poche righe, interessanti notizie...

Filtro notizie
Titolo
Testo


 
|< < > >|     Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 

Split payment: è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale l’approvazione definitiva dell’ECOFIN

Segnaliamo che sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE L 217/7 del 18 agosto 2015 è stata pubblicata la Decisione del Consiglio dell’Unione europea n. 2015/1401 del 14 luglio 2015, che autorizza l’applicazione, in Italia, del meccanismo della scissione dei pagamenti (cd “split payment”), in base al quale, in caso di cessioni di beni e prestazioni di servizi rese a favore di determinate pubbliche amministrazioni, l’IVA deve essere da queste versata direttamente all’Erario.

Mercoledì, 02 Settembre 2015

Albo geometri: il diploma resta un titolo valido per l'iscrizione

Il diploma di geometra resta un titolo valido per l'accesso alla professione tecnica. È l'interpretazione del Consiglio nazionale dei geometri all'indomani della circolare con il cui Ministero dell'istruzione ha fissato nel IV livello di qualifica europeo (Eqf) le competenze rilasciate dal nuovo titolo di istruzione tecnica.

Mercoledì, 02 Settembre 2015

Spese di rappresentanza: dal 2016 aumenta l'importo deducibile

Dal 2016 le spese di rappresentanza avranno un importo deducibile più elevato. Si potrà dedurre un importo massimo pari all'1,5% dei ricavi e proventi della gestione caratteristica delle imprese (voce A.1 e A.5 del conto economico), fino a 10 milioni di euro di ricavi, allo 0,6% (prima 0,5%) per la parte eccedente 10 milioni e fino a 50 milioni di euro, e allo 0,4% (prima 0,1%) per la parte eccedente 50 milioni di euro. Gli importi degli scaglioni, invece, non varieranno, come pure il limite dei 50 euro del valore unitario degli omaggi di modico valore (beni, non servizi), i quali continueranno a essere sempre deducibili, indipendentemente dal superamento o meno delle percentuali da parte delle altre spese di rappresentanza di valore più elevato.

Mercoledì, 02 Settembre 2015

Renzi promette di abolire le tasse sulla (prima) casa

Durante un'intervista a RTL 102.5 il Premier Renzi ha dichiarato che «Dal prossimo anno non ci saranno più e . Il 16 dicembre ci sarà il funerale delle tasse sulla casa»

Mercoledì, 02 Settembre 2015

ENPACL: adempimenti entro il 16 settembre

I consulenti del lavoro devono presentare entro il 16 settembre, in via esclusivamente telematica, la dichiarazione annuale dei compensi rientranti nel volume d’affari ai fini IVA, relativi all’anno 2014 (sui quali è calcolato il contributo integrativo 2015) e del reddito professionale relativo all’anno 2014 (sul quale è calcolato il contributo soggettivo 2015). Entro lo stesso termine tutti gli iscritti all’Ente devono effettuare: il versamento della terza rata del contributo soggettivo minimo 2015; del conguaglio del contributo soggettivo 2015, pagabile in unica soluzione ovvero da 2 a 4 rate; del contributo integrativo 2015, pagabile in unica soluzione ovvero da 2 a 4 rate, comprensivo della misura minima; del contributo di maternità 2015.

Mercoledì, 02 Settembre 2015

Accertamento: scatta oggi il limite per il raddoppio dei termini

Da oggi, 2 settembre 2015, sono in vigore i nuovi limiti sul raddoppio dei termini per l'accertamento previsti dall'art.2 del Dl n. 128/2015. La norma prevede due tipologie di regimi applicabili agli atti di verifica e accertamento posti in essere dall'Agenzia delle Entrate e dalla Guardia di Finanza: il regime ordinario e il regime transitorio. Il regime ordinario si applica a tutti i provvedimenti notificati dal 3 settembre 2015 e implica, sia per gli accertamenti delle imposte dirette sia dell'IVA, che il raddoppio dei termini per l'accertamento tributario, in caso di rilievo di reati tributari, non opera quando l'Agenzia delle Entrate o la Guardia di Finanza non provvedano alla presentazione o alla trasmissione della denuncia entro i termini ordinari dell'accertamento (4 anni in caso di presentazione della dichiarazione e 5 anni in caso di dichiarazione omessa). Il regime transitorio salvaguarda alcune tipologie di atti già posti in essere dall'Agenzia e della Guarda di Finanza e stabilisce che sono fatti comunque salvi gli effetti degli avvisi di accertamento, degli avvisi di erogazione delle sanzioni amministrativo-tributarie e di tutti gli altri atti impugnabili di natura impositiva o sanzionatoria, se questi sono stati notificati entro il 2 settembre 2015.

Mercoledì, 02 Settembre 2015

Fisco: I dati bancari trafugati all’estero sono utilizzabili in sede di accertamento

Il Fisco, nell’attività di contrasto e accertamento dell’evasione fiscale può avvalersi di qualsiasi elemento con valore indiziario, anche unico, con esclusione di quelli la cui inutilizzabilità discenda da una specifica disposizione della legge tributaria o dal fatto di essere stati acquisiti in violazione di diritti fondamentali di rango costituzionale. Sono perciò utilizzabili, nell’accertamento e nel contenzioso con il contribuente, i dati bancari acquisiti dal dipendente di una banca residente all’estero e ottenuti dal fisco italiano mediante gli strumenti di cooperazione comunitaria (Cassazione sentenza n. 16950 del 19 agosto 2015).

Mercoledì, 02 Settembre 2015

Evasione fiscale: maglie larghe per i prelevamenti

La circolare 31/E sulla voluntary disclosure chiarisce che nel valutare i prelevamenti effettuati dal contribuente dovrà essere usato buon senso, senza rigidità rispetto a uno piuttosto che a un altro indicatore di "normalità". Ciò significa che il riferimento alla redditività media del deposito estero veniva utilizzato dalla circolare 27/E solamente a titolo di esempio per valutare la plausibilità del prelevamento rispetto alle esigenze personali e familiari. Esigenze che possono essere provate facendo riferimento ad altri elementi, come il tenore di vita del soggetto, la numerosità del nucleo familiare, la frequenza, eccetera. Resta ferma tuttavia la necessità di giustificare i prelevamenti diversi da questi ultimi, ovvero quelli estemporanei. Le circostanze più frequenti possono essere l'acquisto di immobili, di barche, le ristrutturazioni e le liberalità a terzi.

Martedì, 01 Settembre 2015

Fatturazione elettronica: dal 2017 estesa ai privati

Con la pubblicazione in GU, il Dl n. 127 del 5 agosto 2015 riguardante la trasmissione telematica delle operazioni IVA e di controllo delle cessioni di beni effettuate attraverso distributori automatici, muove ulteriori passi verso la fatturazione elettronica estesa anche per le operazioni tra privati. In particolare, l'articolo 1 specifica che dal 1° luglio 2016, l'Agenzia delle Entrate renderà disponibile gratuitamente per i contribuenti un servizio per la generazione, la trasmissione e la conservazione delle fatture elettroniche. Dal 1° gennaio 2017 il Ministero dell'economia e delle finanze metterà a disposizione di tutti i soggetti passivi Iva il sistema di interscambio (Sdi), al momento utilizzato per le fatture che riguardano la pubblica amministrazione. Sempre, dal 1° gennaio 2017 i soggetti che non sono obbligati a emettere fattura possono optare per la trasmissione telematica all'Agenzia delle Entrate di tutte le fatture, emesse e ricevute, ed eventuali variazioni, effettuata anche mediante il Sistema di Interscambio. Per coloro che si avvarranno dell'opzione vengono meno una serie di obblighi di comunicazione telematica all'Agenzia delle Entrate.

Martedì, 01 Settembre 2015

Voluntary ai supplementari: passa l'integrazione tardiva della documentazione

La circolare n. 31/2015 sulla voluntary disclosure chiarisce che sarà possibile integrare tardivamente la documentazione mancante. Sarà, infatti, possibile procedere a una integrazione dell'istanza successivamente alla scadenza dei termini di presentazione della stessa. L'Agenzia, nel valutare l'integrazione tardiva ammetterà l'errore scusabile e la causa di forza maggiore.

Martedì, 01 Settembre 2015
|< < > >|     Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 
Email            Password