La nuova tempistica delle dichiarazioni d'intento

Il DL semplificazioni (16/2012) modifica il calendario dell’invio delle dichiarazioni d’intento e cancella, di fatto, la violazione per omesso invio in caso di assenza di operazioni senza IVA. Queste sono le novità introdotte dal co. 4 dell’articolo 2 del DL 16/2012 che ha modificato la lettera c) del primo comma dell’articolo 1 della L. 746/1983 stabilendo che “il cedente o prestatore deve comunicare all’Agenzia delle Entrate, esclusivamente per via telematica entro il termine di effettuazione della prima liquidazione periodica IVA, mensile o trimestrale, nella quale confluiscono le operazioni realizzate senza applicazione dell’Imposta.”
Opportuno fare quindi il punto delle disposizioni previgenti e di quelle in corso di attuazione.
 
Comunicazione Dichiarazione Intento – Normativa previgente
L’esportatore abituale, come noto, deve inviare una dichiarazione di intento al fornitore per la non applicazione dell’IVA sulle operazioni. L’art. 1 c. 1 del DL 746/1983 prevede che prima dell’effettuazione delle operazioni l’esportatore abituale deve consegnare o inviare anche elettronicamente una dichiarazione d’intento conforme all’apposito modello ministeriale. Tale obbligo non sussiste per le operazioni Intra.
La previgente norma inoltre prevede che il fornitore deve comunicare i dati delle dichiarazioni di intento, ricevute mediante trasmissione telematica, all’Agenzia delle Entrate entro il giorno 16 del mese successivo a quello di ricezione. Tale adempimento, come precisato dalla circolare 41/E del 2005, è dovuto anche in assenza di operazioni, ovvero anche in caso di operazioni effettuate ma assoggettate ad IVA.
In caso di inadempimento si riflettono nei confronti del fornitore degli effetti sanzionatori come di seguito indicati:
 

Se ha emesso fattura senza IVA:

Sanzione da 1 a 2 volte l’imposta non applicata;

Responsabilità in solido con il soggetto acquirente dell’imposta eventualmente evasa correlata all’infedele dichiarazione ricevuta (come nel caso di acquisti da parte dell’esportatore sopra il plafond);

si ritiene che la sanzione in rassegna sia da limitare in ogni caso alle fatture emesse prima dell’eventuale trasmissione tardiva della dichiarazione di intento, vale a dire quando il fornitore ha inviato la dichiarazione di intento oltre il giorno 16 del mese successivo;

Se non ha emesso fattura senza IVA il fornitore è soggetto alla sanzione da 258 a 2.065 euro.

Tale sanzione trova applicazione anche nel caso in cui il fornitore abbia inviato tardivamente la dichiarazione di intento e abbia effettuato forniture senza IVA solo successivamente alla trasmissione tardiva.
La comunicazione tardiva non dovrebbe in sostanza sanare l’applicazione delle sanzioni per forniture effettuate precedentemente alla stessa, tardiva, trasmissione.

 
Comunicazione delle Dichiarazioni di Intento – Nuova Normativa
Il Decreto Legge semplificazioni, al comma 4 dell’articolo 2, prevede che il fornitore deve trasmettere le dichiarazioni di intento entro il termine della liquidazione periodica IVA mensile o trimestrale nella quale confluiscono le operazioni realizzate senza applicazione dell’IVA.
Il nuovo dispositivo ha effetti sia con riferimento a modalità e tempistica dell’adempimento, che con riferimento all’applicazione delle sanzioni. Per quanto a modalità e tempistica la trasmissione delle dichiarazioni di intento risulta dovuta se e solo se sono poste in essere operazioni senza IVA e il termine di invio è affrancato a quello della prima liquidazione in cui sono imputate le dette operazioni.
Si avrà quindi che i contribuenti mensili dovranno trasmettere le dichiarazioni di intento entro il giorno 16 del …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it