poche righe, interessanti notizie...

Filtro notizie
Titolo
Testo


 
|< < > >|     Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 

IVA in edilizia: novitÓ dallo "sblocca Italia"

Si punta a dare una scossa all'edilizia con il decreto "sblocca Italia" attualmente in discussione alla Camera. Si parla di ridurre l'IVA dal 10 al 4% sui lavori di ristrutturazione edilizia in caso di lavori finalizzati  al risparmio energetico dell'immobiile. Per compensare la misura l'IVA per acquisto di immobili prima casa passerebbe dal 4 al 10%. Inoltre, la deduzione IRPEF sugli acquisti di case destinate alla locazione si applicherà genericamente a tutti acquisti di case nuove o ristrutturate o soggette a restauro, non solo a quelle legate all'affitto per 8 anni.  La norma sembrerebbe però indirizzata solo agli immobili nuovi rimasti invenduti alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto. 

Venerdý, 24 Ottobre 2014

Le novitÓ per i non residenti dalla legge europea 2013 bis

Dall'anno in corso, i soggetti residenti in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni, possono beneficiare degli stessi oneri detraibili e deducibili attualmente riconosciuti ai soggetti residenti. Il riconoscimento è concesso a condizione che il reddito prodotto nel territorio dello Stato italiano sia pari almeno al 75% del reddito complessivamente prodotto e che, nello Stato di residenza, non fruiscano di agevolazioni fiscali analoghe. Alle stesse condizioni i contribuenti non residenti potranno accedere al regime dei “nuovi minimi”, introdotto dal Dl n. 98/2011.

Giovedý, 23 Ottobre 2014

Beni ai soci: adempimento in scadenza

Entro il 30 ottobre (trentesimo giorno successivo al termine di presentazione della dichiarazione dei redditi) chi esercita un’attività d’impresa, in forma individuale o collettiva, deve comunicare all’Anagrafe tributaria i dati dei soci e dei familiari dell’imprenditore che hanno ricevuto in godimento beni dell’impresa. La comunicazione deve essere effettuata anche per i beni dati in uso dall’impresa a familiari dei soci o ai soci e familiari di altra società appartenente allo stesso gruppo, ed anche se il bene è stato concesso in godimento in periodi precedenti, nel caso in cui si continua a utilizzare nell’anno di riferimento della comunicazione.

Giovedý, 23 Ottobre 2014

Regime dei minimi: cambiano i requisiti di accesso

Nuovi requisiti di accesso al regime dei minimi. Lo schema del decreto stabilità prevede un volume di ricavi/compensi variabile in base all'attività svolta; l'accesso al regime in modo "naturale" si verifica quando il valore dei beni strumentali a fine esercizio precedente, al lordo degli ammortamenti, non supera i 20 mila euro; possono accedere al regime anche coloro che hanno sostenuto spese per il personale ma limitato a 5 mila euro annue; le cessioni alle esportazioni non sono più un ostacolo, come le operazioni assimilate.

Giovedý, 23 Ottobre 2014

Bolletta elettrica pi¨ leggera

Il Ministero dello Sviluppo economico ha firmato tre decreti attuativi volti alla riduzione dei costi della bolletta elettrica, in particolare per le PMI. E' un primo passo di un intervento di più ampio respiro, che comprende misure per rendere più efficiente il mercato elettrico e ridurre il peso di alcuni altri oneri gravanti sulla bolletta dell’energia.

Giovedý, 23 Ottobre 2014

Contributi previdenziali leggeri limitati

Il nuovo regime fiscale agevolato previsto dal Ddl di Stabilità consentirà di determinare i contributi previdenziali di artigiani e commercianti in base al reddito, nulla cambia per gli autonomi iscritti alle casse private legate agli ordini professionali. La novità assoluta riguarda, quindi, gli esercenti attività d'impresa e gli artigiani per cui non applicandosi il livello minimo imponibile, non sono più tenuti nemmeno al versamento dei contributi minimi il cui pagamento scade il 16 di ogni trimestre. I contribuenti che aderiscono al regime agevolato verseranno solo il versamento a saldo e in acconto dei contributi maturati sul reddito dichiarato, da effettuare entro gli stessi termini previsti per il versamento delle somme dovute in base alla dichiarazione dei redditi.

Giovedý, 23 Ottobre 2014

Accertamento: ravvedimento "fai da te"

Sarà direttamente il contribuente a calcolarsi gli importi dovuti dopo l'invio del verbale di constatazione. La sostituzione dell'adesione ai processi verbali di constatazione obbligherà il contribuente a un calcolo in autonomia delle maggiori imposte derivanti dalle violazioni, senza che sia l'Ufficio a determinarne l'importo. Così prevede il Ddl stabilità, che estenderà il termine entro cui il contribuente potrà regolarizzare la propria posizione beneficiando di sanzioni particolarmente ridotte. Le modifiche puntano a eliminare alcuni istituti deflattivi a partire dal 2016. Fino al 31 dicembre 2015 resteranno in vigore le regole attuali.

Giovedý, 23 Ottobre 2014

Genova e zone alluvionate: sospeso il pagamento dei tributi

Un decreto ministeriale ha disposto la sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari nelle zone colpite dall’alluvione verificatasi tra il 10 e il 14 ottobre 2014, che ha interessato la Liguria e altre aree del Nord Italia. La sospensione, che si applica dal 10 ottobre al 20 dicembre 2014, riguarda tutti i soggetti, anche in qualità di sostituti di imposta, che avevano la residenza o la sede legale o operativa nei territori colpiti dal maltempo. Sono prorogati anche i versamenti derivanti dalle cartelle notificate dagli agenti della riscossione o da accertamenti esecutivi, mentre le ritenute devono continuare a essere operate e versate.

Mercoledý, 22 Ottobre 2014

Incrocio dati per la lotta all'evasione

In materia di lotta all'evasione, l’Amministrazione Finanziaria sta pensando a nuovi "modi" per accertare i maggior redditi. Si tratta, riscontrate incogruenze tra volumi di acquisto e vendita e dati ottenuti con lo spesometro, di invitare il contribuente ad autoregolarsi. L’accertamento non sarebbe automatico, perché si vuole permettere al contribuente di farsi "un esame di coscienza" e rimediare versando le omesse insufficienti imposte. L’obiettivo del Fisco è la lotta all'evasione per 15 miliardi di euro per il 2015.

Mercoledý, 22 Ottobre 2014

IMU: scaduto ieri il termine per le delibere

Si torna a parlare di IMU. E' scaduto ieri sera il termine entro il quale i Comuni dovevano inviare al dipartimento Finanze le delibere con le nuove aliquote, altrimenti anche il saldo di dicembre sarà basato sui parametri utilizzati lo scorso anno, come già avvenuto per l'acconto. L'invio della delibera è obbligatorio solo per i Comuni che hanno voluto effettuare ritocchi rispetto al 2013.

Mercoledý, 22 Ottobre 2014
|< < > >|     Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 
Email            Password