Voluntary disclosure: la procedura non copre i rischi antiriciclaggio

L’adesione alla procedura di collaborazione volontaria non sana le violazioni della normativa antiriciclaggio. Il fatto è stato chiarito dall’Unità di informazione finanziaria (UIF) della Banca d’Italia.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it