Permessi elettorali per le elezioni 2014

di Angelo Facchini

Pubblicato il 23 maggio 2014

in vista delle elezioni europee 2014 di domenica torna utile un vademecum per la gestione delle assenze dei lavoratori dipendenti occupati nelle operazioni presso i seggi

In vista delle elezioni europee 2014 torna utile un vademecum per la gestione delle assenze dei lavoratori dipendenti occupati nelle operazioni presso i seggi.

In occasione delle elezioni, consulenti e datori di lavoro si trovano a dover gestire i permessi elettorali richiesti dai lavoratori impegnati nelle operazioni di scrutinio. Proponiamo un utile vademecum al riguardo.

Il regime dei permessi elettorali non ha subito recenti modifiche. Il trattamento economico normativo a cui hanno diritto i lavoratori dipendenti impegnati nello svolgimento delle operazioni elettorali in qualità di componenti dei seggi è disciplinato dall'art. 11 della legge n. 53/1990 e dall'art. 1 della legge n. 69/1992. Il regime previsto da tali norme è applicabile a qualsiasi consultazione elettorale. Ai soggetti interessati sono riconosciuti alcuni diritti collegati all'assenza dal lavoro e al recupero della giornata di riposo trascorsa ai seggi.

Le funzioni svolte al seggio e regolamentate d