Relazione di fine mandato e anti corruzione

di Fabio Federici

Pubblicato il 27 febbraio 2014

nella seconda metà del mese di febbraio sono arrivati importanti chiarimenti in materia di stesura della relazione di fine mandato (in vista della prossima tornata di elezioni locali) e di applicazione della normativa anti-corruzione

Relazione di fine mandato con l’esercizio 2013

Il Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno nel comunicato del 14 febbraio 2014 (disponibile all’indirizzo http://finanzalocale.interno.it/docum/comunicati/com140214.html) chiarisce che ai fini della redazione della relazione di fine mandato, documento da redigere ai sensi dell’articolo 4 della Legge 6 settembre 2011, n. 149 e ss. mm., l’ultimo anno da considerare è quello dell’ultimo esercizio amministrativo e finanziario gestito. Gli enti locali interessati dal prossimo turno elettorale sono perciò tenuti a considerare l’esercizio 2013 come ultimo anno della predetta relazione, anche in mancanza dell’avvenuta approvazione del relativo rendiconto di gestione.

Il Ministero con questo chiarimento segue il condivisibile proposito di evitare una limitazione dell'analisi ai risultati economico-fin