Il cumulo IVA e tributo speciale per la gestione di slot machine

Premessa.

La questione oggetto di domanda pregiudiziale era stata sollevata nell’ambito di una controversia promossa da una società tedesca che, nell’anno di riferimento 2010, gestiva “apparecchi automatici per giochi d’azzardo con possibilità di vincite in denaro” presso alcune sale giochi localizzate sul territorio nazionale.
La società ricorrente, ritenendo che la tassazione delle operazioni derivanti dall’esercizio degli apparecchi automatici sopra descritti non fosse compatibile con il diritto comunitario, ha impugnato l’avviso di accertamento con il quale l’amministrazione fiscale tedesca aveva accertato un maggior debito d’IVA.
In merito, infatti, la legislazione tedesca prevede che le suddette operazioni, oltre ad essere imponibili IVA, siano assoggettate anche all’imposta sugli …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it