Web tax al 3%

Con il pacchetto di emendamenti del senatore Boccia, arriva il via libero alla web tax. Sarà quantificata al 3% (invece che il 6%), ritenuta da parte del committente (e non più a opera del gestore della carta di credito o della banca) e con nuova soglia quantitativa per far scattare il prelievo, pari a 3 mila operazioni online nell’arco di un anno solare. Le prestazioni di servizi che vi saranno soggette saranno individuate con un decreto Mef, previsto entro il 30 aprile 2018.


Partecipa alla discussione sul forum.