Notizie Fiscali

  • Ricerca

In GU il decreto sull’Iva di gruppo

E’ in GU Gazzetta n. 46 del 24 febbraio 2017 il Decreto del Ministero delle Finanze del 13 febbraio scorso, con il quale sono entrate in vigore le novità in tema di IVA di gruppo introdotte dalla Legge di Bilancio per il 2017. Il Decreto stabilisce che per esercitare l’opzione l’ente o la società controllante dovrà comunicare all’Agenzia delle Entrate l’esercizio congiunto dell’opzione con la dichiarazione IVA annuale presentata dall’anno sola a decorrere dal quale si intende attivare la procedura. Senza una revoca, l’opzione si intenderà prorogata automaticamente di anno in anno.

martedì 28 febbraio 2017

Misure di sostegno al reddito: confermati gli assegni a famiglie numerose e maternità

Sono confermati per il 2017 gli assegni per il nucleo familiare numeroso e la maternità. Le due prestazioni assistenziali restano immutate in quanto a misura e presupposti. Così stabilisce il comunicato della Presidenza del Consiglio dei Ministri, pubblicato sulla GU n.47 del 25 febbraio 2017. L’assegno mensile per il nucleo familiare, da corrispondere agli aventi diritto per l’anno 2017, se spettante nella misura intera, è pari a euro 141,30; per le domande relative al medesimo anno, il valore dell’indicatore della situazione economica equivalente è pari a euro 8.555,99; l’assegno mensile di maternità, da corrispondere agli aventi diritto per l’anno 2017, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento, se spettante nella misura intera, è pari a euro 338,89; per le domande relative al medesimo anno, il valore dell’indicatore della situazione economica equivalente è pari a euro 16.954,95.

martedì 28 febbraio 2017

Canone Tv: nuovo modello per la dichiarazione sostitutiva

E’ stato approvato un nuovo modello per comunicare all’Agenzia delle Entrate da quale data il canone Tv non deve essere più addebitato sulla propria bolletta perché pagato da altro componente della stessa famiglia anagrafica, in relazione all’utenza elettrica a quest’ultimo intestata. L’approvazione, insieme a istruzioni e specifiche tecniche, è arrivata con provvedimento del 24 febbraio 2017, che modifica il precedente del 24 marzo 2016.

martedì 28 febbraio 2017

Dichiarazione Iva: oggi la scadenza

Dichiarazione Iva in scadenza. Sono interessati tutti i titolari di partita Iva che esercitano attività d’impresa, artistiche o professionali. Quest’anno la presentazione, come più volte detto, scade oggi 28 febbraio, mentre dal 2018 entreranno in vigore i nuovi termini e la dichiarazione annuale andrà trasmessa tra il 1° febbraio e il 30 aprile.

martedì 28 febbraio 2017

Impresa familiare solo con atto pubblico o scrittura autenticata

La sentenza della Corte di cassazione n. 2472 del 10 febbraio 2017 attesta che c’è impresa familaire solo in presenza di
atto pubblico o scrittura autenticata. Il documento deve contenere l’indicazione nominativa dei partecipanti all’attività, avere data anteriore all’inizio del periodo d’imposta, essere sottoscritto dal titolare e dai congiunti. In assenza non è ravvisabile un’impresa familiare, con la conseguenza che i proventi imputati ai parenti collaboratori, non potendosi ritenere questi contitolari dell’impresa familiare, non sono assimilabili a reddito d’impresa, ma a redditi di puro lavoro.

lunedì 27 febbraio 2017

Dichiarazioni: l’integrativa libera i crediti a cascata

L’integrativa a favore utilizzabile anche oltre l’anno ha allungato dei termini per porre rimedio a errori e omissioni che hanno determinato il versamento di maggiori imposte o l’emersione di minori crediti. Termini che ora arrivano addirittura fino al momento dell’accertamento e del contenzioso. Le modifiche ai commi 8 e 8-bis dell’articolo 2, del Dpr 322/1998 sono entrate in vigore dal 24 ottobre 2016; da questa data è possibile trasmettere integrative a favore anche oltre il termine della presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo, al fine di far emergere dei crediti d’imposta. La facoltà non riguarda soltanto il periodo d’imposta 2016, ma anche quelli precedenti, entro il termine per l’accertamento.

lunedì 27 febbraio 2017

Contabilità: sterilizzati il ripristino e l’eliminazione di costi già imputati a conto economico

Secondo quanto previsto dalla norma transitoria di coordinamento fiscale con il Dl n. 139/2015, contenuta nel Milleproroghe, che sterilizza le rettifiche dell’attivo patrimoniale derivanti dalla prima adozione dei nuovi Oic, il ripristino e l’eliminazione, nell’attivo patrimoniale, rispettivamente, di costi già imputati a conto economico di precedenti esercizi e di costi iscritti e non più capitalizzabili non rilevano ai fini della determinazione del reddito né del valore fiscalmente riconosciuto.

lunedì 27 febbraio 2017

Antiriciclaggio: nuove sanzioni e un Registro per i trust

Novità in tema di antiriciclaggio: sono previste nuove sanzioni e nuovi Registri. Un nuovo provvedimento istituisce il Registro dei titolari effettivi di persone giuridiche e trust e il Registro centrale dei trust produttivi di effetti fiscali, in cui saranno custodite le informazioni sulla titolarità effettiva del trust e razionalizza il complesso degli adempimenti posti a carico degli attori del sistema. Viene rivisto il sistema sanzionatorio basandolo su “misure effettive, proporzionate e dissuasive da applicare alle persone fisiche e alle persone giuridiche direttamente responsabili della violazione delle disposizioni dettate in funzione di prevenzione del riciclaggio e di finanziamento del terrorismo”.

lunedì 27 febbraio 2017

Bonus investimenti nel Sud Italia: modificato il credito d’imposta

Con la conversione del Dl n. 243/2016 (Interventi urgenti per la coesione sociale e territoriale) viene modificata la disciplina del credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nel Mezzogiorno. Queste le novità: estensione ambito soggettivo con l’inclusione della Sardegna; aumento della misura del credito d’imposta, che sarà attribuito nella misura massima consentita dalla Carta degli aiuti a finalità regionale 2014-2020, ovvero 25% per le grandi imprese situate in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna e 10% per le grandi imprese situate in determinati comuni delle regioni Abruzzo e Molise; il credito d’imposta è commisurato alla quota del costo complessivo dei beni acquistati, nel limite massimo, per ciascun progetto d’investimento di: 3 milioni di euro per le piccole imprese; 10 milioni di euro per le medie imprese e 15 milioni di euro per le grandi imprese. Inoltre, viene soppresso il divieto di cumulo del credito d’imposta con gli aiuti de minimis e con altri aiuti di Stato che abbiano a oggetto i medesimi costi ammessi al beneficio; viene soppressa la rideterminazione del credito.

lunedì 27 febbraio 2017

Precompilata: appello finale domani 28

Domani scade il termine per la trasmissione all’Anagrafe tributaria delle informazioni necessarie all’Agenzia delle Entrate per “preconfezionare” i modelli 730 e Redditi Pf 2017. I soggetti tenuti a inviare i dati relativi al 2016, utili all’elaborazione delle dichiarazioni, dovranno provvedervi in via esclusivamente telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati. Tranne le imprese assicuratrici che trasmettono tramite il Sistema di interscambio dati (Sid), tutte le altre comunicazioni vanno eseguite avvalendosi dei servizi Entratel o Fisconline e utilizzando i software di controllo e di predisposizione dei file fruibili gratuitamente dal sito dell’Agenzia.

lunedì 27 febbraio 2017

Regime forfettario: obblighi informativi nel Modello Redditi 2017

I contribuenti che nel’anno 2016 hanno operato nel regime forfettario, devono darne informazione in dichiarazione dei

redditi 2017. Il regime forfettario è stato introdotto nel nostro ordinamento, a decorrere dal 1° gennaio 2015, con la

legge n. 190/2014, ed è stato oggetto di modifiche con la Legge n. 208/2015. Nel modello Redditi 2017 è presente un

prospetto: “REGIME FORFETARIO PER GLI ESERCENTI ATTIVITÀ D’IMPRESA, ARTI E PROFESSIONI –

OBBLIGHI INFORMATIVI”. Tra gli obblighi è prevista: l’indicazione del codice fiscale del percettore dei redditi per i

quali all’atto del pagamento non è stata operata la ritenuta (perchè i forfettari non rivestono la figura di sostituti

d’imposta) e l’ammontare dei redditi stessi;  l’indicazione, cumulativamente, delle informazioni afferenti le attività di

impresa esercitate e per gli esercenti attività di lavoro autonomo, cumulativamente, le informazioni afferenti le attività di

lavoro autonomo esercitate.

venerdì 24 febbraio 2017

Bonus investimenti al Sud senza cumulo

Con l’approvazione definitiva del disegno di legge di conversione del decreto legge per il Mezzogiorno (Dl 243/2016), cade definitivamente il vincolo sulla cumulabilità del bonus investimenti con altre forme di incentivo, a valere sui medesimi beni agevolati. Si tratta di una previsione ad ampio raggio che comprende il cumulo anche con agevolazioni riconosciute a titolo de minimis. La norma originaria stabiliva espressamente che il bonus non poteva essere in nessun caso cumulato con altri aiuti di Stato, anche se rientranti nel regime de minimis, segnatamente ai medesimi costi ammissibili. Nello specifico, il credito d’imposta matura in capo alle imprese richiedenti in funzione della loro dimensione, nel rispetto dei limiti e delle condizioni previste dalla Carta degli aiuti a finalità regionale.

venerdì 24 febbraio 2017

Start up e PMI innovative: i chiarimenti del MISE su verifiche e controlli

Il legislatore ha disposto controlli su Start Up e PMI, demandando gli uffici delle Camere di Commercio alle verifiche sull’esistenza e la permanenza dei requisiti per essere e restare iscritte nella sezione speciale del Registro Imprese dedicata alle Start Up e PMI Innovative. A tal proposito, il MISE ha recentemente emanato una circolare, la n.3696/C del 14 febbraio 2017, con chiarimenti operativi. Per essere automaticamente iscritta nella sezione speciale del Registro Imprese, la Start Up innovativa deve dimostrare di possedere i requisiti previsti dal comma 2 e dal comma 12 dell’art.25, D.L. n.179/2012 nella domanda telematica debitamente compilata e presentata per l’iscrizione. La circolare chiarisce il concetto di collaboratore qualificato a qualsiasi titolo, menzionato dall’art. 25, che la Start Up deve dimostrare di possedere, precisando che devono intendersi dipendenti, coloro che sono impiegati nella Start Up sia con un contratto di lavoro subordinato, che a titolo di parasubordinazione o comunque “a qualunque titolo”, rientrando in tale ultimo concetto la figura del socio amministratore. L’Ufficio è chiamato, nei limiti e secondo i principi stabiliti dall’art.71, DPR n.445/2000, a riscontrare l’autenticità delle dichiarazioni rese dall’impresa.

venerdì 24 febbraio 2017

IVA: opzioni in dichiarazione

Ultimi giorni per la compilazione della dichiarazione annuale Iva per l’anno 2016 e quindi anche per affrontare i quadri particolari. Nel quadro VO incontriamo alcune novità che riguardano il settore delle persone fisiche esercenti attività di impresa e professionali che nel 2016 hanno applicato il regime forfettario (legge 190/2014, articolo 1, commi da 54 a 89). Nel rigo VO 33 è stata introdotta la nuova casella 2 “revoca” per comunicare l’abbandono del regime contabile ordinario (ma si intende anche quello di contabilità semplificata) che il contribuente forfettario aveva scelto dal 2015. La spiegazione di tale revoca la troviamo nella circolare dell’agenzia delle Entrate n. 10 del 4 aprile 2016, paragrafo 3, che richiama il Dpr 442/1997 il quale consente la variazione dell’opzione e della revoca nel caso di modifica del relativo sistema fiscale in conseguenza di nuove disposizioni normative.

venerdì 24 febbraio 2017

Rottamazione cartelle: equitalia può avvisare entro il 28 febbraio

Ai fini dell’adesione alla definizione agevolata (rottamazione cartelle), Equitalia deve, entro il 28 febbraio, avvisare il

debitore dei carichi affidati nell’anno 2016 per i quali, alla data del 31 dicembre 2016, gli risulta non ancora notificata la

cartella di pagamento. L’informativa è connessa agli accertamenti esecutivi o gli avvisi di addebito Inps. La ricezione

della comunicazione non determina l’infondatezza o l’esclusione di cause di prescrizione o decadenza relative ad

iscrizioni a ruolo ormai datate. La comunicazione permette al contribuente di valutare la convenienza e la legittimità delle

somme indicate.

venerdì 24 febbraio 2017

Imposta di registro al 3% sul decreto ingiuntivo

L’Agenzia delle Entrate ha diramato una risoluzione (n. 22/E) con chiarimenti per la corretta tassazione del decreto

ingiuntivo di rivalsa. l’imposta di registro è al 3% e senza principio di alternatività Iva/registro sul decreto ingiuntivo

ottenuto dal fideiussore escusso nei confronti del debitore principale nell’ambito dell’azione di regresso.

venerdì 24 febbraio 2017

Il milleproroghe

Si elencano i punti significativi del decreto milleproroghe approvato in modo definitivo. E’ prolungato il periodo di applicazione delle esenzioni in materia di imposte sui redditi, Irap e Imu, previste a favore delle imprese, in possesso dei requisiti previsti dalla legge, localizzate all’interno della zona franca urbana dell’Emilia: le agevolazioni si applicano ai periodi d’imposta dal 2015 al 2019. La zona franca (istituita dall’articolo 12, Dl 78/2015) interessa l’intero territorio colpito dall’alluvione del 17 gennaio 2014 e i comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012. Il credito d’imposta per la modernizzazione del sistema di distribuzione e vendita dei prodotti editoriali è utilizzabile per gli interventi di adeguamento tecnologico sostenuti sino al 31 dicembre 2017.

giovedì 23 febbraio 2017

Milleproroghe: ok definitivo

Si elencano i punti significativi del decreto milleproroghe approvato in modo definitivo. E’ prorogata fino al 31 dicembre 2017 la detrazione ai fini Irpef del 50% dell’Iva pagata per l’acquisto di unità immobiliari a destinazione residenziale, di classe energetica A o B, cedute dalle imprese costruttrici. Estesa al 31 dicembre 2017 la possibilità di non computare, ai fini della determinazione del reddito di lavoro dipendente, i sussidi occasionali, le erogazioni liberali o i benefici di qualsiasi genere, concessi da parte sia dei datori di lavoro privati a favore dei lavoratori residenti nei comuni colpiti dagli eventi sismici del 2016, sia da parte dei datori di lavoro privati operanti negli stessi territori, a favore dei propri lavoratori, anche non residenti nei predetti comuni. Prorogata al 31 dicembre 2017 l’esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo per le istanze presentate alla pubblica amministrazione dalle persone fisiche, residenti o domiciliate, e dalle persone giuridiche, che hanno la sede legale od operativa, nei comuni colpiti dal terremoto del 2016. Esenzione Imu fino al 31 dicembre 2017 a favore dei fabbricati situati nelle zone colpite dal terremoto del 2012.

giovedì 23 febbraio 2017

Milleproroghe: ok definitivo

Si elencano i punti significativi del decreto milleproroghe approvato in modo definitivo. Locazioni a canone concordato: abrogata la norma che subordina la facoltà del proprietario di usufruire dell’ulteriore riduzione del 30% del reddito imponibile, derivante dai contratti di locazione stipulati (o rinnovati) a canone concordato, all’indicazione nella dichiarazione dei redditi degli estremi di registrazione del contratto di locazione, nonché di quelli della denuncia dell’immobile ai fini Ici e Imu. L’abrogazione ha effetto dal 1° gennaio 2017. E’ prorogato al 30 aprile 2017 il termine entro cui i lavoratori dipendenti trasferiti in Italia possono esercitare l’opzione per il regime fiscale di favore loro applicabile, scegliendo tra quello disciplinato dalla legge 238/2010 e quello previsto dall’articolo 16 del Dl 147/2015. Prorogato dal 31 gennaio al 28 febbraio dell’anno successivo a quello di sostenimento, del termine previsto per l’invio a STS, da parte dei veterinari iscritti agli Albi professionali, dei dati relativi alle spese veterinarie sostenute da persone fisiche a partire dal 1° gennaio 2016, in relazione ad animali da compagnia o destinati alla pratica sportiva.

giovedì 23 febbraio 2017

Passa il Milleproroghe

Ok al milleproroghe. Il legislatore è intervenuto su diversi ambiti, sia attraverso la proroga di termini di scadenza sia estendendo l’ambito di applicazione di talune discipline agevolative, ed anche alcune significative abrogazioni. Si elencano i passaggi significativi: nuovi termini per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute; posticipato al 1° novembre 2017 l’avvio dell’applicazione sperimentale della lotteria nazionale sugli scontrini fiscali prevista dalla legge di bilancio 2017; viene ripristinato fino al 31 dicembre 2017 l’obbligo di comunicazione dei dati relativi agli acquisti intracomunitari di beni e alle prestazioni di servizi ricevute da soggetti stabiliti in altro Stato membro dell’Unione europea (Intra-2); abrogate le disposizioni che disciplinano la comunicazione dei beni d’impresa concessi in godimento ai soci o familiari e i connessi controlli dell’Agenzia delle Entrate.

giovedì 23 febbraio 2017

Dichiarazioni: il ravvedimento dei mancati versamenti trimestrali Iva

Nella dichiarazione Iva, in scadenza il prossimo 28 febbraio 2017, sarà possibile effettuare il ravvedimento operoso per gli omessi versamenti periodici che dovevano essere versati nel 2016. In caso di mancato pagamento entro questa data, questi importi non potranno essere inseriti tra quelli pagati del rigo VL29 del modello Iva 2017, con la conseguenza che aumenteranno il saldo Iva per l’anno 2016, sul quale si potrà comunque effettuare il ravvedimento operoso anche dopo l’invio del modello Iva annuale. L’aumento del saldo Iva 2016 avrà delle conseguenze importanti per i contribuenti trimestrali che dovranno determinare l’acconto Iva 2017: l’88% sarà calcolato, non sull’Iva dovuta per l’ultimo trimestre 2016, ma sul versamento effettuato o che avrebbero dovuto effettuare con la dichiarazione annuale Iva 2017, relativa al 2016.

giovedì 23 febbraio 2017

Unioncamere: online il manuale operativo per deposito bilanci

Il 15 febbraio 2017 è stato pubblicato sul sito di Unioncamere il documento “Manuale operativo per il deposito bilanci al registro delle imprese – Campagna bilanci 2017”, che descrive le modalità di compilazione della modulistica elettronica e di deposito telematico dei Bilanci e degli Elenchi Soci nel 2017.

giovedì 23 febbraio 2017

Intra-2: le direttive

Con comunicato stampa del 17 febbraio 2017 l’Agenzia delle Entrate ha comunicato che sono posticipati di un anno gli effetti della soppressione delle comunicazioni relative agli acquisti intracomunitari di beni ed alle prestazioni di servizi ricevute da soggetti stabiliti in altro Stato membro dell’Unione europea (Modelli Intra-2). In attesa della definizione del quadro giuridico e considerato che, in base al Regolamento Ce 638/2004 del 31.3.2004, concernente le statistiche relative agli scambi di beni tra Stati membri dell’Unione europea, l’Istat deve comunque raccogliere, a fini statistici, le informazioni relative agli acquisti intracomunitari di beni per il mese di gennaio 2017, si comunica che l’obbligo di trasmissione di tali comunicazioni permane solo a carico dei soggetti passivi Iva già tenuti alla presentazione mensile dei Modelli Intra-2 per gli acquisti di beni ovvero che rientrino in tale periodicità in base all’ammontare delle operazioni intracomunitarie di acquisto di beni per un valore superiore a Euro 50.000 nel IV trimestre 2016 ovvero a gennaio 2017. Pertanto, tali soggetti sono tenuti ad effettuare, con le consuete modalità, la comunicazione mensile dei Modelli Intra-2 compilando integralmente tali modelli ed a procedere al loro invio utilizzando i consueti canali telematici, al fine di rispettare gli obblighi statistici definiti a livello europeo.

giovedì 23 febbraio 2017

Nuova Sabatini: istanze dal 1° marzo

Dal 1° marzo si potranno essere presentate le domande di agevolazione alla Nuova Sabatini. Il contributo concordato è maggiorato del 30%, calcolato su un tasso di interesse annuo del 3,575%, a fronte di investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (Industria 4.0). Le istruzioni per la compilazione sono contenute nella Circolare MISE del 15 febbraio scorso.

mercoledì 22 febbraio 2017

CAF: sospensione servizio ISEE

La Consulta nazionale dei CAF sta valutando di sospendere il servizio ISEE a partire dai primi di marzo. La motivazione sta nel fatto che l’Inps non da risposte riguardo alcune problematiche sorte. Manca un rapporto di convenzione con l’Inps che sta creando incertezze economiche e finanziare ai CAF.

mercoledì 22 febbraio 2017