Gli incentivi per il rientro dei cervelli dall'estero

Come è noto la legge 30 dicembre 2010, n. 238 ha previsto la concessione di incentivi fiscali riguardanti l’Irpef sotto forma di parziale imponibilità del reddito derivante dalle attività di lavoro dipendente, autonomo o d’impresa avviate in Italia da soggetti in possesso di determinati requisiti.
Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 3 giugno 2011 sono state individuate le categorie dei soggetti beneficiari degli incentivi e, con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 29 luglio 2011, n. 97156, sono state definite le modalità di richiesta dei benefici fiscali da parte dei lavoratori dipendenti rientrati in Italia, nonché gli adempimenti conseguenti a cura del datore di lavoro.
Con decreto del Ministro degli affari esteri del 30 marzo 2011 sono stati precisati gli adempimenti che gli Uffici consolari devono osservare nella gestione delle procedure amministrative per il rientro in Italia, in attuazione dell’articolo 4, comma 2, della legge.
Il decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, nel testo risultante dalle modifiche apportate in sede di conversione dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14, ha ampliato il periodo temporale di riferimento per la maturazione dei requisiti di accesso al beneficio e ha stabilito che il beneficio compete fino al periodo d’imposta 2015.
Delineato il quadro normativo analizziamo le istruzioni fornite dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 14 del 4 maggio 2012.
 
SOGGETTI BENEFICIARI
Sono ammessi al beneficio fiscale i soggetti che – in possesso dei requisiti al 20 gennaio 2009 – siano stati assunti o abbiano avviato un’attività d’impresa o di lavoro autonomo a decorrere dalla predetta data, ferma restando la decorrenza dei benefici fiscali dal 28 gennaio 2011.
I requisiti per l’accesso al beneficio devono essere posseduti “a partire dalla data del 20gennaio 2009”.
Pertanto, anche i cittadini dell’Unione europea nati dopo il 1° gennaio 1969 che abbiano maturato i requisiti a partire dal 20 gennaio 2009 e, successivamente, siano stati assunti ovvero abbiano avviato un’attività di lavoro autonomo o d’impresa in Italia, possono accedere all’agevolazione, ferma restando la decorrenza dei benefici fiscali dal 28 gennaio 2011.
In sostanza, può accedere al beneficio chi aveva i requisiti al 20 gennaio 2009 o chi li matura anche successivamente a tale data e comunque prima di essere assunto, fermo restando che il beneficio decorre dal 28 gennaio 2011.
 
INIZIO ATTIVITA’
Inizio di attività di lavoro dipendente
Precisa la circolare n.14/2012 che per assunzione si intende l’inizio del rapporto di lavoro e quindi la data da cui decorrono l’obbligo della prestazione lavorativa e l’obbligo della remunerazione, indipendentemente dalla natura a tempo indeterminato o determinato del rapporto stesso.
Rientrano nell’ambito di applicazione della disposizione sia le attività di lavoro dipendente sia le attività di lavoro che, a fini fiscali, producono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.
L’agevolazione è quindi applicabile, per esempio, ai redditi di collaborazione coordinata e continuativa o di collaborazione a progetto di cui alla lettera c-bis dell’articolo 50 del TUIR e a quelli consistenti in somme corrisposte a titolo di borsa di studio di cui alla lettera c del medesimo articolo 50 del TUIR.
La disposizione incentivante non pone limiti in ordine all’oggetto della mansione, nel senso che l’attività di lavoro che il lavoratore è tenuto a svolgere può non essere attinente con l’attività di studio o di lavoro svolta all’estero.
 
Avvio di attività di lavoro autonomo
Per avvio di attività di lavoro autonomo si intende l’…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it