le