Notizie Fiscali

  • Ricerca

Capitale umano: incetivi per l’attrazione

Pubblicata ieri una Circolare che illustra i regimi agevolativi che premiano i lavoratori che fanno rientro in Italia. Si tratta di lavoratori dipendenti o autonomi, manager, lavoratori ad alta specializzazione e laureati; high net worth individual, neo residenti ad alta capacità contributiva; docenti e ricercatori; lavoratori “contro-esodati”. La Circolare illustra le caratteristiche e i meccanismi degli incentivi attualmente in vigore per “attrarre capitale umano” alla luce delle modifiche apportate in ultimo dalla Legge di Bilancio 2017.

mercoledì 24 maggio 2017

Definite le modalità per l’accesso al regime premiale 2016

E’ stato pubblicato un Provvedimento delle Entrate (24 maggio 2017) che individua gli studi di settore per l’accesso al regime premiale. Nell’Allegato n. 1 a questo Provvedimento – scrivono le Entrate – sono individuati gli studi di settore con le caratteristiche in precedenza richiamate, distinguendo gli studi di settore per i quali risultano approvati indicatori di coerenza economica riferibili ad almeno quattro tipologie, da quelli per i quali risultano approvati indicatori di coerenza economica riferibili a tre tipologie e che contemporaneamente prevedono l’indicatore “Indice di copertura del costo per il godimento di beni di terzi e degli ammortamenti”.

mercoledì 24 maggio 2017

Studi di settore: nel cassetto fiscale i nuovi dati condivisi

Nel cassetto fiscale sono inserite nuove informazioni più significative dichiarate per l’applicazione degli studi di settore. Il prospetto riepilogativo è aggiornato con il quinquennio 2011-2015. La condivisione dei dati permette al contribuente di verificare la propria posizione e spiegare al Fisco eventuali anomali o correggere preventivamente irregolarità commesse.

mercoledì 24 maggio 2017

Fabbricati senza più ruralità: il fisco avvisa

Ultima chance per regolarizzare con un piccola sanzione la classificazione catastale di quei fabbricati che hanno perso i requisiti della ruralità. L’Agenzia delle Entrate invierà, nelle prossime settimane, avvisi bonari ai proprietari delle circa 800mila costruzioni, che risultano ancora da dichiarare al catasto urbano.

mercoledì 24 maggio 2017

IMU: gettito complessivo a quota 15,9 miliardi

Il gettito Imu 2016 vale 15,9 miliardi di euro. È quanto emerge dai dati pubblicati ieri dal dipartimento delle Finanze del Mef, che ha reso per la prima volta disponibile un’analisi a livello territoriale. Circa 1,3 miliardi sono pagati dai contribuenti di Roma, per un importo medio di 2.343 euro, seguiti dai milanesi con 783 milioni e 2.383 euro. Completano il lotto delle prime cinque città – che da sole portano oltre il 18% del gettito complessivo – Torino (332 milioni), Napoli (237) e Genova (223).

mercoledì 24 maggio 2017

Redditi: l’omessa compilazione del quadro RU non fa perdere il bonus

Per le compensazioni relative a redditi e Irap, nonché per quelle scaturenti dal quadro RU, non sarà comunque necessario il preventivo invio della dichiarazione dei redditi. Pertanto, potrà accadere che, nel pieno rispetto della normativa vigente, il contribuente, previa l’apposizione del visto di conformità se superiore a 5mila euro, utilizzi in compensazione un credito di imposta pienamente spettante e in misura assolutamente corretta, senza però successivamente riportare, per mera dimenticanza, il predetto credito nel quadro RU della dichiarazione.

mercoledì 24 maggio 2017

APE social: richiesta entro il 15 luglio

Gli aventi requisiti per l’Ape social nel 2017 potranno presentare la domanda entro il 15 luglio di quest’anno; chi li maturerà nel 2018 potrà farlo entro il mese di marzo 2018. L’Inps dovrà rispondere entro il 15 ottobre per le domande presentate entro luglio e entro il 30 giugno del 2018 per le richieste arrivate entro il 31 marzo del prossimo anno.

martedì 23 maggio 2017

Versamento delle imposte sui redditi: le scadenze

Quest’anno sono cambate le scadenze per il versamento delle imposte e contributi da modelli dichiarativi. Il pagamento del saldo e I° acconto va eseguito entro il 30/06 (o successivi 30 giorni con maggiorazione dello 0,40%). Nessuna novità per il II° o unico acconto che resta al 30/11.

martedì 23 maggio 2017

Adempimenti: Imu e Tasi in acconto con le aliquote 2016

Il 16 di giugno è in scadenza il versamento di acconto Imu e Tasi 2017. Per l’acconto 2017, il contribuente può applicare le aliquote in vigore per il 2016, in sede di saldo (dicembre) dovrà necessariamente considerare quelle nuove deliberate per il 2017.

martedì 23 maggio 2017

8, 5 e 2 per mille, 770: i software sono sul web

Dichiarazioni 2017: nuove applicazioni in linea. Si tratta dei software per effettuare le scelte dei destinatari dell’8, 5 e 2 per mille dell’Irpef 2017, e del software per predisporre il 770/2017 ordinario e poi verificare l’operato.

martedì 23 maggio 2017

Beni agevolati da indicare in dichiarazione Redditi

È arrivata la fase finale delle operazioni di assegnazione o cessione dei beni o di trasformazione agevolata eseguite entro il 30 settembre 2016. L’operazione si perfeziona con l’indicazione in dichiarazione dei redditi del valore dei beni assegnati e della relativa imposta sostitutiva, come ha chiarito la circolare 26/E/2016 (paragrafo 5).

martedì 23 maggio 2017

730: le autocertificazioni rafforzano il visto di conformità

Controllo dei documenti di spesa, effettuazione delle relative annotazioni quando necessarie e richiesta delle dichiarazioni sostitutive per i dati che il contribuente può autocertificare. Quest’anno gli operatori possono contare su un supporto molto utile e completo, costituito dalla circolare 7/E del 4 aprile 2017, che elenca  i requisiti essenziali e la documentazione necessaria a fronte delle varie tipologie di spesa agevolate dal legislatore. Un “manuale di sopravvivenza” per il soggetto certificatore, scaturito dalla collaborazione tra le Entrate e la Consulta nazionale dei Caf, a cui può affidarsi anche il contribuente alle prese con la precompilata fai-da-te per ridurre al minimo gli errori di compilazione.

martedì 23 maggio 2017

Beni strumentali 4.0: nuove FAQ

In materia di beni strumentali il Ministero dello Sviluppo Economico risponde, con nuove FAQ, su iper e super ammortamenti. Le caratteristiche indicate nell’allegato A relativamente ai “beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori o azionamenti”, rappresentano le caratteristiche minime per poter considerare il macchinario 4.0. Tutto ciò che è equivalente, o anche superiore tecnologicamente, è iper ammortizzabile.

lunedì 22 maggio 2017

Definizione agevolata: contribuenti avvisati via sms

Sms di Equitalia anche ai contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata dei ruoli.  Chi ha aderito alla rottamazione delle cartelle potrà accedere al servizio “Se mi Scordo” di Equitalia che prevede l’invio di una mail o di un sms dedicato a chi ha un piano di rate o a quei contribuenti che vogliono essere avvisati se Equitalia viene incaricata di riscuotere un debito.

lunedì 22 maggio 2017

Rettifiche al modello Redditi Sc

I modelli Redditi 2017 Società di capitali e Redditi 2017 Enti non commerciali e le relative istruzioni (approvati con provvedimenti del 31 gennaio scorso) hanno previsto un adeguamento alle disposizioni contenute nel  decreto “milleproroghe” (Dl 224/2016, convertito, con modificazioni, dalla legge 19/2017). Con il provvedimento 11 maggio 2017 si apportano delle modifiche conseguenti all’applicazione dell’articolo 13-bis del “milleproroghe”, che ha previsto un coordinamento della disciplina in materia di Ires e Irap con il Dlgs 139/2015.

lunedì 22 maggio 2017

Voluntary disclosure: verifiche sui contanti

La Gdf sta invitando contribuenti a fornire notizie, informazioni e documenti sulle attività finanziarie detenute direttamente o indirettamente all’estero ancorché oggetto di regolarizzazione. È un’attività svolta, come si evince dagli inviti, a seguito di comunicazioni della componente specialistica della Guardia di finanza (Reparti speciali) finalizzate a prevenire, ricercare e reprimere violazioni in materia di valute, titoli, valori e mezzi di pagamento nazionali, europei ed esteri e di movimentazioni finanziarie e di capitali. In concreto, dai primi confronti con gli uffici, ai contribuenti che hanno aderito alla voluntary disclosure vengono richiesti riscontri per dimostrare che non vi siano state violazioni alla normativa valutaria sul trasferimento di denaro al seguito sia in entrata, sia in uscita dal territorio dello Stato.

lunedì 22 maggio 2017

CIGO: chiarimenti interpretativi e applicativi

L’INPS, con messaggio n.1856 del 3 maggio 2017, ha fornito chiarimenti in merito ai presupposti interpretativi e applicativi riguardo la concessione dei trattamenti di CIGO. Con la soppressione delle locali commisioni provinciali e con la definizione delle fattispecie che integrano le causali di CIGO nel DM n.95442/2016 si sono poste le basi per la realizzazione di importanti obiettivi: la definizione di criteri valutativi conformi alla legge e uniformi su tutto il territorio nazionale che garantiscono un procedimento veloce e standardizzato. In tutte le ipotesi in cui si ritenga di dover rigettare la domanda di CIGO per carenza di elementi valutativi, è necessario attivare la procedura di cui all’art.11, co.2, DM n.95442/2016. La sede competente dovrà chiedere all’azienda, fornendo un termine di 15 gg, ogni elemento necessario al completamento dell’istruttoria. Nel caso risulti comunque necessario emanare un provvedimento di reiezione, bisognerà indicare nel provvedimento l’avvenuta attivazione della predetta ulteriore fase istruttoria. Nel caso in cui l’attività lavorativa riprenda nel periodo intercorrente tra la presentazione della domanda CIGO e l’adozione del provvedimento decisorio, si deve ritenere oggettivamente provato il requisito della transitorietà. L’avvenuta ripresa dell’attività lavorativa sana di fatto anche l’eventuale carenza nell’istanza di elementi probatori. Per le istanze di CIGO con causale “mancanza di lavoro o commesse”, l’avvenuto conseguimento di nuovi ordinativi/commesse costituisce uno degli indici che denotano la possibilità di ripresa dell’azienda, ma non deve essere l’unico elemento della valutazione.

lunedì 22 maggio 2017

Split payment professionisti: sconto del 30%

Sconto sullo split payment per i professionisti. E’ una delle indicazioni emersa al termine del lungo confronto tra maggioranza e Governo sugli emendamenti alla manovra correttiva all’esame della commissione Bilancio della Camera.

lunedì 22 maggio 2017

Antiriciclaggio: le segnalazioni tramite il CNDCEC

Con l’informativa n. 29/2017 il CNDCEC ha comunicato l’operatività di un software per la segnalazione di operazioni sospette. Il software si chiama AS-SOS ed è disponibile sul sito commercialisti.it, raggiungibile anche dal sito http://anticiriclaggiopro.it. Il software, che cripterà automaticamente i dati, riceverà le segnalazioni in forma anonima;  per effettuare la segnalazione e per seguirne l’iter è necessaria la registrazione da parte dei dottori commercialisti e degli esperti contabili mediante l’inserimento dei dati richiesti.

venerdì 19 maggio 2017

Dichiarazioni: le liquidazioni Iva al 12 giugno

Buone notizie per professionisti e imprese sulle comunicazioni periodiche Iva e sull’invio degli F24 per le compensazioni. Sul primo fronte il ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan firmerà oggi il provvedimento che differisce al 12 giugno prossimo il termine per l’invio delle nuove comunicazioni dei dati sulle liquidazioni periodiche Iva introdotte con il decreto fiscale di fine anno collegato alla manovra di bilancio per il 2017. Sul termine del 31 maggio per l’invio al Fisco delle informazioni sulle liquidazioni Iva il presidente nazionale dei commercialisti, Massimo Miani, aveva chiesto a più riprese un differimento della scadenza soprattutto in virtù della mancanza degli applicativi necessari. E appellandosi a quanto previsto dallo Statuto del contribuente il 5 maggio scorso Miani aveva chiesto espressamente un ampio rinvio della scadenza di fine maggio.

venerdì 19 maggio 2017

Causale per “Ebinforma”

L’Ente bilaterale nazionale Mpmi “Ebinforma” ha affidato all’Inps, con convenzione dello scorso 24 aprile, la riscossione, tramite F24, dei contributi per il suo finanziamento. Con la risoluzione 61/E del 18 maggio 2017, l’Agenzia delle Entrate ha istituito la causale contributo “EBFO”.

venerdì 19 maggio 2017

Proroga dei dati IVA al 12 giugno.

Il Ministero dell’economia e delle finanze ha dichiarato che è in preparazione un DPCM che ufficializzerà la proroga al 12 giugno prossimo per la presentazione della prima comunicazione dei dati delle liquidazioni IVA

venerdì 19 maggio 2017

Agricoltori: stop Irap

A partire dal 2016 la tassa regionale non si applica alle aziende che operano nel settore agricolo e non devono presentare la relativa dichiarazione. L’esenzione dall’imposta regionale si applica a tutti i soggetti che operano nel settore agricolo
indipendentemente dalla natura giuridica e dal regime applicato ai fini delle imposte dirette. Il presupposto è quello di
svolgere le attività rientranti potenzialmente nel reddito agrario di cui all’articolo 32 del Tuir. Si tratta delle attività
di coltivazione dei terreni, silvicoltura, allevamento di animali con mangimi ottenibili per almeno un quarto dai
terreni e le attività connesse di trasformazione e manipolazione di prodotti agricoli compresi nel dm 13 febbraio
2015.

venerdì 19 maggio 2017

ACE: nuova aliquota

Per la base Ace, ritorna il calcolo temporalmente illimitato e si riduce ulteriormente il rendimento nozionale. Tra gli emendamenti segnalati e su cui si concentrerà l’esame della commissione Bilancio della Camera a partire dall’inizio della prossima settimana spicca l’emendamento all’articolo 7 del Dl 50/2017, che punta a sostituire la norma prevedendo una nuova, progressiva contrazione del coefficiente da utilizzare per determinare la deduzione, con effetto già dall’esercizio corrente. Si passerebbe dal 2,3% all’1,95% per il 2017 e dal 2,7% al 2,20% per il 2018. Dal 2019, il rendimento dovrebbe collocarsi all’1,75%.

venerdì 19 maggio 2017

Collocamento obbligatorio: assunzione in caso di diffida

Il MLPS con nota n. 2283 del 23 marzo 2017 interviene sull’impossibilità di procedere alla stipula delle convenzioni per l’assunzione di disabili in caso di diffida. L’Ispettorato Interregionale del lavoro di Milano ha formulato richiesta di parere al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con nota n.15914 del 22 dicembre 2016, in merito alla stipula della convenzione in caso di assunzione di disabili in seguito a diffida. In risposta al quesito avanzato, ai
fini dell’adempimento della diffida le uniche modalità di assolvimento dell’obbligo sono la presentazione agli uffici competenti della richiesta di assunzione o la stipulazione del contratto di lavoro con la persona con disabilità avviata dagli uffici, evidenziando che queste previsioni appaiono in linea con quelle dell’art.7, co.1-bis, legge n.68/1999.

venerdì 19 maggio 2017