Notizie Fiscali

Filtra per anno:

730 precompilato: invio aperto fino al 7 luglio

La dichiarazione precompilata può essere inviata: il termine ultimo previsto è il 7 luglio. Ecco come procedere: un apposito collegamento è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate; per entrare nel modello è possibile scegliere diverse chiavi di accesso: il codice Pin per i servizi telematici dell’Agenzia, che può essere richiesto sullo stesso sito, presso gli uffici territoriali o utilizzando l’app “AgenziaEntrate”; la Carta nazionale dei servizi; il Pin dispositivo rilasciato dall’Inps; Spid, il nuovo Sistema pubblico di identità digitale, che consente di utilizzare le stesse credenziali per tutti i servizi online delle pubbliche amministrazioni e delle imprese aderenti. Entrati nell’area autenticata, l’applicazione aiuterà il contribuente a scegliere il modello più adatto alle sue esigenze, sarà, inoltre, visualizzabile l’elenco delle informazioni attinenti alla dichiarazione, con indicazione dei dati inseriti e non inseriti e le relative fonti informative.

martedì 3 maggio 2016

Archivi catastali telematici

Gli archivi catastali diventano digitali. L’Agenzia delle Entrate ha interrotto l’archiviazione cartacea degli atti di aggiornamento catastale a favore di quella informatica nell’ambito del Sistema di Conservazione dei Documenti digitali. La novità interessa sia gli atti del catasto terreni che del catasto fabbricati.

martedì 3 maggio 2016

Sisma dell’Emilia: termini e modalità di fruizione dei benefici previsti dal Dl n. 78/2015

Con il provvedimento prot. 2016/62572, pubblicato il 29 aprile 2016, l’Agenzia delle Entrate ha definito i termini di fruizione dei benefici fiscali a favore delle microimprese colpite da terremoto e alluvione in Emilia tra il 2012 e il 2014. Le agevolazioni sono fruibili con la riduzione dei versamenti da effettuarsi tramite modello F24; il modello deve essere presentato online, avvalendosi esclusivamente dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Fisconline ed Entratel). Una successiva risoluzione istituirà il codice tributo da esporre nella delega di pagamento.

martedì 3 maggio 2016

La Corte di Cassazione sui fringe benefit a nero del manager

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 18146 del 2 maggio 2016, ha affermato che i beni del manager possono essere sequestrati quando riceve un fringe benefit, come delle quote o partecipazioni societarie, non dichiarate dall’azienda. In materia di reati tributari il pubblico ministero è legittimato, sulla base del compendio indiziario emergente dagli atti processuali, a chiedere al giudice il sequestro preventivo nella forma per “equivalente”, invece di quella “diretta”, all’esito di una valutazione allo stato degli atti in ordine alle risultanze relative al patrimonio del soggetto fisico che ha tratto vantaggio dalla commissione del reato, incombendo al soggetto destinatario del provvedimento cautelare l’onere di dimostrare la sussistenza dei presupposti per disporre il sequestro in forma diretta.

martedì 3 maggio 2016

Nuova rateazione: circolare dell’Agenzia delle Entrate in materia di versamento delle somme dovute a seguito di controlli

Nella circolare AE n. 17/E del 29 aprile 2016 sono contenute risposte in materia di versamento delle somme dovute a seguito di controlli. Il documento spiega tutte le novità relative ai termini e al numero di rate concesse (passa da 6 a 8 il numero massimo di rate trimestrali per le somme dovute a seguito delle comunicazioni degli esiti di ammontare pari o inferiore a 5.000) e illustra la nuova disciplina del “lieve inadempimento” che ammette il mantenimento del beneficio della definizione e della rateizzazione in caso di ritardo breve (7 giorni rispetto al termine di scadenza) o di errori di limitata entità nel versamento (carenza non superiore al 3% e comunque per un importo non superiore a 10.000 euro).

martedì 3 maggio 2016

Associazioni sportive: conti a posto senza tracciabilità

Il Dl n. 158/2015 ha abrogato la norma contenuta all’articolo 25 della legge 133/1999, la quale disponeva la decadenza dal regime agevolativo previsto dalla legge 398/1991 per le associazioni sportive dilettantistiche che violano l’obbligo di utilizzare modalità tracciate per i pagamenti di importo superiore a 1.000 euro. Le associazioni, per mantenere il regime agevolativo loro riconosciuto, devono, in ogni caso, avere una documentazione attendibile che non lasci dubbi su uscite e movimenti bancari. Così recita, in sintesi, la sentenza 174 del 4 marzo 2016 della Commissione tributaria provinciale di Pesaro, sezione 1, che ribadisce alcuni punti cardine in materia di requisiti per il riconoscimento delle regime di vantaggio a favore delle associazioni sportive dilettantistiche.

martedì 3 maggio 2016

730: da oggi possibili modifiche e integrazioni

Da oggi sono possibili modifiche e integrazioni ai modelli 730 e Unico precompilati. E’ possibile: modificare la dichiarazione compilata dall’Agenzia, integrare i dati, accettare e inviare. Solo quest’ultima opzione consente al contribuente di ottenere i vantaggi concessi dalla precompilata, che consistono nell’esclusione dai controlli formali sugli oneri caricati dall’amministrazione finanziari.

lunedì 2 maggio 2016

Lavoro: nuove modalità per l’acquisto dei voucher

L’INPS, con la circolare n. 68 del 28 aprile 2016, illustra le nuove modalità per l’acquisto dei voucher telematici. Le imposte versate tramite modello F24 possono essere oggetto di compensazione con i crediti del contribuente. Da oggi  2 maggio 2016 non è più possibile acquistare voucher telematici mediante F24 con la causale LACC, perchè confluisce nell’utlizzo del modello “F24 Versamenti con elementi identificativi” (Risoluzione n.20/E/2016). Rimane impregiudicata la possibilità di utilizzare la causale LACC nel modello F24EP per gli Enti e le AAPP autorizzate.

lunedì 2 maggio 2016

Cassazione: l’inquadramento lavorativo dipende dalla qualità della prestazione professionale

La Corte di Cassazione (sentenza n.8376 del 27 aprile 2016) ha affermato che, ai fini della qualificazione di un rapporto di lavoro autonomo o subordinato occorre fare riferimento ai dati fattuali relativi alla prestazione svolta nel concreto piuttosto che alle sole volontà espresse dalle parti in sede di stipula del contratto.

lunedì 2 maggio 2016

Agenzia delle Entrate: la riforma degli interpelli

Con la circolare n. 9/E del 1° aprile 2016, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti riguardo la riforma degli interpelli. Sono creati tre tipi di interpello: ordinario interpretativo, ordinario qualificatorio, probatorio. Il primo è attivabile in relazione a qualsiasi disposizione di legge che risulti obiettivamente incerta nella sua applicazione, riguarda anche i casi di interposizione. Il secondo serve per chiedere un parere in merito alla qualificazione di una determinata spesa tra quelle di pubblicità, propaganda o rappresentanza. Il terzo per avere una risposta in merito alla disciplina delle Controlled Foreign Companies (Cfc) e la disapplicazione della disciplina sulle società non operative o in perdita sistematica.

lunedì 2 maggio 2016

Lavoro: ticket obbligatorio per le domande CIGO

L’INPS con messaggio n.1759 rende note le modalità di comunicazione e gestione dei dati relativi ai periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa che possono dar luogo a integrazione salariale. Dal 23 maggio 2016 diventerà obbligatorio il nuovo sistema di gestione della CIG con ticket, per tutte le domande di CIG ordinaria industria presentate mediante acquisizione on-line. L’obbligo sarà esteso alle domande trasmesse off-line mediante file .xml a partire dal 6 settembre 2016. L’INPS rilascerà apposito messaggio per fornire istruzioni.

lunedì 2 maggio 2016

Cassazione: compensi professionali soggetti a IVA anche se incassati dopo la cessazione dell’attività

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza n.8059 del 21 aprile 2016, si sono pronunciate sulla questione della rilevanza ai fini IVA dei compensi incassati dal professionista dopo la cessazione dell’attività e la chiusura del numero di partita IVA. I compensi delle prestazioni professionali sono imponibili ai fini IVA anche se percepiti successivamente alla cessazione dell’attività e alla chiusura del numero di partita IVA.

lunedì 2 maggio 2016

Agricoltura: il nuovo registro per varietà ortofrutta

E’ in vigore il registro nazionale delle varietà da frutto e dei relativi portinnesti, contenuto nel decreto ministeriale 7521 del 4 marzo 2016, pubblicato sulla GU del 12 aprile scorso. La novità fissa le varietà di piante da frutto e materiali di moltiplicazione, ammesse alla commercializzazione. Il registro era stato istituito con Dln. 124/2010, dando attuazione alla direttiva 2008/90/Ce sulla commercializzazione dei materiali di moltiplicazione di piante da frutto e destinate alla produzione di frutti. Nel registro sono da annotare: la denominazione varietale (o il codice di selezione) ed eventuali sinonimi, specificando se si tratta di una varietà iscritta con descrizione ufficialmente riconosciuta o in corso di registrazione; i dati relativi alla registrazione, eventuali brevetti e cloni.

venerdì 29 aprile 2016

Commercialisti con studi aggregati: la proposta del presidente del sindacato Unico

Il presidente del sindato Unico (Unione italiana dei commercialisti), Domenico Posca, ha avanzato proposta di aggregazione degli studi dei commercialisti, mediante la concessione di un credito d’imposta, al fine di imprimere una incisiva riduzione al numero degli esercenti individuali, che calerebbero dagli oltre 100 mila attuali a strutture con almeno dieci professionisti ciascuna. Il restyling avrebbe riflessi positivi anche per la clientela, giacché si potrebbe arrivare a strutture specializzate e una presenza più efficace sul mercato. Sull’ipotesi di agevolazioni fiscali per la riduzione degli studi, il viceministro all’economia Enrico Morando ha replicato che se ne discuterà: tutto quanto è in grado di “ottimizzare l’efficienza in attività di servizio come quelle di cui i commercialisti sono protagonisti è da incoraggiare”.

venerdì 29 aprile 2016

Evasione: le linee guida per il 2016

Nella circolare n. 16/E del 28 aprile 2016 sono tracciate le linee guida per la lotta all’evasione nel 2016. Le azioni indicate: svolgimento attività ordinaria, con inclusa la gestione delle domande di voluntary; coordinamento con altri enti; contrasto a frodi fiscali internazionali; implementazione dell’adempimento spontaneo; attuazione del programma di cooperative compliance e di nuovi accordi di ruling; amministrazione delle richieste di patent box. In generale, tutta l’attività dovrà essere caratterizzata da un miglioramento qualitativo. I controlli dovranno mirare a far emergere la reale capacità contributiva del contribuente, concentrando l’attenzione su concrete situazioni di rischio ed evitando di disperdere energie in contestazioni di natura essenzialmente formale o di esiguo ammontare che, oltre a creare inefficienze, possono determinare una percezione errata dell’operato dell’Agenzia.

venerdì 29 aprile 2016

IVA: gli spazi pubblicitari su Google non sono soggetti a imposta

L’offerta di spazi pubblicitari a Google non è soggetta a IVA, anche se Google è in possesso di un numero di partita IVA in Italia. Ai fini dell’imponibilità, non è infatti sufficiente che la società italiana svolga un’attività commerciale, oltre che di assistenza tecnica e amministrativa, se non è in grado di ricevere e di utilizzare i servizi ricevuti in quanto la struttura tecnologica sulla quale vengono veicolati i messaggi pubblicitari è ubicata in Irlanda, dove Google ha sede. Così ha stabilito la CTP di Milano, con la sentenza n. 43/1/16 del 7 gennaio 2016.

venerdì 29 aprile 2016

Canone Rai: ok dal Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato ha dato l’ok al nuovo canone Rai, ora va alla firma e presto in Gazzetta Ufficiale. Il parere (non vincolante) sul decreto, chiave di volta dell’operazione “canone Rai nella bolletta elettrica” era stato sospeso con alcune osservazioni sulla mancanza di chiarezza per la privacy e per la definizione di apparecchio televisivo. In merito si stabilisce che i tablet e i pc, non avendo sintonizzatori, non sono televisori.

venerdì 29 aprile 2016

INPS: chiarimenti sull’incremento relativo ai contratti di solidarietà

L’INPS con messaggio n. 1760 ha fornito chiarimenti circa l’incremento del 10% del trattamento di integrazione salariale per i contratti di solidarietà stipulati prima dell’entrata in vigore del Dl n.148/2015. Gli incrementi di integrazione salariale anticipati dalle aziende e posti a conguaglio nei flussi Uniemens vanno conguagliati entro e non oltre il periodo di paga gennaio 2017. Per i contratti di solidarietà erogati nel 2015 ma autorizzati alla fine dello stesso anno si potrà effettuare il conguaglio entro e non oltre il periodo di paga giugno 2016. Per favorire il monitoraggio della spesa effettiva relativa alla maggiorazione in oggetto, le aziende destinatarie di contratti di solidarietà dovranno esporre mensilmente in Uniemens gli importi riferiti al 2016 a partire dal periodo di paga aprile 2016. Il recupero delle maggiorazioni del 10% relative all’anno 2015 e non ancora conguagliate avverrà entro e non oltre giugno 2016 con i codici G708 e F504.

venerdì 29 aprile 2016

Agenzia delle Entrate: bonus per casse previdenza e fondi pensioni

Per il primo anno di applicazione, l’indebita fruizione dei crediti d’imposta introdotti a favore degli enti di previdenza obbligatoria e delle forme di previdenza complementare, non verrà sanzionata. La notiza è contenuta nella circolare n. 14/E dell’Agenzia dell’Entrate. Considerata l’imminente scadenza del termine per richiedere i crediti d’imposta, il 30 aprile, il documento di prassi prevede che “in ossequio ai principi contenuti nello Statuto del Contribuente, nel caso in cui l’indebita fruizione riguardi il credito d’imposta richiesto dal 1° marzo 2016 al 30 aprile 2016 si procede al recupero dello stesso senza applicazione delle sanzioni in considerazione delle condizioni di obiettiva incertezza caratterizzanti la specifica disciplina”.

giovedì 28 aprile 2016

Dichiarativi 2016: ancora per quest’anno niente codice identificativo del contratto

Per i contratti di locazione registrati in via telematica, anche quest’anno sarà possibile indicare, in dichiarazione, gli estremi di registrazione (data, serie numero e codice ufficio) in alternativa al codice identificativo. Lo ha comunicato l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 31/E del 27 aprile 2016.

giovedì 28 aprile 2016

Somme iscritte a ruolo: interessi di mora in discesa

Scendono ancora gli interessi di mora dovuti sulle somme iscritte a ruolo versate oltre il termine di scadenza: dal 15 maggio si attestano al 4,13% annuo. A stabilirlo è il provvedimento 27 aprile 2016, sulla base della media dei tassi bancari attivi con riferimento al periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2015, stimata dalla Banca d’Italia.

giovedì 28 aprile 2016

Fisco: controlli sulle auto di lusso

A mezzo Poste Italiane saranno recapitate le raccomandate agli automobilisti, possessori di auto di lusso, non in regola con il pagamento del superbollo 2013. Si prevede il recapito delle missive nella settimana dal 23 al 27 maggio.

giovedì 28 aprile 2016

Bonus strumenti musicali: i certificati e le istanze sono esenti bollo

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 15/E del 27 aprile 2016, ha chiarito che i certificati di frequenza rilasciati dai conservatori di musica e dagli istituti musicali pareggiati agli studenti per consentire loro di beneficiare del contributo riconosciuto, per l’anno 2016, dall’articolo 1, comma 984, legge 208/2015 (sconto sull’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi), nonché le richieste da presentare per la loro consegna, sono esenti dall’imposta di bollo ai sensi, rispettivamente, dell’articolo 5, comma 1, e dell’articolo 14, della tabella annessa al Dpr 642/1972.

giovedì 28 aprile 2016

Unico 2016: le spese di vitto e alloggio dei professionisti

Nell’esporre le spese di vitto e alloggio in Unico 2016, i professionisti devono prestare attenzione alle novità introdotte dal decreto sulle semplificazioni fiscali all’art. 10. Nel quadro RE – rigo RE15, dal periodo d’imposta 2015 sono efficaci le modifiche citate, le prestazioni alberghiere e le somministrazioni di alimenti e bevande acquistate direttamente dal committente non costituiscono compensi in natura per il professionista che ne usufruisce e sono irrilevanti quali spese per la produzione del reddito da addebitare in fattura. La semplificazione evita l’applicazione del doppio limite di deducibilità: ovvero il 75% dell’ammontare delle spese imputate per un importo non superiore al 2% dei compensi. Con l’entrata in vigore della nuova normativa, tali tipologie di spese non devono essere indicate nel rigo RE15 del quadro RE da parte del professionista per conto del quale tali spese sono state sostenute. Per il committente, invece, le spese in esame saranno deducibili secondo le regole ordinariamente applicabili alle rispettive categorie reddituali.

giovedì 28 aprile 2016

Regime forfettario: le preclusioni in caso di partecipazione societaria

La Legge di Stabilità 2015, al comma 57 lett. d), prevede che non possono accedere al regime forfettario gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone o associazioni di cui all’art. 5 del TUIR, s.a.s., s.n.c., s.r.l. o s.r.l.s. in trasparenza fiscale, ovvero in soggetti giuridici che imputano il reddito ai soci per trasparenza. Nella recente circolare 10/E del 4 aprile 2016, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che la preclusione ad applicare il regime di forfettario si ha solo se la partecipazione in società trasparenti è presente alla chiusura del periodo d’imposta. Esattamente, l’esclusione non opera nelle ipotesi in cui il contribuente, in regime forfettario: dismetta, in corso d’anno, la partecipazione a causa dello scioglimento della società; erediti una partecipazione in società di persone o in una società di capitali trasparente, di cui rispettivamente agli articoli 5 e 116 del TUIR, di una società che viene liquidata entro il 31 dicembre del medesimo anno in cui ha acquisito la qualifica di socio. La preclusione non opera nell’ipotesi in cui la partecipazione sia acquisita nel corso dello stesso periodo d’imposta, successivamente alla cessazione dell’attività per la quale il regime è stato applicato.

giovedì 28 aprile 2016

Canone Rai e famiglia anagrafica

L’Agenzia delle Entrate ha nuovamente fornito risposte alle domande frequenti relative al canone Rai. L’argomento dibattuto e la cd. famiglia anagrafica. Per capire il “concetto” l’Agenzia delle Entrate si collega al Regolamento Anagrafico della Popolazione Residente (Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223), e quindi afferma che per famiglia si intende “un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso Comune (unico nucleo familiare); una famiglia anagrafica può essere costituita da una sola persona”.

mercoledì 27 aprile 2016

Cassazione: senza inerenza e strumentalità non ammessa la detrazione Iva

La Corte di Cassazione, con la sentenza 6883 dell’8 aprile 2016, ha affermato che, in ambito Iva, l’articolo 19-bis1 del Dpr 633/1972 esclude che l’imprenditore possa detrarre l’imposta addebitatagli a titolo di rivalsa dal cedente quando l’operazione sia relativa all’acquisto di fabbricati a destinazione abitativa, eccetto per le imprese che hanno a oggetto esclusivo o principale dell’attività esercitata, la costruzione di tali fabbricati. Quando l’operazione non rientra nell’oggetto esclusivo o principale dell’attività d’impresa, è onere del compratore dimostrare, non solo che l’immobile acquistato è inerente e strumentale all’attività stessa, in base a elementi certi e oggettivi, ma anche che lo stesso non rientra più nella categoria dei beni a destinazione abitativa.

mercoledì 27 aprile 2016

2 per mille alla Cultura: scelta in dichiarazione

Nella prossima dichiarazione dei redditi si potrà optare per destinare il 2 per mille alle associazioni culturali; la nuova opzione è stata prevista dalla legge di stabilità 2016. Nel decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 21 marzo 2016, pubblicato sulla GU dello scorso 23 aprile sono stabilite le regole e i criteri di applicazione della norma. Ricordiamo anche il percettore di reddito, non tenuto alla presentazione della dichiarazione, può contribuire a finanziare un’associazione con la sua quota di Irpef, utilizzando la scheda allegata alla Certificazione unica o al modello Unico Pf 2016.

mercoledì 27 aprile 2016

Agenzia delle Entrate: nuovi codici tributo per rivalutazione beni impresa

Con la risoluzione n. 30/E del 26 aprile 2016 l’Agenzia delle Entrate ridenomina  i codici tributo 1811 e 1813, da utilizzare con l’F24 per il versamento dell’imposta sostitutiva dovuta dalle imprese, rispettivamente, per la rivalutazione di beni e partecipazioni e per l’affrancamento del saldo di rivalutazione. In sede di compilazione dell’F24, dal 9 maggio 2016 non è più richiesta la compilazione del campo “rateazione/regione/prov./mese rif”.

mercoledì 27 aprile 2016

INPS: pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito

L’INPS, con messaggio n. 1652, ha comunicato le nuove modalità per la comunicazione del codice IBAN in caso di accredito su c/c bancari o postali, libretti postali e carte prepagate. Sul sito è disponibile il modello “Richiesta di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito” (codice SR163), nel quale sarà necessario specificare le modalità di pagamento e il codice IBAN del richiedente la prestazione, in caso di accredito su c/c, libretti postali e carte prepagate.  Nel caso il servizio online non fosse disponibile è possibile inviare il modello scannerizzato alla casella PEC dell’INPS o altrimenti a indirizzo email ordinario con allegati documenti d’identità.

mercoledì 27 aprile 2016

Reverse charge: entrano tablet, pc e console

Dal prossimo 2 maggio il reverse charge interesserà anche le cessioni di tablet, portatili e console per videogiochi. La novità è stata introdotta dal Dl n. 24 dell’11 febbraio 2016, emanato per allineare la normativa interna in materia a quella unionale. Si tratta di una misura temporanea, che troverà applicazione fino al 31 dicembre 2018, come previsto dall’art. 199-bis della direttiva 2006/112/Ce. In armonia con la direttiva, inoltre, dalla predetta data l’Iva tornerà ad applicarsi con le regole ordinarie anche alle cessioni di telefonini e microprocessori.

mercoledì 27 aprile 2016

Equitalia: sospensione estiva

Equitalia concederà una sospensione feriale della notifica degli atti di riscossione. Come già successo in occasione delle feste natalizie, Equitalia riconoscerà nel periodo estivo una sospensione ai contribuenti debitori, lo ha annunciato il numero uno della riscossione, Ernesto Maria Ruffini, davanti alla Commissione Finanze della Camera.

martedì 26 aprile 2016

Bonus mobili: nuova versione della guida per l’utilizzo

L’Agenzia delle Entrate aggiorna la guida “bonus mobili e grandi elettrodomestici”. Tra le indicazioni, da rilevare la non spettanza dell’agevolazione in relazione agli interventi di riqualificazione energetica dell’edificio per i quali è prevista la detrazione del 65%. Ricordiamo che il bonus consiste nella detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione; la fruibilità è stata prorogata al 31 dicembre 2016 dall’attuale legge di Stabilità.

martedì 26 aprile 2016

Canone Tv: autocertificazione di non possesso entro il 16 maggio

Il termine per comunicare, mediante autocertificazione, la non detenzione di apparecchio Tv al fine di non pagare il canone Rai in bolletta slitta al 16 maggio. In tal senso, sono stati aggiornati il modello e le relative istruzioni (approvati con provvedimento del 24 marzo scorso), che riportano anche i chiarimenti del ministero dello Sviluppo economico in merito al concetto di apparecchio televisivo. Le novità in un provvedimento del 21 aprile 2016.

martedì 26 aprile 2016

Contribuenti forfettari tenuti a fornire indicazioni reddituali anche senza ritenuta

I contribuenti in regime forfettario, secondo il comma 69 della Legge n. 190/2014, sono esclusi dalla qualifica di sostituto d’imposta. Sono, comunque, tenuti ad adempiere all’obbligo informativo in sede di dichiarazione dei redditi. I valori devono essere indicati negli appositi righi RS371, RS372 ed RS373 del Modello Unico.

martedì 26 aprile 2016

Agenzia delle Entrate: istruzioni per la riammissione alla rateazione

L’Agenzia delle Entrate, nella circolare 13/E del 22 aprile 2016, detta le istruzioni per la riammissione alla rateazione dei contribuenti decaduti. Detti contribuenti, decaduti dal beneficio della rateazione nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015, sono riammessi al piano iniziale di ammortamento, limitatamente alle somme dovute a titolo di imposte dirette, qualora, entro il prossimo 31 maggio, versino la prima delle rate scadute. Il numero delle rate successive sarà pari al numero delle rate del piano originario non pagate, esclusa quella versata per la riammissione alla dilazione, con scadenza trimestrale nello stesso giorno in cui è stato effettuato il versamento per la riammissione.

martedì 26 aprile 2016

CTP: raddoppio dei termini per i vecchi avvisi solo con denuncia in tempo utile

Dall’orientamento delle commissioni tributarie, con pareri di un unico tenore, l’avviso di accertamento notificato usufruendo del raddoppio dei termini è legittimo solamente se la denuncia penale sia stata presentata o trasmessa entro la scadenza dei termini ordinari. Ciò per effetto della disciplina transitoria recata dall’articolo 1, comma 132, della legge di stabilità 2016, che si applica anche agli atti impositivi già emessi e notificati, i cui giudizi siano ancora pendenti.

martedì 26 aprile 2016

Imposta di pubblicità per le agenzie di viaggio

L’agenzia di viaggio che espone in vetrina gli annunci delle offerte turistiche è soggetta all’imposta di pubblicità, se i cartelli superano il mezzo metro quadrato di superficie. Lo ha affermato la Ctr Emilia-Romagna, con la sentenza n. 1718/09/15, ribaltando il giudizio di primo grado.

venerdì 22 aprile 2016

Precompilata: verifica delle spese sanitarie

Le spese sanitarie rimborsate vanno verificate nella precompilata. Quando il rimborso delle spese sanitarie viene erogato in una annualità successiva a quella di sostenimento della spesa è necessario che il contribuente verifichi la bontà della scelta effettuata dall’Agenzia delle entrate che ha inserito le stesse nel quadro dei redditi da assoggettare a tassazione separata. Se la spesa rimborsata era stata a suo tempo detratta l’assoggettamento della stessa a tassazione separata deve essere confermato senza alcuna modifica. Se invece la spesa rimborsata non era stata detratta, in tutto o in parte, al momento del suo sostenimento, allora il contribuente dovrà intervenire per modificare la precompilata eliminando la quota rimborsata dai redditi da assoggettare a tassazione separata.

venerdì 22 aprile 2016

Bollo: esenzioni per i certificati richiesti dagli studi legali

Nella risoluzione AE n. 24/E, viene precisato che non si applica l’imposta di bollo sui certificati anagrafici richiesti dagli studi legali per la notifica degli atti giudiziari. L’esenzione dal bollo, riconosciuta purché sul certificato rilasciato venga indicata la norma di esenzione ovvero l’uso cui l’atto è destinato. L’introduzione del contributo unificato, precisa l’Agenzia nella risoluzione “comporta la non applicabilità dell’imposta di bollo agli atti e provvedimenti processuali “… inclusi quelli antecedenti, necessari o funzionali” (art.18 del DPR n. 115 del 2002)”.

venerdì 22 aprile 2016

Decreto Buona scuola: premio docenti deciso dal preside

Il Ministero dell’istruzione in una circolare fa chiarezza sulle modalità applicative di una delle novità di maggiori rilievo della riforma della Buona scuola. Sul premio da dare ai docenti più bravi non si tratta con i sindacati. Sarà il preside a decidere se e a quali insegnanti attribuire il bonus per la valorizzazione del merito, in base a criteri fissati dal comitato interno di valutazione.

venerdì 22 aprile 2016

Bilanci comunali verso l’approvazione senza sorprese

L’approvazione dei bilanci comunali quest’anno riserva meno insidie del solito. La manovra ha, infatti, bloccato le tasse locali (tranne quelle sui rifiuti). In busta paga pesano però le scelte del 2015, perché le aliquote decise l’anno scorso si pagano ora. Nei primi due mesi dell’anno, secondo il bollettino del ministero dell’Economia, l’Irpef comunale è salita del 17,1%, con una dinamica che può spingere il conto finale verso la quota record dei 5 miliardi. Il blocco deciso dalla manovra mette il freno a un’imposta che in questi anni ha corso parecchio, e ha costruito situazioni molto differenziate da Comune a Comune. Il quadro è stato decisamente mobile, lo scorso anno solo tre piccoli Comuni hanno tagliato le aliquote, mentre gli aumenti sono stati 1.102.

venerdì 22 aprile 2016

Lavoro: orario di lavoro dei minori

L’Ordine dei Consulenti del Lavoro ha avanzato istanza di interpello per la corretta interpretazione dell’orario di lavoro minorile. In particolare si chiede se i minori con un’età superiore a 15 anni, ma inferiore a 16 e titolari di un rapporto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, siano o meno soggetti all’orario di lavoro applicabile agli adolescenti ovvero a quello di 8 ore giornaliere e 40 settimanali. Il Legislatore, al fine di preservare la frequenza scolastica e l’assolvimento dell’obbligo di istruzione sancisce che, per i bambini liberi da obblighi scolastici, l’orario di lavoro non possa superare le 7 ore giornaliere e le 35 settimanali e, per gli adolescenti, che l’orario di lavoro non possa superare le 8 ore giornaliere e le 40 settimanali. In risposta all’interpello, i quindicenni ancora soggetti all’obbligo scolastico, assunti con un contratto di apprendistato del primo tipo, possono effettuare un orario di lavoro non superiore alle 7 ore giornaliere e 35 settimanali ai sensi del disposto di cui all’art. 18, comma 1, Legge n.977/1967.

venerdì 22 aprile 2016

Attualità: per Unioncamere i fallimenti sono in calo nel primo trimestre

Secondo dati forniti da Unioncamere, nel primo trimestre 2016 sono diminuiti i fallimenti. Il saldo aperture/chiudure di imprese alla fine del primo trimestre 2016 fa registrare un segno positivo, con le aperture in crescita, seppure modesta, dello 0,1%, e con una diminuzione delle chiusure del 4,4%. Le chiusure sono attestate al valore più basso degli ultimi 5 anni, 127.341 unità, con l’intero saldo negativo del trimestre attribuito alle sole imprese artigiane. Aumentano le aperture di: noleggi, agenzie di viaggio e servizi alle imprese (+1.579 imprese, di cui 483 artigiane), attività immobiliari (+896) e alloggio e la ristorazione (+662). Arretrano le costruzioni (- 6.294 imprese, -0,74%) e il commercio (-5.680 unità, -0,37%.

giovedì 21 aprile 2016

Cassazione: il datore di lavoro è obbligato a consentire la visione della documentazione attestante la qualifica del lavoratore

Il datore di lavoro è obbligato a consentire l’accesso del lavoratore alle motivazioni relative alle sue note di qualifica, diversamente il lavoratore ha diritto al risarcimento del danno. Si tratta di una pronuncia della Cassazione (sentenza n.6775/2016) in cui i giudici si esprimono a favore di una lavoratrice che, a causa delle sue condizioni di salute, sottoposta a sorveglianza sanitaria, era stata trasferita a svolgere mansioni diverse e da allora aveva ricevuto note negative sulle sue capacità professionali. Avendo richiesto al datore di lavoro delucidazioni su tali valutazioni negative, esercitando il suo diritto di accesso ai documenti, relativi alle motivazioni con cui erano state espresse le sue note di qualifica e che avrebbero dovuto far parte del suo fascicolo, non aveva ottenuto risposta.

giovedì 21 aprile 2016

Misure di sostegno al reddito per il lavoratori dei Call-center anche per il 2017

I lavoratori dei call center in crisi potranno fruire dell’indennità a sostegno del reddito anche oltre il termine del 31 dicembre 2016 ma sempre nel limite dei dodici mesi e a condizione che non si esauriscano le somme stanziate per legge (decreto n. 22763 del 12 novembre 2015, emanato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, in attuazione all’art. 44, comma 7, Dl n. 148/2015). L’indennità spetta in favore dei lavoratori assunti con contratto di lavoro subordinato, compresi quelli assunti con contratto di apprendistato professionalizzante, con esclusione dei dirigenti e dei lavoratori a domicilio, appartenenti alle aziende del settore dei call center non rientranti nel campo di applicazione del trattamento straordinario di integrazione salariale, con un organico superiore alle 50 unità nel semestre precedente alla presentazione della domanda, con unità produttive site in diverse Regioni o Province autonome e che abbiano attuato, entro il 31 dicembre 2013, le misure di stabilizzazione dei collaboratori a progetto di cui all’articolo 1, comma 1202, Legge n. 296/2006.

giovedì 21 aprile 2016

Bilanci: pubblicata la bozza del nuovo OIC 29

È stata pubblicata sul sito dell’Organismo Italiano di Contabilità la bozza del nuovo principio contabile OIC 29 che disciplina i cambiamenti di principi contabili, i cambiamenti di stime contabili, la correzione di errori e i fatti intervenuti dopo la chiusura dell’esercizio. Nella nuova versione vengono recepite le novità introdotte dal Dl n. 139/2015: è stata eliminata la disciplina degli eventi straordinari; è stata modificata la disciplina in tema di cambiamenti di principi contabili e di correzione di errori; è stata rivista la forma della trattazione ove necessario in relazione alle novità normative ed a un miglior coordinamento con le disposizioni degli altri principi contabili nazionali OIC. Il documento resterà in consultazione fino al 31 maggio.

giovedì 21 aprile 2016

Lavoro: le lavoratrici iscritte alla Gestione separata hanno diritto alla maternità per le adozioni

La Gestione separata Inps garantisce la maternità per le lavoratrici iscritte in caso di adozione. Esattamente, in caso di adozione nazionale o internazionale e di affidamento preadottivo di un minore, le lavoratrici iscritte alla Gestione separata hanno diritto all’indennità di maternità per un periodo di cinque mesi. La nuova disciplina è la seguente: in caso di adozione nazionale, il congedo va fruito durante i primi cinque mesi successivi all’effettivo ingresso del minore nella famiglia della lavoratrice; in caso di adozione internazionale, il congedo può essere fruito prima dell’ingresso del minore in Italia, durante il periodo di permanenza all’estero richiesto per l’incontro con il minore e gli adempimenti relativi alla procedura adottiva. Ferma restando la durata complessiva del congedo, questo può essere fruito entro i cinque mesi successivi all’ingresso del minore in Italia (D.M. 24 febbraio 2016 pubblicato sulla GU n. 79 del 5 aprile 2016).

giovedì 21 aprile 2016

Lavoro: l’Inail tutela il viaggio in bicicletta

L’Inail, facendo seguito alla modifica operata dal collegato ambientale alla legge di Stabilità 2016 che ha stabilito che l’utilizzo della bicicletta per raggiungere il luogo di lavoro deve sempre intendersi necessitato, detta le linee guida per la trattazione dell’infortunio in itinere occorso utilizzando tale mezzo. Con la circolare n. 14 del 25 marzo 2016, l’Inail ribadisce che la disciplina giuridica dell’infortunio in itinere resta integralmente confermata, sia in termini generali, sia con specifico riferimento alle ipotesi in cui l’evento occorra a bordo della bicicletta.

giovedì 21 aprile 2016

Dichiarazioni fiscali: sul quadro RW semplificazione saltata

Salta la semplificazione del quadro RW. Dopo i chiarimenti positivi per i contribuenti, arrivati in occasione di Telefisco, la circolare n. 12/E ha integrato le istruzioni prevedendo che in ogni caso, al di là delle ipotesi di semplificazione, i contribuenti debbano predisporre e conservare un prospetto, con i dati delle attività finanziarie valorizzate in conformità ai criteri di valorizzazione delle attività contenuti nella circolare 38/E del 2013. La circolare conferma la procedura semplificata di compilazione del quadro RW, nel caso in cui il contribuente detenga all’estero, anziché singoli investimenti, una relazione finanziaria con uno o più intermediari esteri.

mercoledì 20 aprile 2016

Immobili: più ampia l’applicazione dell’aliquota Iva agevolata al 10%

Si amplia  l’applicazione dell’aliquota Iva agevolata al 10%: interessa la fornitura e posa in opera di infissi e tutte le parti staccate che sono connotate da un autonomia funzionale rispetto all’infisso stesso (circolare AE n. 12/E/2016). L’aliquota del 10%, era già stata trattata dall’Agenzia nella circolare 71/E/2000 e nella risoluzione 25/E/2015; si applica a tutte le prestazioni di servizio e alle cessioni di beni con posa in opera che si realizzano nell’ambito di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di immobili a prevalente o esclusiva destinazione residenziale. L’agevolazione opera solo nei confronti del committente e non anche nel rapporto tra prestatori di servizio.

mercoledì 20 aprile 2016

Trattamento pensionistico e contratto di lavoro part-time

Il MLPS, di concerto con il MEF, decreta le modalità di riconoscimento di quanto previsto dal Dl n. 208/2015 ai lavoratori dipendenti del settore privato iscritti all’assicurazione generale obbligatoria o alle forme sostitutive ed esclusive della medesima, che hanno in corso un rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, e che maturano entro il 31 dicembre 2018 il requisito anagrafico per il conseguimento del diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia. Coloro che hanno maturato i requisiti minimi di contribuzione possono, in accordo con il datore di lavoro, trasformare il rapporto lavorativo da tempo pieno a tempo parziale con una riduzione dell’orario di lavoro in misura compresa tra il 40% e il 60% con corresponsione mensile, da parte del datore di lavoro, di una somma pari alla contribuzione previdenziale ai fini pensionistici a carico del datore di lavoro relativa alla prestazione lavorativa non effettuata e con riconoscimento della contribuzione figurativa.

mercoledì 20 aprile 2016

Dogane: duty free utilizzabili solo dai viaggiatori

Con la nota n.22583/RU del 9 marzo 2016 l’Agenzia delle dogane fornisce chiarimenti alla Direzione Interregionale per la Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta circa la possibilità per i gestori dei duty free shops aeroportuali di vendere i propri beni anche agli operatori aeroportuali muniti di tesserino rilasciato dall’E.N.A.C. La nota in commento richiama la circolare n.179/D/2000 e la circolare n.44/D/2001, nelle quali sono state definite le regole che l’acquirente e l’esercente devono seguire per porre in essere le operazioni di compravendita esenzione fiscale, garantendo che i beni venduti in tali negozi speciali siano destinati esclusivamente al viaggiatore in uscita dal territorio doganale comunitario. Le dogane confermano che i prodotti venduti nei duty free shops possono essere ceduti solamente ai viaggiatori muniti di carta d’imbarco con destinazione finale verso Paesi terzi.

mercoledì 20 aprile 2016

Novità: dal 30 aprile nuove regole per accesso al sito Inail

Dal 30 aprile 2016 l’Inail cambia le modalità di accesso ai servizi online riservati alle aziende. Il Codice dell’amministrazione digitale impone alle Pubbliche Amministrazioni di consentire l’accesso ai propri portali tramite la carta d’identità elettronica, tramite la carta nazionale dei servizi o con altri strumenti purché consentano di individuare il soggetto che richiede il servizio; le attuali modalità di accesso al portale INAIL riservate alle imprese non risultano in linea con quanto disposto dal Codice. Pertanto, dopo il 30 aprile prossimo si potrà accedere al sito Inail con nuove credenziali da richiedere all’Istituto online. La novità non riguarda commercialisti e consulenti del lavoro, che potranno continuare ad accedere con le solite modalità ed operare come prima per tutte le aziende che hanno in delega.

mercoledì 20 aprile 2016

Lavoro: prospetto disabili, invio aperto

E’ aperto già dal 15 aprile il canale per l’invio del prospetto disabili. Si ricorda che l’invio, in scadenza il 31 gennaio 2016 è stato prorogato prima al 29 febbraio 2016 e poi al 15 maggio 2016 (nota direttoriale del 17 febbraio 2016 prot. 33/970 Ministero del Lavoro e delle politiche sociali).

mercoledì 20 aprile 2016

Misure di sostegno al reddito: in Lombardia potenziato il “reddito di autonomia”

La regione Lombardia vara il “Reddito di autonomia” potenziato. L’agevolazione comprenderà anche il “Bonus famiglia” e i “Nidi gratis”. Le nuove misure mirano a sostenere le famiglie vulnerabili sul piano economico e sociale e a rischio povertà, ma anche le famiglie in situazione di vulnerabilità prima e dopo la nascita di un figlio. Per accedere ai contributi previsti per ogni misura l’indicatore Isee di riferimento dovrà essere uguale o inferiore a 20.000 euro, fatta eccezione per l’esenzione del super ticket, dove sarà richiesto un reddito imponibile uguale o inferiore ai 18.000 euro.

martedì 19 aprile 2016

Agevolazioni: bonus ricerca destinato a tutto il personale

Dopo la circolare dell’Agenzia delle entrate del 16 marzo 2016 in materia di bonus ricerca, anche il Ministero dello sviluppo economico conferma che tutto il personale è finanziabile nell’ambito del credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo 2015-2019, purché collabori al buon esito della stessa. Esattamente, tutto il personale impiegato in attività di ricerca e sviluppo, senza discriminazioni dovute al titolo di studio può essere finanziato con il credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo: le spese per il personale altamente qualificato sono finanziate con un bonus del 50%, mentre il restante personale con un bonus del 25%.

martedì 19 aprile 2016

Cassazione: per condannare il prestanome serve la prova del dolo

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15900 del 18 aprile 2016, emessa a seguito di ricorso relativo all’uso di un “prestanome aziendale”, ha ritenuto che essere, appunto,  il prestanome di un’azienda non fa scattare automaticamente la condanna per l’omessa tenuta o la distruzione della contabilità. L’accusa è tenuta a provare il dolo specifico.

martedì 19 aprile 2016

Canone Rai: pagano anche gli studenti

Lo studente in affitto, che ha spostato la sua residenza nella città dove studia, dovrà pagare il canone tv.  Non sarà invece tenuto al pagamento se lo studente fuorisede mantiene la residenza anagrafica a casa dei genitori che già pagano il canone. In questo caso può presentare la dichiarazione di non possesso compilando il quadro B indicando il codice fiscale, della madre o del padre, cui è intesta l’utenza elettrica su cui è dovuto il canone tv. Tanto si evince dagli esempi di compilazione presenti sul sito dell’Agenzia delle entrate.

martedì 19 aprile 2016

Istanza di rimborso per le somme anni precedenti tassate e restituite

Sono state stabilite le modalità con le quali il contribuente può richiedere il rimborso delle somme, assoggettate a tassazione in anni precedenti, restituite al soggetto erogatore e non dedotte dal reddito complessivo (stabilità 2014 legge n. 147/2013). Con decreto del 5 aprile 2016, pubblicato sulla GU di venerdì 15, il MEF ha definito le modalità di presentazione dell’istanza. L’istanza va presentata agli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate entro due anni dal termine per la dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui è avvenuta la rimessa.

martedì 19 aprile 2016

Lavoro domestico: possibile sospendere i contributi

L’Inps, con messaggio n. 1643/2016, ha dato notizia che ora è possibile sospendere il versamento dei contributi per il lavoro domestico. La sospensione è possibile al verificarsi di determinate condizioni, ed è attuabile per un periodo di tre mesi. Al fine, è a disposizione del datore di lavoro domestico un nuovo servizio online per la comunicazione della sospensione dell’obbligo contributivo, raggiungibile dalla sezione “Servizi Online” – “Servizi per il cittadino” – “Lavoratori domestici” – “Autenticazione con PIN/CNS” – “Sospensione obbligo contributivo”.

martedì 19 aprile 2016

Caf: verifica documentale confermata da sentenza Ctr

Il Dl n. 175/2014 prevede che in caso di visto infedele sulle dichiarazioni 730, i Caf e i professionisti abilitati siano tenuti, nei confronti dello Stato o del diverso ente impositore, al pagamento di un importo corrispondente alla somma dell’imposta, degli interessi e della sanzione, nella misura del 30%, che sarebbe stata invece richiesta al contribuente. La responsabilità in capo al Caf o al professionista sorge solo in caso di visto infedele ed è espressamente esclusa qualora l’infedeltà del visto sia stata determinata da una condotta dolosa o gravemente colposa del contribuente. Questo nuovo iter sanzionatorio viene ora confermato anche dalla Ctr Lazio con la Sentenza 92/21/2016.

lunedì 18 aprile 2016

Ordini professionali: adempimenti anticorruzione rimandati

Con la delibera del 6 aprile scorso, l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) concede più tempo agli ordini professionali per mettersi in regola con gli adempimenti sulla trasparenza. Il termine ultimo, originariamente fissato al 31 marzo scorso, slitterà a data da destinarsi, o meglio alla data in cui entrerà in vigore il dlgs correttivo delle disposizioni in materia di prevenzione alla corruzione.

lunedì 18 aprile 2016

Anche le spese veterinarie nel modello 730 online

Secondo quanto affermato dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate Orlandi, dal prossimo anno entreranno nel modello 730 precompilato anche le spese veterinarie e quelle relative all’attività sportiva dei figli.

lunedì 18 aprile 2016

Professioni: restyling per la revisione legale

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/56/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, che modifica la direttiva 2006/43/CE relativa alle revisioni legali dei conti annuali e dei conti consolidati. Le nuove disposizioni andranno a regolare l’attività dei revisori dei conti, dall’accesso alla professione, ai principi deontologici, alla disciplina della relazione di revisione. La riforma interesserà, anche, il sistema sanzionatorio.

lunedì 18 aprile 2016

Accertamenti: la Guardia di Finanza a caccia degli “incoerenti”

La Guardia di Finanza ha rilasciato ai reparti cinque nuovi applicativi informatici e aggiornato due procedure: lo Spesometro integrato e i Negozi giuridici. Tra i nuovi dati messi a disposizione dei reparti ci sono quelle rilevanti ai fini Iva comunicate alle Entrate, gli acquisti di beni e di prestazioni di servizi legati al turismo con importi inferiori a 1.000 euro effettuati presso commercianti al minuto e le agenzie di viaggio da cittadini non italiani e comunque extracomunitari residenti fuori dallo Stato, i dati acquisiti da operatori di San Marino e le operazioni effettuate con in Paesi black list. Tra i dati inseriti anche quelli dei contratti di leasing ricavati da modelli Intrastat, bollette doganali, comunicazioni Iva e dichiarazioni Iva.

lunedì 18 aprile 2016

Dichiarazione precompilata 2016: le novità

Le novità della precompilata 2016 sono le spese universitarie, quelle sanitarie, quelle funebri, i bonus casa e i contributi per la previdenza complementare. Per le spese universitarie, oltre a precisare il doppio binario tra atenei pubblici e privati, occorre fare attenzione agli importi da portare in detrazione. Queste spese, infatti, sono detraibili in misura non superiore a quella stabilita annualmente per ciascuna facoltà universitaria con decreto del ministero dell’Istruzione.

lunedì 18 aprile 2016

Regime forfettario: disapplicazione

Il 4 aprile 2016 è stata pubblicata dall’Agenzia delle entrate la circolare n.10/E recante instruzioni circa le modalità di applicazione del nuovo regime forfetario. I contribuenti che devono applicare tale regime hanno la possibilità di disapplicarlo. La disapplicazione può avvenire per opzione, per legge o per accertamento. Per opzione avviene tramite comportamento concludente, ma occorre comunque comunicarlo barrando l’apposito campo della dichiarazione annuale IVA da presentare successivamente alla scelta; i soggetti che effettuano operazioni esenti devono comunicare l’opzione presentando il quadro VO insieme alla dichiarazione dei redditi. Coloro che nel 2015 hanno optato per il regime ordinario possono dall’1 gennaio 2016 revocare la scelta effettuata e accedere al regime forfettario effettuando le opportune rettifiche dei documenti emessi nel corso del 2016. Per legge il regime forfettario cessa di avere efficacia a partire dall’anno successivo a quello in cui viene meno anche solo uno dei requisiti di accesso oppure se si verifica una delle cause di esclusione. Infine, l’accertamento divenuto definitivo che dimostra l’assenza di una delle condizioni previste dai commi 54 e 57, art.1, legge di Stabilità , determina l’uscita dal regime forfettario dal periodo successivo a quello accertato.

lunedì 18 aprile 2016

Dichiarazione precompilata: da oggi online

Esattamente oggi, alle ore 12,00, la dichiarazione precompilata è online. Per visualizzarla è necessario accedere al sito ad hoc (https://infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it) creato dall’Agenzia delle Entrate. I modelli predisposti dall’Agenzia contengono numerose informazioni che lo scorso anno i contribuenti hanno dovuto inserire. Quest’anno le modifiche o integrazioni dovrebbero essere molte meno rispetto al 95% dei casi del 2015.

venerdì 15 aprile 2016

Accertamento: raddopio dei termini con limiti

In seguito all’abrogazione della clausola di salvaguardia operata dalla legge di Stabilità 2015, merito il raddoppio dei termini in caso di accertamento, interpretazioni delle Commissioni tributarie ritengono che esso possa scattare, anche per il passato, solo se la notizia di reato è stata inviata in Procura entro la scadenza ordinaria dei termini di accertamento. Il decreto 128/2015 aveva subordinato il raddoppio dei termini alla presentazione della denuncia entro la decadenza ordinaria: la violazione penale doveva quindi essere comunicata all’autorità giudiziaria entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione o, in caso di omessa presentazione, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo. Queste regole trovavano applicazione agli atti impositivi notificati successivamente all’entrata in vigore del decreto (2 settembre 2015). La norma aveva previsto anche un regime transitorio, secondo il quale “erano fatti salvi” gli effetti degli avvisi di accertamento, dei provvedimenti di irrogazione sanzioni già notificati al 2 settembre 2015, a prescindere cioè dalla data di inoltro della notizia di reato.

venerdì 15 aprile 2016

Agenzia delle Entrate: le STP possono rilasciare il visto di conformità

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 23/E del 14 aprile 2016, dà il via libera alle STP al rilascio del visto di conformità. Non sussistono ragioni per negarlo. Il professionista che esercita l’attività di assistenza fiscale nell’ambito di una società tra professionisti (STP), iscritta all’ordine competente, può rilasciare il visto di conformità utilizzando la partita IVA della STP abilitata alla trasmissione telematica delle dichiarazioni, così come chiarito per le associazioni professionali e le società di servizi.

venerdì 15 aprile 2016

Canone Tv: sul sito dell’Agenzia delle Entrate le risposte alle situazioni non standard

In tema di canone Tv, tanto dibattuto per la novità di quest’anno l’ingresso in bolletta luce, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito le Faq con chiarimenti ai quesiti più frequenti come le doppie utenze o la fornitura elettrica a nome del marito a fronte dell’abbonamento televisivo intestato alla moglie. Eccone alcune: il contribuente titolare di più contratti di tipo domestico residenziale non rischia di pagare più canoni, l’addebito interesserà solo una delle utenze elettriche; chi stipula per la prima volta un contratto per la fornitura elettrica nel corso dell’anno e non è già titolare di un’altra utenza residenziale nell’anno di attivazione, è esonerato dal pagamento del canone solo se presenta la dichiarazione entro la fine del mese successivo alla data di inizio del servizio; la dichiarazione di non detenzione può essere presentata online attraverso l’applicazione web disponibile sul sito di Agenzia delle Entrate o tramite gli intermediari abilitati, ma anche in formato cartaceo, con raccomandata senza busta, insieme a una copia di un valido documento di riconoscimento, indirizzata alla Sat – c.p. 22 Torino; cosa succede quando la moglie paga la Tv e il marito la luce? Se i coniugi appartengono alla stessa famiglia anagrafica, il canone dovrà essere pagato una sola volta e non occorre presentare la dichiarazione sostitutiva.

venerdì 15 aprile 2016

Adempimenti Cdl: scade il termine per la I rata contributi 2016

Appuntamento in cassa per i Cdl: lunedì 18 scade il termine per il versamento della I rata del contributo soggettivo 2016. Dal 1° gennaio 2013, il Regolamento dell’Enpacl prevede che il contributo soggettivo dovuto all’Ente sia calcolato al 12% del reddito professionale prodotto nell’anno precedente. Il contributo soggettivo è rapportato al mese, in relazione al periodo di effettiva iscrizione nell’anno solare.

venerdì 15 aprile 2016

Imposte e tasse: niente Irap per i medici di base

In tema di Irap la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 7291 del 13 aprile 2016, interviene sull’assoggettabilità dell’imposta sulle attività produttive delle strutture di medicina di gruppo. Lo svolgimento in forma associata dell’attività di medicina generale non è assimilabile alle associazioni senza personalità giuridica previste dall’articolo 5 del Tuir. E anche la presenza di spese sostenute per terzi collaboratori, quali una segretaria o un’infermiera, non è idonea a integrare il requisito dell’autonoma organizzazione richiesta dalla norma impositiva.

venerdì 15 aprile 2016

Statistiche: i dati della precompilata 2015

Sono stati pubblicati i dati relativi alla presentazione del 730 precompilato 2015. Dei 20 milioni di modelli predisposti, solo 1,4 milioni di contribuenti hanno effettuato l’invio diretto; è pertanto palese che la maggior parte dei contribuenti si è rivolto a Caf e professionisti. Secondo il Fisco, quest’anno la platea dei contribuenti interessati dalla precompilata aumenterà di 10 milioni, grazie all’introduzione di Unico precompilato. Sul fronte delle spese sanitarie il Direttore Orlandi ha fornito i numeri dell’opposizione all’utilizzo dei dati: 11 milioni di contribuenti hanno detto no all’inserimento delle proprie spese mediche nella precompilata. Dal prossimo anno entreranno in dichiarazione anche tutti i dati relativi ai farmaci.

giovedì 14 aprile 2016

Voluntary: arriva il modello per la notifica atti via pec

È stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello con cui i contribuenti possono chiedere di ricevere gli atti relativi alla procedura di collaborazione volontaria tramite l’indirizzo Pec dei professionisti che forniscono loro assistenza (provvedimento del 13 aprile 2016). L’istanza può essere presentata esclusivamente da chi aveva a suo tempo presentato domanda per aderire alla voluntary disclosure, e deve essere presentata, per conto del contribuente, dal professionista che lo assiste nell’ambito della procedura.

giovedì 14 aprile 2016

Odcec Napoli: banca dati lavoro giovani

L’Odcec di Napoli vara la prima banca dati dei commercialisti per i giovani. La banca dati darà ai professionisti una possibilità legata anche al collocamento nel mondo del lavoro, fornendo opportunità per i ragazzi in vista di futuri inserimenti lavorativi, allo scopo di agevolare le imprese e i professionisti nella scelta dei collaboratori, potendo attingere direttamente dalla banca dati. Al termine dei corsi di formazione, i giovani commercialisti potranno essere inseriti in una banca dati a disposizione delle aziende e dei professionisti che ne faranno richiesta.

giovedì 14 aprile 2016

Studi di settore con regime premiale esteso

Il 13 aprile 2016 è stato pubblicato il provvedimento che regola l’accesso al regime premiale previsto dall’articolo 10 del Dl n. 201/2011. Per il 2015 viene prevista la possibilità di accesso al regime premiale per 159 studi di settore, di cui uno relativo ad attività di lavoro autonomo e due relativi sia alle attività di impresa che di lavoro autonomo.

giovedì 14 aprile 2016

Imposte e tasse: per le agevolazioni Imu e Tasi vale la data del contratto

Ai fini delle agevolazioni Imu e Tasi, per il contratto di comodato d’uso verbale non conta la data di registrazione, ma quella di conclusione del contratto. Pertanto, la riduzione al 50% della base imponibile Imu e Tasi in caso di concessione in comodato di un immobile a un parente in linea retta entro il primo grado, che lo utilizzi come abitazione principale, decorre dal 1° gennaio 2016 a prescindere dalla data di registrazione del contratto verbale. È questa la risposta che ha fornito il dipartimento delle finanze del ministero dell’economia, con la nota 8876 dell’8 aprile 2016, a un quesito inviato dalla Confedilizia.

giovedì 14 aprile 2016

Dichiarazioni fiscali: fattura elettronica non obbligatoria per “B2B”

Fattura elettronica non obbligatoria per le operazioni  business to business (B2B), però chi sceglierà il canale tradizionale dovrà inviare tutti i dati sulle operazioni. Così ha detto il viceministro all’Economia, Enrico Zanetti, in chiusura del convegno sulle prospettive del sistema fiscale organizzato dalla commissione di vigilanza sull’Anagrafe tributaria. Nel 2018, sempre secondo il ministro, il Governo interverrà a ridurre il peso dell’Irpef, in particolare sui redditi di ceto medio, quelli 30mila euro e 60mila euro.

giovedì 14 aprile 2016

Partite IVA: aperture in crescita

Crescono le nuove aperture di partite IVA: febbraio 2016 registra un +18% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il 70,5% delle nuove partite IVA è stato aperto dalle persone fisiche, il 23% dalle società di capitali e il 5,8% dalle società di persone. Rispetto alla provenienza geografica: il 43,5% delle partite Iva è localizzato al Nord, il 22,2% al Centro e il 34,1% al Sud ed Isole. Il 45,7% degli avviamenti è dovuto a giovani fino a 35 anni ed il 35,4% da soggetti di età compresa nella fascia dai 36 ai 50 anni. Il 23% del totale delle aperture riguarda il commercio, il 14,6%seguito le attività professionali e il 10,30% l’agricoltura.

mercoledì 13 aprile 2016

Dichiarazioni: online Gerico e Paramentri 2016

Sono già in rete, giocando d’anticipo, i software “Gerico 2016” e “Parametri 2016”. Il primo consente la compilazione degli studi di settore, il secondo di stimare i ricavi o i compensi dei contribuenti esercenti attività d’impresa o arti e professioni per cui non risultano approvati gli studi di settore oppure, seppur approvati, operano condizioni di inapplicabilità non estensibili ai parametri.

mercoledì 13 aprile 2016

Nuove causali contributo per gli enti bilaterali

Con le risoluzioni 21/E e 22/E del 12 aprile 2016, sono state istituite due nuove causali contributo per gli enti bilaterali. Sono: “EBCT” e “ANBA” utili alla riscossione  dei contributi diretti, rispettivamente, all’Ente bilaterale contrattuale nazionale per il Turismo (Ebitur) e all’Ente nazionale bilaterale lavoro impresa e agricoltura (Enblia).

mercoledì 13 aprile 2016

Start up innovative: nuove norme per gli incentivi

Con la pubblicazione nella GU del 11 aprile 2016 dell’articolo 9, comma 16-ter, del Dl n. 76/2013, emanato di concerto dal ministero dell’Economia e delle Finanze e da quello dello Sviluppo economico, vengono confermate le agevolazioni per chi investe in start up innovative. Il provvedimento, in vigore da ieri, mette fine all’efficacia del precedente decreto attuativo (Dm 30 gennaio 2014). Tra le novità si segnala l’innalzamento a 15 milioni di euro della soglia massima per le somme che possono ricevere le imprese.

mercoledì 13 aprile 2016

5 per mille 2014: gli ammessi e gli esclusi

Dopo le attività di verifiche effettuate dall’Agenzia delle Entrate, sono state assegnate le quote 5 per mille dell’Irpef che i contribuenti hanno scelto di destinare ai soggetti da loro ritenuti più meritevoli. Gli elenchi sono in rete sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

mercoledì 13 aprile 2016

Dichiarazioni: rimborsi 730 e controlli

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 12/E/2016 informa che, riguardo i rimborsi derivanti dal modello 730/2016 oltre i 4.000 euro, ci sarà una verifica preventiva anche sui modelli trasmessi attraverso i Caf. Potranno essere soggetti a un controllo preventivo con successivo rimborso a cura delle Entrate i 730 presentati con modifiche che presentano: elementi di incoerenza rispetto a criteri che saranno individuati da un apposito provvedimento e un rimborso superiore a 4.000 euro. Il controllo dell’Agenzia dovrà essere effettuato entro 4 mesi dal termine per l’invio della dichiarazione e il rimborso sarà erogato non oltre il sesto mese successivo al termine per la trasmissione del modello.

mercoledì 13 aprile 2016

Diritti doganali: stabilito il tasso d’interesse

Il MEF, con il decreto 11 marzo 2016 ha stabilito il saggio di interesse per il pagamento differito dei diritti doganali, effettuato oltre un periodo di 30 gg, nella misura dello 0,213% annuo: tale tasso, stabilito semestrale con decreto del Ministro delle finanze sulla base del rendimento netto dei buoni ordinari del Tesoro a tre mesi, è in vigore dal 13 gennaio 2016 al 12 luglio 2016.

martedì 12 aprile 2016

Dichiarazioni: 730 online anche congiunto

Il 730 precompilato 2016 è anche congiunto. Si risolve così una “mancanza” dello scorso anno. Nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, si legge “i coniugi possono congiungere le proprie dichiarazioni dei redditi. Al fine, il soggetto che intende presentare la dichiarazione in qualità di coniuge del dichiarante, dopo aver completato la compilazione della propria dichiarazione, indica nell’area autenticata il codice fiscale del coniuge che presenterà il modello 730 congiunto in qualità di dichiarante. Il coniuge dichiarante dovrà esprimere il consenso alla presentazione congiunta mediante l’indicazione, nella propria area autenticata, del codice fiscale del coniuge dichiarante”.

martedì 12 aprile 2016

Lavoro: bando “Giovani 2G”

Scade il 31 maggio 2016 il termine di partecipazione al bando “Giovani2G”. Il programma assegna contributi e servizi a sostegno della nascita di nuove realtà imprenditoriali o di auto impiego, interessa i giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni originari di Paesi non appartenenti all’Unione Europea ma che abbiamo acquisito la cittadinanza italiana dopo la nascita. L’avviso pubblico, in scadenza il 31 marzo, è stato prorogato di 60 gg.

martedì 12 aprile 2016

Dichiarazione precompilata: da oggi online

La dichiarazione precompilata è online. Il sito è stato aggiornato e implementato per rispondere in maniera più precisa e puntuale a tutte le richieste di informazioni e di assistenza che arrivano dai contribuenti. La struttura è rimasta in sostanza quella dello scorso anno, è stato curato un restyling dei contenuti e delle modalità di accesso.

martedì 12 aprile 2016

Lavoro: la durata della Cassa in deroga per i Call-center

Nella circolare n.15 del 29 marzo 2016, il Ministero del Lavoro fornisce chiarimenti in merito alla durata dell’integrazione salariale in deroga a favore dei lavoratori del settore dei call-center. La concessione dei trattamenti di sostegno al reddito, in deroga alla normativa vigente, è autorizzata dal Ministero del Lavoro sulla base di specifici accordi siglati in ambito ministeriale, per periodi non superiori a 12 mesi, nel limite massimo di euro 5.286.187 per l’anno 2015 ed euro 5.510.658 per l’anno 2016. Con riferimento alla durata di 12 mesi, viene chiarito che, nel caso di accordo siglato nell’anno 2016, con domanda ed inizio della sospensione o riduzione di orario sempre nel 2016, è possibile superare il limite temporale del 31 dicembre 2016.

martedì 12 aprile 2016

Evasione contributiva: viene depenalizzato il passato

E’ retroattiva la depenalizzazione dell’evasione contributiva sotto i 10.000 euro. Così afferma la Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 14487 dell’8 aprile 2016, ha annullato, perché il fatto non è previsto dalla legge come reato, la condanna inflitta dalla Corte d’appello di Palermo a un imprenditore che non aveva pagato i contributi per un importo di 6.000 euro. Le norme del decreto legislativo 8 del 2016, entrate in vigore lo scorso 6 febbraio, sono infatti applicabili a tutte le cause in corso.

martedì 12 aprile 2016

Unico precompilato: fai da te o tradizionale

Debutta Unico precompilato. La novità si aggiunge al 730 precompilato e potrà essere utilizzato da persone fisiche non soggette a studi di settore, che non compilano il modello Iva e che non hanno redditi da partecipazione. La trasmissione può però essere solo in modalità “fai da te”. Se ci si volesse avvalere di un Caf o di un intermediario non è prevista la delega, come per il 730 precompilato, e quindi dovrebbe affidarsi alle modalità tradizionali.

lunedì 11 aprile 2016

Entratel dismissione: pronta la nuova piattaforma Desktop

Entratel si avvia verso la dismissione: al suo posto sarà potenziato Desktop telematico, applicazione già presente che si aggiorna da sola e che “dovrebbe” semplificare la vita ai professionisti e alle imprese. In merito il passaggio, l’Agenzia incontrerà gli operatori la settimana prossima e annuncerà il calendario degli aggiornamenti. Le software house non nascondono però timori dopo il comunicato del 29 marzo con cui l’Agenzia ha annunciato un cambio nell’accesso ai sistemi informatici dalla sera alla mattina. Il cambio ha provocato un vero e proprio tilt del funzionamento di entratel.

lunedì 11 aprile 2016

Scuola: al via i trasferimenti

Da oggi i docenti potranno richiedere il trasferimento di sede. Secondo alcune stime potrebbero essere 300 mila i docenti che avanzeranno richiesta. Il relativo contratto che disciplina i passaggi è stato sottoscritto l’8 aprile, dopo settimane di stop dovute ai rilievi sollevati dai dicasteri della Funzione pubblica e dell’Economia.

lunedì 11 aprile 2016

Agenzia Entrate: modello IPEA per il calcolo delle perdite pregresse

Con il provvedimento prot. n. 2016/51240, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello IPEA per il computo in diminuzione delle perdite pregresse dai maggiori imponibili nell’ambito dell’attività di accertamento. Il modello dovrà essere presentato da chi vorrà usare le perdite pregresse a seguito della notifica di un avviso di accertamento, anche in caso di accertamento con adesione. A presentazione della richiesta, i termini per la proposizione del ricorso verranno sospesi per 60gg; a seguire, dopo le opportune verifiche, l’Agenzia delle Entrate provvederà al ricalcolo dell’eventuale maggiore imposta, degli interessi e delle sanzioni.

lunedì 11 aprile 2016

Adempimenti: comunicazioni Iva con invio valido fino al 20 aprile

Per andare incontro alle difficoltà tecniche manifestate dagli operatori interessati alla scadenza in programma oggi, l’Agenzia informa che il termine per l’invio delle comunicazioni Iva dei contribuenti mensili sarà unificato a quello dei trimestrali.

lunedì 11 aprile 2016

Lavoro: le dimissioni in bianco

Il legislatore, per ovviare al mal costume delle dimissioni in bianco fatte firmare ai lavoratori dal datore di lavoro, ha ideato una procedura di comunicazione dati online in vigore dal 12 marzo 2016. I furbetti della firma, però, sono corsi ai ripari … pare che non potendo più far firmare al dipendente la rinuncia al posto del lavoro in anticipo, al momento dell’assunzione, i datori di lavoro si fanno consegnare dai lavoratori direttamente il codice pin Inps, necessario per accedere alla procedura telematica. La fonte di denucia arriva da Cgil Umbria che segnala i primi casi di raggiro della legge.

lunedì 11 aprile 2016

Agenzia delle Entrate: pubblicate le specifiche tecniche per 8/5/2 per mille

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati presenti nelle schede per la scelta della destinazione dell’8, 5 e 2 per mille dell’IRPEF per l’anno di imposta 2015. Le schede sono quelle inviate in forma disgiunta dalla dichiarazione, tramite busta chiusa ed entro il 30 settembre 2016 allo sportello di un ufficio postale oppure a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, CAF, ecc.).

lunedì 11 aprile 2016

Associazioni professionali e privilegio nel fallimento del cliente

L’ insinuazione al passivo in via privilegiata di un credito da parte di uno studio associato fa solamente presumere che non spetti il privilegio stesso, poiché l’istante può provare che il credito si riferisce ad una prestazione svolta personalmente dal professionista, in via esclusiva o prevalente, e sia di pertinenza dello stesso, pur se formalmente richiesto dall’ associazione. Deve pertanto effettuarsi una rigorosa indagine sul concreto espletamento della prestazione professionale, tenendo anche conto della dimensione dell’associazione professionale, con il riconoscimento del privilegio limitatamente al credito o alla parte di esso per il quale è stata data dalla parte idonea prova. (Corte di Cassazione, sentenza 31 marzo 2016, n. 6285) (Valeria Nicoletti e Filippo Mangiapane)

sabato 9 aprile 2016