Notizie Fiscali

  • Ricerca

Comunicazione dati Iva flessibile

Nessun obbligo di comunicazione per le liquidazioni Iva a zero ad eccezione dei casi in cui sia necessario
riportare un credito precedente. È questa la posizione che sta maturando in Amministrazione, anche se non è stata ancora ufficializzata in un documento di prassi. Una posizione che servirebbe a sciogliere il dubbio sollevato da più professionisti e imprese a causa dell’assenza di indicazioni al riguardo nelle istruzioni alla compilazione del modello.
In assenza di operazioni attive e passive effettuate nel trimestre di riferimento, non sussiste pertanto alcun
obbligo di invio della comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva, fatta salva l’ipotesi in cui occorra dare
evidenza del riporto di un credito proveniente dall’anno e/o periodo precedente.

venerdì 26 maggio 2017

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing in salita

Mercato immobiliare di negozi, uffici e capannoni industriali in ascesa. Le compravendite, nel 2016, crescono in media, del 16,1% e i rispettivi prezzi diminuiscono considerevolmente. Rispetto al 2015, le quotazioni dei tre segmenti risultano in calo. Questo è il quadro di sintesi che emerge dal “Rapporto Immobiliare Non Residenziale” pubblicato oggi dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con l’Associazione Italiana di Leasing (Assilea).

venerdì 26 maggio 2017

Commercialisti: App per la formazione

Con un’App i commercialisti potranno ricevere comunicazioni dall’Ordine relative ai corsi. La novità permetterà di ricevere su telefonini e pc comunicazioni relative ai corsi di informazioni dall’Ordine, prenotarsi, o cancellarsi ad un evento, ma anche di seguire le iniziative in modalità e-learnig.

venerdì 26 maggio 2017

Dichiarazioni: le “estromissioni” vanno indicate

Le estromissioni di immobili dall’attività avvenute nel 2016 vanno indicate in dichiarazione compilando il quadro RQ del modello Redditi 2017. L’eventuale dimenticanza, non sanata neppure con una dichiarazione integrativa entro fine anno, compromette l’efficacia fiscale dell’operazione di “privatizzazione” del cespite immobiliare.

venerdì 26 maggio 2017

Antiriciclaggio: studi esonerati

Niente più obbligo di segnalare le operazioni sospette nella fase di consulenza al cliente, così si semplifica l’antiriciclaggio per i professionisti. L’esonero compete nella fase iniziale delle consulenze. Il testo finale del decreto di recepimento della quarta direttiva antiriciclaggio approvato in Consiglio dei ministri “raccoglie” gran parte delle condizioni poste nei pareri delle commissioni di Camera e Senato, con l’esclusione di quelle che il Governo ha ritenuto fuori dal perimetro delineato dai principi comunitari e che avrebbero esposto il Dlgs a un eccesso di delega.

venerdì 26 maggio 2017

Cassazione: false fatture contestabili anche con presunzioni

La Cassazione si pronuncia con ordinanza in un caso in cui l’Amministrazione finanziaria propone ricorso contro la decisione della CTR che aveva annullato il provvedimento dell’Amministrazione per mancanza di prova certa, ovvero perché il fisco aveva basato le sue contestazioni, relative al reato di emissione di fatture per operazioni soggettivamente inesistenti solo su presunzioni, ritenendo non censurabile l’operato della contribuente. Secondo i giudici d’appello, l’Amministrazione avrebbe basato il suo giudizio, in relazione al quale una società cui la contribuente avrebbe emesso fatture per acquisti di merce era risultata inesistente per aver cessato la sua attività, su fatti e indagini svolte in merito alla stessa da un’autorità straniera, in relazione ad un diverso processo, senza verificare nel concreto, l’esistenza o meno della società destinataria delle fatture, per questo l’accertamento doveva ritenersi invalido. La Corte (Ordinanza n. 12649/2017) dice che, qualora l’Amministrazione contesti al contribuente l’indebita detrazione di fatture ai fini IVA ed IRPEG, in quanto relative ad operazioni inesistenti, spetta all’Ufficio fornire la prova che l’operazione oggetto della fattura non è mai stata posta in essere, ovvero non è stata posta in essere tra i soggetti indicati nella fattura, indicando gli elementi anche indiziari sui quali si fonda la contestazione anche in merito alla conoscenza ovvero alla conoscibilità della fittizietà delle operazioni da parte del cessionario/committente che richiede la detrazione, mentre è onere del contribuente dimostrare la fonte legittima della detrazione o del costo altrimenti indeducibili e la sua mancanza di consapevolezza di
partecipare ad un’operazione fraudolenta, non essendo sufficiente, a tal fine, la regolarità formale delle scritture o le evidenze contabili dei pagamenti, in quanto si tratta di dati e circostanze facilmente falsificabili.

venerdì 26 maggio 2017

Cig in deroga 2017: chiarimenti Inps

L’Inps fornisce ulteriori chiarimenti in merito alla possibilità di concessione della Cassa integrazione in deroga nel 2017 ai sensi dell’art. 44, comma 6-bis del Dl n. 148/2015, in continuità con l’intervento di strumenti di sostegno al reddito garantiti dal sistema della bilateralità. Lo fa con il messaggio dell’11 maggio 2017, n. 1957, facendo seguito al precedente messaggio del 21 aprile 2017, n. 1713.  Ecco un tratto del messaggio: “nello specifico è stato precisato che le prestazioni di integrazione al reddito in costanza di rapporto di lavoro (assegno ordinario/assegno di solidarietà) garantite dal Fondo di Integrazione Salariale (F.I.S.) e dai Fondi di Solidarietà Bilaterale Alternativi, così come quelle garantite da tutti i Fondi di solidarietà di cui agli artt. 26 e ss. del d.lgs. 148/2016, sono da annoverare tra gli ammortizzatori sociali e, conseguentemente, le Regioni e le Province autonome possono decretare Cassa integrazione in deroga per l’annualità 2017 in continuità con le prestazioni erogate dai sopradetti Fondi”.

giovedì 25 maggio 2017

Jobs Act autonomi e smart working: la normativa

Approvato il Jobs act autonomi che si caratterizza sia per l’estensione dei diritti e delle tutele a coloro che si collocano al di fuori del lavoro subordinato sia per l’introduzione della disciplina dello smart working. La prima parte mira ad ampliare le tutele esistenti per quella vasta platea di persone che oggi lavorano fuori dal perimetro del lavoro subordinato o parasubordinato; si tratta di quello che viene definito come “popolo delle partite IVA”, e che spesso viene dimenticato quando si parla dei problemi del mercato del lavoro. La seconda parte si preoccupa di regolamentare il lavoro agile, noto come “Smart Working”, quella modalità di esecuzione della prestazione lavorativa che si svolge in parte all’interno e in parti al di fuori dell’azienda.

giovedì 25 maggio 2017

Irap e Reddit: online i software

Pubblicati online i software di compilazione e di controllo di Irap 2017 e di compilazione di Redditi Sc e di Redditi Enc 2017. Per questi ultimi due, il programma di controllo è stato incluso nel software di controllo dei modelli Redditi 2017, che era già stato rilasciato per Redditi Pf e Redditi Sp.

giovedì 25 maggio 2017

Comunicazioni Iva a doppia firma

La comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva deve essere trasmessa apponendo una firma digitale o, in
alternativa una firma elettronica basata sui certificati rilasciati dall’agenzia delle Entrate. Solo così è
possibile identificare l’autenticità dei soggetti e verificare l’integrità dei documenti sui quali la firma è apposta.
Il nuovo termine di trasmissione è lunedì 12 giugno. Si ricorda che l’obbligo riguarda sia le liquidazioni dalle quali emerge un debito che quelle da cui emerge un credito; sono, invece, esonerati dalla trasmissione unicamente i soggetti che non sono tenuti all’invio della dichiarazione annuale Iva o ad effettuare le liquidazioni periodiche.

giovedì 25 maggio 2017

Lavoro: telematizzazione del certificato di gravidanza

L’INPS con Circolare n.82 del 4 maggio 2017 fornisce istruzioni ai medici per la trasmissione telematica dei certificati di gravidanza e di interruzione di gravidanza, da attuarsi tramite l’utilizzo dei servizi INPS. I certificati di gravidanza e di interruzione di gravidanza possono essere trasmessi telematicamente nella sezione “Medici certificatori”, direttamente dal medico del Servizio Sanitario Nazionale o con esso convenzionato. E’ previsto un periodo transitorio di 3 mesi dalla data di pubblicazione della presente circolare, durante il quale è possibile procedere al rilascio del certificato di gravidanza o di interruzione di gravidanza in forma cartacea. La trasmissione del certifcato di gravidanza o di
interruzione di gravidanza telematico comporta che la donna non sia più tenuta a fornire all’Istituto il certificato in forma cartacea. I certificati trasmessi telematicamente possono essere trattati dall’Istituto ai fini dell’accertamento del diritto a prestazioni economiche.

giovedì 25 maggio 2017

Manovra correttiva: split payment e diritto alla detrazione Iva

Il Governo ha varato la manovra correttiva dei conti pubblici. Il decreto è stato pubblicato sulla GU del 24 maggio 2017 n. 95. Numerose le disposizioni di natura fiscale; tra le più importanti ricordiamo, in particolare per l’Iva, le seguenti: Split payment mediante la modifica dell’art. 17-ter, D.P.R. 633/1972 (art. 1, D.L. 50/2017 “Disposizioni per il contrasto all’evasione fiscale”); detrazione Iva tramite la modifica degli artt. 19, co. 1 e 25, co. 1, D.P.R. 633/1972 (art. 2, D.L. 50/2017 “Modifiche all’esercizio del diritto alla detrazione dell’Iva”).

giovedì 25 maggio 2017

Capitale umano: incetivi per l’attrazione

Pubblicata ieri una Circolare che illustra i regimi agevolativi che premiano i lavoratori che fanno rientro in Italia. Si tratta di lavoratori dipendenti o autonomi, manager, lavoratori ad alta specializzazione e laureati; high net worth individual, neo residenti ad alta capacità contributiva; docenti e ricercatori; lavoratori “contro-esodati”. La Circolare illustra le caratteristiche e i meccanismi degli incentivi attualmente in vigore per “attrarre capitale umano” alla luce delle modifiche apportate in ultimo dalla Legge di Bilancio 2017.

mercoledì 24 maggio 2017

Definite le modalità per l’accesso al regime premiale 2016

E’ stato pubblicato un Provvedimento delle Entrate (24 maggio 2017) che individua gli studi di settore per l’accesso al regime premiale. Nell’Allegato n. 1 a questo Provvedimento – scrivono le Entrate – sono individuati gli studi di settore con le caratteristiche in precedenza richiamate, distinguendo gli studi di settore per i quali risultano approvati indicatori di coerenza economica riferibili ad almeno quattro tipologie, da quelli per i quali risultano approvati indicatori di coerenza economica riferibili a tre tipologie e che contemporaneamente prevedono l’indicatore “Indice di copertura del costo per il godimento di beni di terzi e degli ammortamenti”.

mercoledì 24 maggio 2017

Studi di settore: nel cassetto fiscale i nuovi dati condivisi

Nel cassetto fiscale sono inserite nuove informazioni più significative dichiarate per l’applicazione degli studi di settore. Il prospetto riepilogativo è aggiornato con il quinquennio 2011-2015. La condivisione dei dati permette al contribuente di verificare la propria posizione e spiegare al Fisco eventuali anomali o correggere preventivamente irregolarità commesse.

mercoledì 24 maggio 2017

Fabbricati senza più ruralità: il fisco avvisa

Ultima chance per regolarizzare con un piccola sanzione la classificazione catastale di quei fabbricati che hanno perso i requisiti della ruralità. L’Agenzia delle Entrate invierà, nelle prossime settimane, avvisi bonari ai proprietari delle circa 800mila costruzioni, che risultano ancora da dichiarare al catasto urbano.

mercoledì 24 maggio 2017

IMU: gettito complessivo a quota 15,9 miliardi

Il gettito Imu 2016 vale 15,9 miliardi di euro. È quanto emerge dai dati pubblicati ieri dal dipartimento delle Finanze del Mef, che ha reso per la prima volta disponibile un’analisi a livello territoriale. Circa 1,3 miliardi sono pagati dai contribuenti di Roma, per un importo medio di 2.343 euro, seguiti dai milanesi con 783 milioni e 2.383 euro. Completano il lotto delle prime cinque città – che da sole portano oltre il 18% del gettito complessivo – Torino (332 milioni), Napoli (237) e Genova (223).

mercoledì 24 maggio 2017

Redditi: l’omessa compilazione del quadro RU non fa perdere il bonus

Per le compensazioni relative a redditi e Irap, nonché per quelle scaturenti dal quadro RU, non sarà comunque necessario il preventivo invio della dichiarazione dei redditi. Pertanto, potrà accadere che, nel pieno rispetto della normativa vigente, il contribuente, previa l’apposizione del visto di conformità se superiore a 5mila euro, utilizzi in compensazione un credito di imposta pienamente spettante e in misura assolutamente corretta, senza però successivamente riportare, per mera dimenticanza, il predetto credito nel quadro RU della dichiarazione.

mercoledì 24 maggio 2017

APE social: richiesta entro il 15 luglio

Gli aventi requisiti per l’Ape social nel 2017 potranno presentare la domanda entro il 15 luglio di quest’anno; chi li maturerà nel 2018 potrà farlo entro il mese di marzo 2018. L’Inps dovrà rispondere entro il 15 ottobre per le domande presentate entro luglio e entro il 30 giugno del 2018 per le richieste arrivate entro il 31 marzo del prossimo anno.

martedì 23 maggio 2017

Versamento delle imposte sui redditi: le scadenze

Quest’anno sono cambate le scadenze per il versamento delle imposte e contributi da modelli dichiarativi. Il pagamento del saldo e I° acconto va eseguito entro il 30/06 (o successivi 30 giorni con maggiorazione dello 0,40%). Nessuna novità per il II° o unico acconto che resta al 30/11.

martedì 23 maggio 2017

Adempimenti: Imu e Tasi in acconto con le aliquote 2016

Il 16 di giugno è in scadenza il versamento di acconto Imu e Tasi 2017. Per l’acconto 2017, il contribuente può applicare le aliquote in vigore per il 2016, in sede di saldo (dicembre) dovrà necessariamente considerare quelle nuove deliberate per il 2017.

martedì 23 maggio 2017

8, 5 e 2 per mille, 770: i software sono sul web

Dichiarazioni 2017: nuove applicazioni in linea. Si tratta dei software per effettuare le scelte dei destinatari dell’8, 5 e 2 per mille dell’Irpef 2017, e del software per predisporre il 770/2017 ordinario e poi verificare l’operato.

martedì 23 maggio 2017

Beni agevolati da indicare in dichiarazione Redditi

È arrivata la fase finale delle operazioni di assegnazione o cessione dei beni o di trasformazione agevolata eseguite entro il 30 settembre 2016. L’operazione si perfeziona con l’indicazione in dichiarazione dei redditi del valore dei beni assegnati e della relativa imposta sostitutiva, come ha chiarito la circolare 26/E/2016 (paragrafo 5).

martedì 23 maggio 2017

730: le autocertificazioni rafforzano il visto di conformità

Controllo dei documenti di spesa, effettuazione delle relative annotazioni quando necessarie e richiesta delle dichiarazioni sostitutive per i dati che il contribuente può autocertificare. Quest’anno gli operatori possono contare su un supporto molto utile e completo, costituito dalla circolare 7/E del 4 aprile 2017, che elenca  i requisiti essenziali e la documentazione necessaria a fronte delle varie tipologie di spesa agevolate dal legislatore. Un “manuale di sopravvivenza” per il soggetto certificatore, scaturito dalla collaborazione tra le Entrate e la Consulta nazionale dei Caf, a cui può affidarsi anche il contribuente alle prese con la precompilata fai-da-te per ridurre al minimo gli errori di compilazione.

martedì 23 maggio 2017

Beni strumentali 4.0: nuove FAQ

In materia di beni strumentali il Ministero dello Sviluppo Economico risponde, con nuove FAQ, su iper e super ammortamenti. Le caratteristiche indicate nell’allegato A relativamente ai “beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori o azionamenti”, rappresentano le caratteristiche minime per poter considerare il macchinario 4.0. Tutto ciò che è equivalente, o anche superiore tecnologicamente, è iper ammortizzabile.

lunedì 22 maggio 2017